Taj ad-Dīn İbrahim ibn Hizr Ahmedi (13341413) è stato un poeta ottomano, considerato uno dei più grandi poeti anatolici del XIV secolo.

Nato in Anatolia, da giovane andò a studiare con Akmal al-Din al-Babarti al Cairo. Protetto dall'emiro di Germiyan, Süleyman Şah (1367-1386).

Da giovane, visitò la corte di Bayezid I, e partecipò alla battaglia di Ancyra, dove incontrò e scrisse un Qaṣīda a Timur. Dopo la morte di Bayezid, dedicò la sua opera "İskendernāme" a Solimano Çelebi. Modellato sulle opere di Nizami Ganjavi in 8000 distici, Ahmedi utilizza lo schema delle conquiste di Alessandro Magno per offrire discorsi di filosofia, teologia e storia. Dopo la morte del suo patrono, fu alle dipendenze di Mehmet I fino alla sua morte nel 1413.[1]

Note modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN39653231 · ISNI (EN0000 0000 6662 0422 · CERL cnp00397136 · LCCN (ENn87108725 · GND (DE118642642 · BNF (FRcb15004162n (data) · J9U (ENHE987007257548205171 · WorldCat Identities (ENlccn-n87108725