Apri il menu principale

Il Teatro Stabile di Bolzano è, dopo il Piccolo di Milano, il secondo Teatro stabile d'Italia[1] e la principale istituzione teatrale in lingua italiana dell'Alto Adige. Il Teatro Stabile offre i suoi spettacoli nella sede del Teatro Comunale di Bolzano.

Indice

StoriaModifica

Il Teatro Stabile venne costituito nel 1950 con l'obiettivo di riportare e ricostruire l'arte teatrale in seguito agli eventi bellici del secondo conflitto mondiale. Durante gli anni ottanta il teatro rischiò la chiusura, ma l'affidamento a Marco Bernardi della direzione artistica, regala all'istituzione grandi successi. Nel 1992 il Teatro Stabile ha ottenuto uno Statuto definitivo che vede il Comune di Bolzano e la Provincia Autonoma di Bolzano come soci fondatori. Nel 1999 la città di Bolzano si è dotata di un nuovo e grande teatro che permette allo Stabile di operare in uno spazio adeguato al proprio pubblico. Gli ultimi dati indicano una quota di spettatori che raggiunge le 120.000 unità a stagione. Dal 2015 alla direzione subentra Walter Zambaldi.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Massimo Bertoldi (a cura di), Teatro Stabile di Bolzano. 1950 – 2000: cinquant’anni di cultura e di spettacoli, Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, 2000

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro