Parità di potere d'acquisto

(Reindirizzamento da Teoria della parità dei poteri di acquisto)

La parità di potere d'acquisto (PPA; in inglese: Purchasing power parity - PPP) è un indice che consente di confrontare i livelli dei prezzi tra località diverse, appartenenti ad una stessa area valutaria o ad aree valutarie diverse. In quest'ultimo caso, l'indice introduce una relazione tra i prezzi e il tasso di cambio[1]. La teoria ha una versione assoluta e una versione relativa.

Indice

Versione assoluta della PPAModifica

Per la versione assoluta della PPA, i livelli generali dei prezzi di due paesi non possono differire quando vengono raffrontati dopo averli convertiti nella medesima valuta. Vale, cioè, la seguente relazione:

 

Dove   è il livello generale dei prezzi per il paese 1,   è il livello generale dei prezzi per il paese 2 e   è il tasso di cambio tra la moneta del paese 2 e la moneta del paese 1.

Versione relativa della PPAModifica

La versione relativa della PPA guarda al momento in cui i prezzi variano e quindi va presa in esame la seguente formula:

 

La variazione percentuale del livello dei prezzi del paese 1 e quella del livello dei prezzi del paese 2, se raffrontate una volta che i prezzi siano espressi in termini di una stessa valuta, devono essere uguali.

La formula in questione può essere così trasformata:

 

È possibile scrivere l'equazione in termini di logaritmi. Infatti la variazione assoluta del logaritmo naturale di una variabile è una buona approssimazione della variazione percentuale della stessa variabile.  ,  e   sono i logaritmi naturali di  ,   e  .

 

Poiché la variazione percentuale del livello generale dei prezzi non è altro che il livello di inflazione, è possibile trasformare nuovamente l'equazione.

 

Ciò significa che quando il tasso di inflazione del paese 2 ( ) aumenta (diminuisce) o il tasso di inflazione del paese 1 ( ) diminuisce (aumenta), il tasso di cambio   aumenta (diminuisce). Cioè, la moneta del paese 1 si apprezza (si deprezza) rispetto a quella del paese 2. Questo perché nel caso di aumento dei prezzi nel paese 2 gli operatori troveranno più convenienti i beni del paese 1 e l'aumentata domanda della valuta di quest'ultimo paese ne provocherà un aumento del cambio rispetto alla valuta del paese nel quale i prezzi sono aumentati.

Monete apprezzate e deprezzate.Modifica

È ora possibile introdurre una semplice applicazione di questa teoria. Prima, però, è necessario sottolineare che la teoria in questione è da interpretare come una teoria di lungo periodo.

Il tasso di cambio realeModifica

L'equazione della versione assoluta della teoria può essere scritta nel seguente modo:

 

Va notato che   non è altro che il tasso di cambio reale. Di conseguenza, per la versione assoluta della teoria, il tasso di cambio reale deve essere uguale a 1. La variazione percentuale del tasso di cambio reale, approssimato dai logaritmi, può essere scritta nel seguente modo:

 

Poiché vale  , ne deriva che l'equazione precedente deve essere uguale a 0. Di conseguenza, la variazione del tasso di cambio reale deve essere pari a 0.

 

Il tasso di cambio reale, quindi, deve essere costante. È chiaro che questa condizione non è soddisfatta nel breve periodo (poiché il tasso di cambio reale fluttua quotidianamente), ma secondo alcuni studi il tasso di cambio reale, nel lungo periodo, tende a tornare verso il livello di equilibrio.

Il Big Mac IndexModifica

È possibile, a questo punto, stabilire se una moneta è apprezzata (o deprezzata) oppure no rispetto ad un'altra. Qualora la PPA non fosse verificata (l'equazione dà un determinato tasso di cambio, ma il tasso di cambio effettivamente verificato è diverso), si apre la strada per questa verifica. Ad esempio, se in base al confronto tra i prezzi di euro e dollaro, ne risulta che il tasso di cambio dovrebbe essere di (ad es.) 1,250 (dollari per ottenere un euro), ma in realtà questo tasso di cambio è di 1,350, vuol dire che l'euro è sopravvalutato rispetto al dollaro.

Un indice molto utilizzato è quello del Big Mac Index (basato sui prezzi del celebre panino e pubblicato dall'Economist), anche se, in realtà, questo indice si basa sulla legge del prezzo unico.

Riscontri realiModifica

In realtà la teoria della parità dei poteri d'acquisto non ha avuto molti riscontri reali, principalmente perché si fonda sulle seguenti semplificazioni:

  • la somiglianza tra il livello generale dei prezzi dei due paesi, cioè il fatto che i due paesi usano panieri molto simili per misurare l'inflazione;
  • l'assenza di costi di trasporto e di beni non commerciabili
  • l'assenza di barriere commerciali, come i dazi;
  • l'assenza di pratiche monopolistiche od oligopolistiche.

NoteModifica

  1. ^ Il tasso di cambio qui indica la quantità di valuta estera per ottenere una unità di valuta nazionale. Quando il tasso aumenta (diminuisce), la moneta nazionale si apprezza (si deprezza).

BibliografiaModifica

  • De Arcangelis G (2005), Economia internazionale. Milano, McGraw-Hill. ISBN 88-386-6232-0
  • Jossa B, Musella M (1996), Macroeconomia: teorie per la politica economica. Roma, Carocci. ISBN 88-430-0455-7

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia