Apri il menu principale

Le Suore Oblate del Sacro Cuore di Gesù sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: le suore di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla O.S.C.[1]

Indice

Cenni storiciModifica

La congregazione, detta in origine delle Vittime del Sacro Cuore,[2] venne fondata il 2 febbraio 1894 da Maria Teresa Casini (1864-1937) con l'aiuto di Arsenio Pellegrini, abate del monastero basiliano di Grottaferrata.[3]

L'istituto venne riconosciuto come istituto di diritto diocesano dal cardinale Francesco di Paola Cassetta, vescovo di Frascati, con decreto del 1º novembre 1916; ricevette il pontificio decreto di lode il 5 dicembre 1947.[3]

Attività e diffusioneModifica

Le Oblate del Sacro Cuore si dedicano all'assistenza all'infanzia in scuole e asili e al sostegno ai sacerdoti bisognosi.[2]

Oltre che in Italia, sono presenti in Brasile, Guinea-Bissau, India e Stati Uniti d'America:[4] la sede generalizia è a Grottaferrata.[1]

Al 31 dicembre 2005 l'istituto contava 201 religiose in 26 case.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2007, p. 1649.
  2. ^ a b Enciclopedia Rizzoli Larousse, vol. X (1969), pp. 675-676, voce Oblato.
  3. ^ a b DIP, vol. VI (1980), coll. 601-602, voce a cura di B. Ferroni.
  4. ^ Oblate sisters - Locations, su oblatesistersofshj.com. URL consultato il 23-6-2009.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo