Apri il menu principale

Le Suore del Preziosissimo Sangue, dette Preziosine, sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: i membri di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla S.P.S.[1]

Cenni storiciModifica

La congregazione deriva da una comunità di giovani donne che, sotto la guida di Maria Matilde Bucchi (1812-1882), nel 1852 iniziò a lavorare presso la casa delle Canossiane di Monza con l'intento di andare a costituire un terz'ordine.[2]

Quando fu chiaro che la comunità non avrebbe potuto continuare a operare all'interno della congregazione canossiana (le regole delle Figlie della Carità non consentivano alle suore di avere una classe di religiose a loro soggetta), nel 1874 le donne andarono a costituire una famiglia religiosa autonoma e il barnabita Giusto Pantalini redasse per loro delle nuove costituzioni.[2]

L'istituto, detto del Preziosissimo Sangue, venne canonicamente eretto in congregazione di diritto diocesano il 17 maggio 1876 dall'arcivescovo di Milano Luigi Nazari di Calabiana e ricevette l'approvazione pontificia il 10 luglio 1934.[2]

Attività e diffusioneModifica

Le Preziosine si dedicano ad attività in campo educativo e assistenziale: nel 1938 si sono aperte all'opera di evangelizzazione affiancando i barnabiti nelle missioni nel Pará.[2]

Oltre che in Italia, sono presenti in Brasile, Kenya, Timor Est, Birmania:[3] la sede generalizia è a Monza.[1]

Al 31 dicembre 2005 l'istituto contava 478 religiose in 63 case.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2007, p. 1665.
  2. ^ a b c d DIP, vol. VII (1983), coll. 816-817, voce a cura di A.M. Erba.
  3. ^ Le nostre missioni, su preziosine.it. URL consultato il 2-4-2010 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2009).

BibliografiaModifica

  • Annuario Pontificio per l'anno 2007, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2007. ISBN 978-88-209-7908-9.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (10 voll.), Edizioni paoline, Milano 1974-2003.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo