Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Teatro stabile (disambigua).

Il teatro stabile è una forma di "organizzazione teatrale di servizio pubblico", strutturata come ente autonomo, dal particolare legame con la realtà territoriale che lo ospita[1].

Gli ideatoriModifica

Giorgio Strehler e Paolo Grassi sono stati i precursori del teatro stabile. Grassi illustra come segue le basi sulle quali si fondava la loro idea.

«Ragioni culturali ma soprattutto ragioni economiche tengono lontano il popolo dal teatro, mentre il teatro per la sua intrinseca sostanza, è fra le arti la più idonea a parlare direttamente al cuore e alla sensibilità della collettività, mentre il teatro è il miglior strumento di elevazione spirituale e di educazione culturale a disposizione della società. Noi vorremmo che autorità e giunte comunali, partiti e artisti, si formassero questa precisa coscienza del teatro considerandolo come una necessità collettiva, come un bisogno dei cittadini, come un pubblico servizio, alla stregua della metropolitana e dei vigili del fuoco, e che per questo preziosissimo pubblico servizio nato per la collettività, la collettività attuasse quei provvedimenti atti a strappare il teatro all'attuale disagio economico e al presente monopolio di un pubblico ristretto, ridonandolo alla sua vera antica essenza e alle sue larghe funzioni.»

(Paolo Grassi, dal numero di maggio '46 di Sipario)

Queste idee li portarono a fondare, un anno dopo, il Piccolo di Milano, il primo teatro stabile italiano.

«Non dunque teatro sperimentale, nemmeno teatro d'eccezione, chiuso in una cerchia d'iniziati. Invece, teatro d'arte, teatro per tutti.»

(Nel programma della stagione di fondazione del Piccolo di Milano)

In ItaliaModifica

In Italia moltissimi comuni sono proprietari di teatri, spesso affittati a gestioni private. Quasi tutti i capoluoghi di provincia sono possessori di teatri di proprietà comunale. La presenza di un teatro stabile spesso richiede che l'ente stesso riprenda il controllo dell'amministrazione diretta delle sale, con lo scopo di instaurare una gestione meno legata al fattore economico e più orientata all'idea di teatro come funzione sociale.

In un teatro gestito secondo questo ideale, le forme di abbonamento sono più semplici e convenienti, adatte anche ai meno abbienti che in questo modo hanno la possibilità di assistere a spettacoli di alto livello artistico e culturale.

Queste proposte hanno avuto il merito di allargare il pubblico delle rappresentazioni teatrali, non più limitato a quello altoborghese degli habitué della tradizione italiana otto-primonovecentesca, ma esteso a fasce consistenti di studenti, di giovani, di strati di piccola e media borghesia che sono penetrati organicamente fra gli abbonati e frequentatori dei teatri stabili.

La diffusioneModifica

A circa sessant'anni dalla nascita del primo teatro stabile italiano totalmente pubblico, il Piccolo di Milano, oggi vi sono diciassette strutture attive in territorio italiano. Nel giro di meno di un decennio - fra il 1947 e il 1955 - i tre poli industriali, Milano, Genova e Torino, si attrezzano con teatri stabili.

StrutturaModifica

Il sistema degli stabili si fonda su una coppia di consoli, un direttore organizzativo accanto a un direttore artistico: a Milano Grassi e Strehler, a Genova Chiesa e Squarzina, a Torino Nuccio Messina e Gianfranco De Bosio.

Teatri stabili ad iniziativa privataModifica

I teatri stabili ad iniziativa privata o mista pubblico-privata, denominati "teatri stabili privati", si caratterizzano per un progetto artistico integrato di produzione, formazione, promozione, ospitalità ed esercizio.

Teatro stabile d'innovazioneModifica

I teatri stabili di innovazione sono teatri stabili con finalità culturali definite, che svolgono, con carattere di continuità, attività di produzione e promozione nel campo della sperimentazione, della ricerca e del teatro per l'infanzia e la gioventù. Tale attività si caratterizza per finalità pubblica del progetto artistico-culturale; particolare attenzione dedicata al rinnovamento del linguaggio teatrale ed alle nuove drammaturgie; sviluppo del metodo di ricerca anche in collaborazione con le università; rapporto con il territorio, con particolare riferimento alle zone che presentano una inadeguata presenza teatrale.

NoteModifica

  1. ^ cfr. la voce "stabile, teatro" su Felice Cappa Pietro Gelli, Dizionario dello Spettacolo del '900, ISBN 88-8089-295-9, Baldini&Castoldi, Milano.
  Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Teatro