Tapan Sinha

regista indiano
Francobollo dedicato dall'India a Sinha nel 2013

Tapan Sinha (Calcutta, 2 ottobre 1924Calcutta, 15 gennaio 2009) è stato un regista indiano, considerato assieme a Satyajit Ray e Mrinal Sen uno dei più noti registi di Bollywood in lingua bengalese.

BiografiaModifica

Nato a Calcutta ma cresciuto a Bihar, si laureò in fisica nel 1946 all'università di Calcutta. Trovò lavoro come tecnico del suono e lavorò - tra gli altri con Satyen Boses. Si trasferì poi a Londra (1950- 1951), dove lavorò ai Pinewood Studios.

La sua prima esperienza alla regia fu nel 1954 (Ankush). Da allora diresse numerosi film che gli valsero numerosi premi e riconoscimenti. Tra gli altri, 19 National Film Awards in diverse categorie, il premio Unicef al Festival di Berlino, oltre ad una nomination per l'Orso d'oro (1957, per Kabuliwala) e partecipazioni ai festival di Venezia, Locarno, Londra, San Francisco (fu anche membro della giuria), Mosca (nomination per il miglior film nel 1971).

È morto il 15 gennaio 2009 per una broncopolmonite. La moglie, l'attrice Arundhati Devi, era morta nel 1990. Il figlio Anindya Sinha è un affermato zoologo.

FilmografiaModifica

  • Upahaar (1955)
  • Tonsil (1956)
  • Kabuliwala (1957)
  • Lauha Kapat (1958)
  • Kala Mati (1958)
  • Khaniker Atithi (1959)
  • Hungry Stones (Khudhito Pashan, 1960)
  • Jhinder Bandi (1961)
  • Hansuli Banker Upakatha (1962)
  • Nirjan Saikate (1963)
  • Jatugriha (1964)
  • Arohi (1964)
  • Atithi (1965)
  • Galpo Holeo Satti (1966)
  • Hatey Bazarey (1967)
  • Apanjan (1968)
  • Sagina Mahato (1970)
  • Ekhoni (1971)
  • Zindagi Zindagi (1972)
  • Aandhar Periye (1973)
  • Sagina (1974, Hindi)
  • Raja (1975)
  • Harmonium (1976)
  • Ek Je Chhilo Desh (1977)
  • Safed Haathi (1978)
  • Sabuj Dwiper Raja (1979)
  • Banchharamer Bagan (1980)
  • Adalat o Ekti Meye (1982)
  • Aadmi Aur Aurat (1982)
  • Manush (1983)
  • Didi (1984)
  • Baidurya Rahasya (1985)
  • Atanka (1986)
  • Aaj Ka Robin Hood (1987)
  • Ek Doctor Ki Maut (1991)
  • Antardhan (1992)
  • Wheel Chair (1994)
  • Daughters of This Century (1999)
  • Hutumer Naksha
  • Ajab Gayer Ajab Katha (1998)
  • Anokha Moti (2000)

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN31129987 · ISNI (EN0000 0000 7882 7754 · LCCN (ENn89203984 · GND (DE136999417 · WorldCat Identities (ENn89-203984