Sybille Haynes nata Overhoff (Leverkusen, 3 luglio 1926) è un'etruscologa e accademica britannica di origine tedesca.

BiografiaModifica

Nata a Leverkusen dall'austriaco Julius Overhoff e dalla tedesca Edith Kloeppel,[1] Sybille Haynes è cresciuta tra Berlino, Francoforte sul Meno e l'Austria. Ha studiato all'Università di Francoforte e all'Università Ludwig Maximilian di Monaco, prima di trasferirsi nel Regno Unito negli anni Cinquanta. Ha lavorato con manufatti etruschi al British Museum per molti anni.[1]

Nel 1965 è divenuta membro straniero dell’Istituto Nazionale di Studi Etruschi ed Italici.[2] Nel 1985 è entrata a far parte del Centro per lo studio dell'antichità greca e romana del Corpus Christi College Oxford. [1]

Nel 1985 è divenuta membro corrispondente dell'Istituto archeologico germanico. È decorata con l'Ordine dell'Impero Britannico.[1] Ha pubblicato numerosi libri specializzati.

Opere principaliModifica

  • 1965, (EN) Etruscan Bronze Utensils, Londra;
  • 1971, (EN) Etruscan Sculpture, Londra;
  • 1974, (EN) Land of the Chimaera. An Archaeological Excursion in the SouthWest of Turkey, Londra;
  • 1981, (DE) Die Tochter des Augurs. Aus dem Leben der Etrusker, Mainz;
  • 1985, (DE) Zwischen Mäander und Taurus: eine archäologische Reise in Kleinasien, Monaco di Baviera;
  • 1985, (EN) Etruscan Bronzes, Londra e New York;
  • 1981, (DE) Die Tochter des Augers, (fiction); Francoforte sul Meno (reprint. 2008) come Die Etruskerin.
  • 1987, (EN) The Augur’s Daughter, (fiction) Londra;
  • 2000, (EN) Etruscan Civilization: A Cultural History, Londra;
  • 2005, (DE) Kulturgeschichte der Etrusker, Mainz;
  • 2008, (DE) Die Etruskerin, Mainz.

NoteModifica

  1. ^ a b c d (EN) Swaddling, Judith e Perkins, Philip (a cura di), Etruscan by Definition: The Cultural, Regional and Personal Identity of the Etruscans, Londra, The British Museum Press, 2009.
  2. ^ Istituto Nazionale di Studi Etruschi ed Italici - sito ufficiale- membri stranieri, su http://studietruschi.org, Istituto Nazionale di Studi Etruschi ed Italici, 2018. URL consultato il 7 dicembre 2018.

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN51758755 · ISNI (EN0000 0001 1641 5911 · LCCN (ENn86067448 · GND (DE13621987X · BNF (FRcb123222592 (data) · NLA (EN35181555 · WorldCat Identities (ENn86-067448