Apri il menu principale
Structures from Silence
ArtistaSteve Roach
Tipo albumStudio
Pubblicazione1984
Durata59:00
GenereMusica d'ambiente[1]
New age[2]
EtichettaFortuna
ProduttoreSteve Roach
Steve Roach - cronologia
Album precedente
(1983)
Album successivo
(1986)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 5/5 stelle
Piero Scaruffi 8/10
OndaRock Consigliato[3]
Exclaim! 7/10[4]

Structures from Silence è un album in studio di Steve Roach del 1984.

Nel 2001 è uscita una versione rimasterizzata di Structures from Silence, mentre al 2014 risale una sua edizione deluxe, con tracce bonus, che celebra il suo trentennale. Dell'album è uscita anche una versione album video (1987), che riproduce immagini realizzate da Marianne Dolan.[5]

Il discoModifica

Structures from Silence rappresenta la prima vera e propria incursione dell'artista nella musica d'ambiente, genere che ha approfondito dopo gli album degli esordi, ancora vicini all'estetica sonora di Vangelis e dei Tangerine Dream.[6] Le tre lunghe composizioni del disco vennero registrate fra il 1982 e il 1984[6] e si caratterizzano per gli accordi diafani e le armoniche sospese.[5] Reflections In Suspension è basata sulla variazione di due figure melodiche sovrapposte fra loro e sugli accordi delicati che si ripetono ciclicamente,[1][6] la seguente Quiet Friend riprende la formula sonora del primo brano in maniera più eterea[6] mentre la conclusiva title track sarebbe invece una "mezz'ora di beatitudine contemplativa, piena di droni fusi e note alte che brillano e svaniscono".[1]

AccoglienzaModifica

Structures from Silence è stato accolto molto positivamente dalla critica e viene considerato da alcuni uno degli album ambientali migliori di sempre.[1][7] Piero Scaruffi ha dato ad esso un voto pari a 8/10 e afferma che si tratta di uno degli album solisti migliori dell'artista insieme a Dreamtime Return (1988) e World's Edge (1992).[6] Lo Yoga Journal ha affermato che "da qui (l'album Structures from Silence) gli ascoltatori vengono trasportati da una dolce corrente di maestosi bassi, rintocchi e nuvole sfocate di suoni in bilico", mentre la rivista Fact afferma che si tratta di uno degli album ambient più importanti mai realizzati.[7] AllMusic dà all'album il massimo dei voti e sostiene che "la profondità dei dettagli, dalle alte note e dai toni scintillanti, alle spazzate synth semi-orchestrali e ai bassi droni che fanno le fusa, rendono piacevole l'ascolto", mentre Pitchfork lo considera il trentatreesimo disco ambientale migliore di sempre.[1] Il Weekly World News sostiene che l'album sia in grado di "catturare gli accordi del paradiso".[8]

TracceModifica

  1. Reflections In Suspension – 16:40
  2. Quiet Friend – 13:20
  3. Structures from Silence – 29:00

NoteModifica

  1. ^ a b c d e (EN) The 50 Best Ambient Albums of All Time, su pitchfork.com. URL consultato il 6 dicembre 2018.
  2. ^ (EN) The 20 Best Reissues of 2014, su factmag.com. URL consultato il 6 dicembre 2018.
  3. ^ Steve Roach, su ondarock.it. URL consultato il 6 dicembre 2018.
  4. ^ (EN) Structures from Silence, su exclaim.ca. URL consultato il 6 dicembre 2018.
  5. ^ a b (EN) Bio, su steveroach.com. URL consultato il 6 dicembre 2018.
  6. ^ a b c d e Steve Roach, su scaruffi.com. URL consultato il 6 dicembre 2018.
  7. ^ a b (EN) Structures From Silence, su projektrecords.bandcamp.com. URL consultato il 6 dicembre 2018.
  8. ^ (EN) People near death all hear the same heavenly music, in Weekly World News 24 nov 1998, 24 novembre 1998.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica