Apri il menu principale
Architettura
statunitense

Washington 05 183.jpg
Architettura coloniale statunitense
Architettura georgiana
Architettura coloniale olandese
Architettura coloniale francese
Architettura coloniale tedesca
Architettura coloniale spagnola
Stile Adam
Stile Federale
Stile Jeffersoniano
Stile neogreco
Stile italianeggiante
Stile neogotico
Stile vittoriano
Romanico Richardsoniano
Stile Secondo Impero
Rinascimento americano
Folk Victorian
Stick style
Queen Anne Style americano
Shingle
Territorial
Stile Beaux-Arts
Scuola di Chicago
Stile revival coloniale britannico
Stile revival coloniale olandese
Stile revival mediterraneo
Mission revival
Stile revival coloniale spagnolo
Tudor revival
Pueblo revival
Territorial revival
American Craftsman
Prairie School
American Foursquare
California bungalow
Art déco
Streamline Moderne
PWA Moderne
International style
Usonian
American ranch
Architettura moderna
Architettura postmoderna
Neoeclettismo
Neoclassicismo
Categoria:Architettura
Storia dell'arte
modifica
Memorial City Hall, Auburn, New York, costruito nel 1929-30 in Stile revival coloniale britannico
La Historic Robinson Hall del campus della Louisiana Tech University a Ruston, Louisiana, deve il proprio nome dal secondo presidente dell'istituto William Claiborne Robinson.

Lo Stile revival coloniale britannico (in inglese Colonial Revival), noto anche come Stile Neocoloniale, Revival Georgiano o Stile Neo-Giorgiano) è uno stile architettonico nazionale sviluppatesi negli Stati Uniti. Esso, parte del movimento architettonico del revival coloniale, esso abbraccia lo Stile Georgiano e lo Stile Neoclassico, cercò di riprendere lo stile architettonico, il disegno di giardini e degli interni dell'architettura coloniale americana.

L'Esibizione del Centenario del 1876 risvegliò negli americane il loro interesse per il loro passato coloniale. Questo movimento raggiunse il proprio apice negli anni '90 dell'Ottocento.

Indice

StoriaModifica

 
L'ufficio postale di Hyattsville, nel Maryland, in Stile revival coloniale britannico

Come si è detto l'architettura di revival coloniale americana ebbe luogo dopo il 1876, mantenendosi prettamente ad uso privato mentre per gli edifici pubblici venne utilizzato solo a partire dall'inizio del XX secolo grazie alla sua pubblicizzazione tramite libri e le fotografie di Wallace Nutting con scene di vita nel New England. Attrazioni storiche come il Colonial Williamsburg.

Durante gli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale, elementi dell'architettura coloniale vennero uniti a quelli popolari dello stile ranch.

CaratteristicheModifica

 
Una casa in stile revival coloniale britannico progettata da Henry M. Jackson a Everett, Washington.

Lo stile revival coloniale britannico seguì pedissequamente lo stile architettonico del periodo della Rivoluzione Americana e dello Stile Georgiano inglese.

Le strutture sono tipicamente a due piani con la facciata parallela alla strada, con un fronte simmetrico ed una porta d'ingresso accentuata. Le porte stesse erano spesso elaborate, con pilastri, colonne, finestre simmetriche fiancheggianti l'ingresso, portici ed altri elementi decorativi.

BibliografiaModifica

  • A. Axelrod, The Colonial Revival in America 1985.
  • William Butler, Another City Upon a Hill: Litchfield, Connecticut, and the Colonial Revival
  • Karal Ann Marling, George Washington Slept Here: Colonial Revivals and American Culture, 1876–1986 1988.
  • Richard Guy Wilson and Noah Sheldon, The Colonial Revival House 2004.
  • Richard Guy Wilson, Shaun Eyring and Kenny Marotta, Re-creating the American Past: Essays on the Colonial Revival 2006.

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85028560
  Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura