Apri il menu principale
Therese Behr, 1903[1]

Therese Schnabel (Stoccarda, 14 settembre 1876Lugano, 30 gennaio 1959) è stata un contralto tedesco. Era molto nota per le sue interpretazioni di lied. Ha sposato il pianista Artur Schnabel nel 1905.

Indice

BiografiaModifica

Therese Behr nacque a Stoccarda il 14 settembre 1876 dall'arredatore d'interni Carl Behr e sua moglie Lina Behr (nata Zenegg). Nel 1881 la famiglia si trasferì a Magonza. Il fratello di Therese Behr, il direttore d'orchestra e violinista Hermann Behr, le fece dare lezioni di musica nella vicina Francoforte sul Meno, da Julius Stockhausen; studiò con Stockhausen dal 1893 al 1995 e poi continuò a Colonia con Franz Wüllner.[2]

Si trasferì a Berlino nel 1898 per studiare con Etelka Gerster. Nel 1900 l'allora sconosciuto pianista Artur Schnabel fu assunto per accompagnare la Behr, che aveva già avuto una carriera internazionale di successo, in una tournée di concerti nella Prussia Orientale. I due si sposarono nel 1905. Si esibivano spesso insieme ed era la fama della Behr come cantante di Lieder, e la sua insistenza sul fatto che suo marito l'accompagnasse, che attirava l'attenzione del pubblico sull'abilità di Schnabel come pianista.[3] L'appartamento di dodici stanze degli Schnabel sulla Wielandstrasse a Berlino-Charlottenburg divenne presto un punto d'incontro per i circoli musicali berlinesi. La Behr teneva anche lezioni di canto nella loro casa.

Dopo che i nazisti salirono al potere nel 1933, la Behr e Schnabel lasciarono Berlino, perché Schnabel aveva chiaramente intuito i problemi politici che sarebbero venuti.[4] Per i successivi anni trascorsero le estati a Tremezzo, sul Lago di Como e gli inverni a Londra. Le estati a Tremezzo, durante questi anni, furono anche l'occasione per la Behr, Schnabel e il loro figlio Karl Ulrich Schnabel di tenere corsi estivi.[2] La famiglia si trasferì a New York nel 1939, dove la Behr continuò a insegnare.

La Behr tornò in Europa per la prima volta nel 1946, dopo la guerra. Da allora in poi trascorse le estati in Svizzera e in Italia. Dopo la morte di Schnabel nel 1951, tornò definitivamente a Tremezzo e vi rimase fino alla sua morte a Lugano il 30 gennaio 1959. I documenti di Therese Behr sono conservati presso l'Archivio musicale dell'Akademie der Künste di Berlino.

FamigliaModifica

La Behr e Artur Schnabel ebbero due figli, il pianista Karl Ulrich Schnabel (1909-2001)[5] e l'attore Stefan Schnabel (1912-1999).[5] La figlia di Karl Ulrich Schnabel, Ann Schnabel Mottier, gestisce attualmente la Schnabel Music Foundation insieme al marito François Mottier.[6]

CarrieraModifica

Therese Behr iniziò la sua carriera di cantante come allieva di Julius Stockhausen a Francoforte sul Meno e continuò la sua educazione musicale con Franz Wüllner a Colonia. Nel 1898, all'età di 22 anni, si trasferì a Berlino per studiare con Etelka Gerster. La sua prima "esitante" apparizione nel 1897 fu seguita da un secondo debutto il 21 gennaio 1899 alla Singakademie di Berlino, accompagnata dallo studente di Liszt Alfred Reisenauer.[2][5][7] Questa esibizione, che presentava musica di Schubert e Brahms, fu accolta molto positivamente: l'Allgemeine musikalische Zeitung dichiarò che "una vera e propria grande sacerdotessa dell'arte è sorta ancora una volta".[2][8] Gli anni seguenti videro spettacoli di Lieder a Londra, Parigi, San Pietroburgo, Mosca, Budapest e Bruxelles, tra gli altri.[2]

Nel 1903 Therese fondò il Berliner Vokalquartett (Quartetto vocale di Berlino) assieme al soprano Jeanette Grumbacher-de Jong, il tenore Ludwig Hess e il basso Arthur van Eweyk. Il quartetto era famoso per le sue esibizioni con l'orchestra di opere come Messiah di Händel e la Nona Sinfonia di Beethoven.[9]

Il compositore e critico austriaco Wilhelm Kienzl scrisse del gruppo:

«I protagonisti dalle quattro belle voci si sono adattati insolitamente bene insieme, come se fossero stati selezionati con amore e comprensione tra centinaia di cantanti da qualcuno con un orecchio raffinato. Anche l'intelligenza e il senso dello stile giocano un ruolo significativo: qui si ha il risultato di un lavoro intenso, con il quale è stata raggiunta una raffinata gradazione del suono che a malapena si ha l'impressione che stiano cantando quattro persone. E ancora, nonostante l'umile sottomissione dell'individuo al gruppo, l'individualità di ogni artista può essere riconosciuta. La tecnica d'insieme (precisione ritmica, dinamica, simultaneità delle consonanti iniziali e finali) non lascia nulla a desiderare.»

Kienzl aveva una sola lamentela:

«È increscioso che questo quartetto d'élite non esegua brani vocali a quattro voci a cappella, come vecchi madrigali e mottetti che, anche grazie alla suono stesso, apporterebbero una certa varietà al programma.[10]»

Il primo incontro di Therese e Schnabel nel 1900 fu anche l'inizio di una collaborazione musicale permanente. I due erano noti per le loro interpretazioni dei Lieder di Schubert, Schumann e Brahms. I loro concerti sono stati descritti come un'esibizione del "gusto più sottile e raffinato"; in essi, scrisse il recensore Wilhelm Kleefeld, "la volontà più determinata si è unita all'abilità più perfetta: queste serate di Schubert, Schumann e Brahms hanno offerto a tutti i partecipanti ore di pura e genuina gioia del suono".[11] Nell'inverno del 1909/1910 la Behr e Schnabel eseguirono il ciclo di canzoni di Schubert Die Winterreise. Il biografo di Schnabel, Saerchinger, osservò che "è stata un'impresa rischiosa per una donna cantare questo ciclo di canzoni intensamente romantico, impostato su una serie di poesie che sono palesemente sfogo di un giovane malato d'amore e che nella mente del pubblico pragmatico avrebbe richiesto la voce di un uomo".[12] Tuttavia il concerto fu accolto con tale successo che il duo eseguì tutti i cicli di canzoni di Schubert negli anni successivi. Ripeterono questa impresa nel centenario di Schubert del 1928 in concerti che il critico Alfred Einstein descrisse come "la più alta integrazione possibile di poteri interpretativi applicati a sentimenti profondi e sinceri".[13]

Il duo eseguì non solo opere di affermati maestri tedeschi, ma anche le stesse canzoni di Schnabel per voce e pianoforte, molte delle quali erano dedicate a sua moglie.

Dopo la nascita dei suoi figli Therese apparve in pubblico meno frequentemente, accompagnata quasi sempre dal marito e, più tardi, da suo figlio Karl Ulrich Schnabel.

La Behr ha insegnato durante la sua vita. Tra i suoi studenti figurano Doda Conrad, Tilla Durieux, Eva Leßmann, Hilde Ellger, Gertrud Hindemith, Sabine Kalter, Lotte Leonard, Peter Pears, Maria Stader, Erika Stiedry-Wagner, Mary Simmons e Randolph Symonette.

ReputazioneModifica

La Behr era molto nota per la sua ricca voce e il suo "istintivo senso del fraseggio e dell'enfasi".[14] Wilhelm Kienzl scrisse che "trattava il suo mezzosoprano morbido e ben bilanciato [sic] con raffinatezza artistica".[15] La sua voce ispirò Richard Strauss a comporre la sua canzone Traum durch die Dämmerung (1895) per lei.

Oltre ad essere famosa come interprete di lied fu anche acclamata come solista con orchestra; la sua carriera iniziale vide esibizioni con i direttori Arthur Nikisch, Felix Weingartner e Richard Strauss.[5] Lo scrittore britannico e amico della famiglia Edward Crankshaw scrisse: "Non ci sono molte persone che hanno la minima idea della meravigliosa musicalità di Therese Behr Schnabel, ... o del debito che suo marito aveva nei suoi confronti. Lei era più anziana di lui di parecchi anni e fu lei che, dopo i suoi giorni da bambino prodigio, lo impose al pubblico tedesco insistendo per apparire come la sua accompagnatrice. Aveva il tatto musicale più infallibile di chiunque io abbia mai conosciuto e questo veniva fuori dal suo canto anche quando non aveva più voce".[3]

DiscografiaModifica

L'unica registrazione della Behr dall'apice della sua carriera è una registrazione acustica privata del 1904:

  • Etichetta Symposium CD 1356

Esistono alcune altre registrazioni degli anni '30; queste registrazioni sono state fatte ben oltre il massimo fulgore della carriera di Behr:

  • The Schnabels: Un'eredità musicale, registrazioni storiche perse e inedite. Mozart, Schumann, Schubert, C.P.E. Bach, J.S. Bach, Mendelssohn, Paradisi. (CD: TownHall Records THCD74A-B)
  • Schubert e Schnabel - Una registrazione storica, Volume IV. (New York: Arabesque Records, 1987)

NoteModifica

  1. ^ Rivista "Berliner Leben", numero 12 (1903).
  2. ^ a b c d e Therese Behr-Schnabel, su Lexikon verfolgter Musiker und Musikerinnen der NS-Zeit, Universität Hamburg. URL consultato il 3 dicembre 2015.
  3. ^ a b Edward Crankshaw, Introduction, in Artur Schnabel (a cura di), My Life and Music, St. Martin's Press, 1963, p. xv.
  4. ^ Werner Grünzweig, Preface, in Artur Schnabel (a cura di), Walking Freely on Firm Ground, Wolke, 2014, pp. 8–9.
  5. ^ a b c d Therese Behr Schnabel, su Schnabel Music Foundation. URL consultato il 3 dicembre 2015.
  6. ^ The Schnabel Music Foundation - The Founders, su schnabelmusicfoundation.com.
  7. ^ Cesar Saerchinger, Artur Schnabel - A Biography, Cassell & Company, 1957, p. 68.
  8. ^ Cesar Saerchinger, Artur Schnabel - A Biography, Cassell & Company, 1957, p. 64.
  9. ^ Neue Zeitschrift für Musik, vol. 101, nº 17, 1905.
  10. ^ "Die Klangcharaktere die vier schönen Stimmen passen ungemein gut zueinander, als wären sie mit Liebe und Verständnis von einem feinen Ohre unter Hunderten ausgewählt worden. Natürlich hat hieran auch die künstlerische Intelligenz und das Stilgefühl der Sänger selbst wesentlichen Anteil. Man hat hier das Ergebnis ausdauernder Arbeit vor sich, mit der eine so feine Abtönung des Zusammenklanges erreicht wurde, die das Gefühl kaum aufkommen lässt, dass vier Personen am Werke sind. Und doch gibt sich bei aller bescheidenen Einordnung des Einzelnen in das Ganze die Individualität jedes Künstlers zu erkennen. Die Ensemble-Technik (rhythmische Präzision, Dynamik, Gleichzeitigkeit der an- und auslautenden Konsonanten) lässt keinen Wunsch offen. Bedauerlich ist es, dass dieses Elite-Quartett nicht einige vierstimmige a capella-Gesänge, etwa alte Madrigale und Motetten, zum Vortrage bringt. Diese würden—schon was die Klangwirkung betrifft—einige Abwechslung ins Programm bringen." Wilhelm Kienzl, Das Berliner Vokal-Quartett (1905), in Im Konzert: von Tonwerken und nachschaffenden Tonkünstlern empfangene Eindrücke, Allgemeine Verein für deutsche Literatur, 1908, pp. 147.
  11. ^ Wilhelm Kleefeld, Ein Berliner Musikwinter, in Velhagen & Klasings Monatshefte, vol. 20, nº 2, 1906, p. 46.
  12. ^ Cesar Saerchinger, Artur Schnabel. A Biography, Cassell & Company, 1957, p. 102.
  13. ^ Cesar Saerchinger, Artur Schnabel. A Biography, Cassell & Company, 1957, p. 194.
  14. ^ Cesar Saerchinger, Artur Schnabel - A Biography, Cassell & Company, 1957, p. 67.
  15. ^ Wilhelm Kienzl, Das Berliner Vokal-Quartett (1905), in Im Konzert: von Tonwerken und nachschaffenden Tonkünstlern empfangene Eindrücke, Allgemeine Verein für deutsche Literatur, 1908, pp. 147.

BibliografiaModifica

  • Edward Crankshaw, My Life and Music, Prefazione di Artur Schnabel, New York, St. Martin's Press, 1963.
  • Grünzweig, Werner. Prefazione di Artur Schnabel, Walking Freely on Firm Ground. A cura di Werner Grünzweig, Lynn Matheson e Anicia Timberlake. Hofheim: Wolke, 2014.
  • Kleefeld, "Ein Berliner Musikwinter," Velhagen & Klasings Monatshefte, vol. 20 no, 2 (1906): 46.
  • Kienzl, Wilhelm. "Das Berliner Vokal-Quartett (1905)." In Im Konzert: von Tonwerken und nachschaffenden Tonkünstlern empfangene Eindrücke. Allgemeine Verein für deutsche Literatur, 1908.
  • Neue Zeitschrift für Musik, vol 101, no 17 (1905)
  • Saerchinger, Cesar. Artur Schnabel: A Biography. Londra: Cassell & Company, 1957.
  • Therese Behr Schnabel, su Schnabel Music Foundation.
  • Therese Behr-Schnabel, in Lexikon verfolgter Musiker und Musikerinnen der NS-Zeit, Universität Hamburg.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN51874434 · ISNI (EN0000 0000 4414 6387 · LCCN (ENno95004624 · GND (DE116110317 · BNF (FRcb13891300w (data) · WorldCat Identities (ENno95-004624