Lugano

città svizzera del Canton Ticino
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Lugano (disambigua).
Lugano
comune
Città di Lugano
Lugano – Stemma
Lugano – Veduta
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneWappen Tessin matt.svg Ticino
DistrettoLugano
Amministrazione
SindacoMichele Foletti (LDT) dal 4 ottobre 2021
Lingue ufficialiitaliano
Territorio
Coordinate46°00′N 8°57′E / 46°N 8.95°E46; 8.95 (Lugano)
Altitudine273 - 2 116 m s.l.m.
Superficie75,8 km²
Abitanti67 082[1] (31-12-2019)
Densità884,99 ab./km²
Sottodivisioni ulteriorivedi Quartieri di Lugano
Comuni confinantiAlta Valle Intelvi (IT-CO), Arogno, Bioggio, Brusimpiano (IT-VA), Campione d'Italia (IT-CO), Canobbio, Capriasca, Cavargna (IT-CO), Collina d'Oro, Grancia, Massagno, Melide, Morcote, Muzzano, Paradiso, Ponte Capriasca, Porza, Savosa, Sorengo, Val Rezzo (IT-CO), Valsolda (IT-CO), Vezia, Vico Morcote
Altre informazioni
Cod. postaleda 6900 a 6917, 6932, 6951, 6959, da 6962 a 6968, da 6974 a 6979
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
Codice OFS5192
TargaTI
Cl. climaticaMedia 12°
Nome abitantiluganesi
Patronosan Lorenzo
Giorno festivo1º agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Lugano
Lugano
Lugano – Mappa
Sito istituzionale

Lugano (in dialetto ticinese e comasco[2] Lügàn [lyˈgaŋ][3]; in tedesco Lauis o Lowertz [desueto]; in romancio Ligiaun) è un comune svizzero di 67 082 abitanti[1] del Cantone Ticino.

Palmizi sul Lungolago di Paradiso

Nona città svizzera per popolazione[4][5], principale centro urbano cantonale e della Svizzera italiana con 151 522 abitanti nel suo hinterland, si estende dalle pendici del San Salvatore al Monte Brè fino alla cima del Gazzirola; su circa 75,8 km² di superficie ad un'altezza che varia dai 272 m s.l.m. sulla riva del lago di Lugano, ai 2 116 dell'alta Val Colla. Località turistica molto frequentata, Lugano si è inoltre affermata mondialmente come piazza bancaria internazionale di primo piano, al terzo rango in Svizzera dopo Zurigo e Ginevra.

È la più grande città di lingua italiana al di fuori del territorio della Repubblica Italiana, se si eccettua Fiume, in cui la lingua italiana è de facto[senza fonte] coufficiale insieme con il croato ed è conosciuta da una percentuale consistente della popolazione, seppur parlata come madrelingua soltanto dall’1,9%[6] (del resto, la comunità fiumana degli Italiani vanta circa 7.400 iscritti, numero superiore a coloro che si dichiarano di madrelingua italiana).

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

ClimaModifica

Lugano è caratterizzata da un clima continentale influenzato dalle correnti alpine, con un tempo molto variabile a seconda della stagione. Gli inverni sono rigidi ma mitigati dal lago nei quartieri della pianura, mentre le estati presentano periodi di caldo secco ed altri di afa.

L'autunno a Lugano può essere molto variabile, normalmente nei primi giorni di settembre correnti più fredde e umide irrompono nella vallata, portando ad un abbassamento marcato delle temperature e all'arrivo di periodi di pioggia prolungati. Le temperature cominceranno man mano a scendere, non mancano comunque giornate tiepide in settembre e talvolta in ottobre. Le prime gelate si registrano mediamente in novembre, o occasionalmente in ottobre, i primi fiocchi di neve cadono in pianura verso fine novembre, o anche dopo.

La temperatura maggiore mai registrata a Lugano è 37 °C, mentre la minore corrisponde a −20,8 °C, registrati nel febbraio 1994 in zona Viganello. La temperatura è molto diversa nelle varie zone: nel centro e nei quartieri in pianura le temperature minime sono più miti, mentre nelle zone dell'alta Val Colla le temperature possono attestarsi anche a parecchi gradi sotto zero.

Le nevicate sono possibili da novembre ad aprile e si conta quasi sempre almeno una nevicata l'anno. La primavera è tiepida e ventosa, nel mese di maggio è molto sentita la presenza del favonio che soffia con raffiche che possono superare in certi casi i 120 km/h. Durante l'arco dell'anno si contano mediamente 28 giorni di gelo. I giorni di ghiaccio sono possibili durante l'inverno ma non così frequenti. Secondo la classificazione dei climi di Köppen Lugano corrisponde a Cfb, quindi a climi temperati, miti e umidi.

Negli ultimi anni la città ha subito pesantemente gli effetti del riscaldamento globale facendo scendere drasticamente i giorni di gelo e di ghiaccio, nonostante ciò nella città e nella periferia durante periodi freddi le temperature possono precipitare di parecchi gradi sotto lo zero. Gli ultimi episodi di freddo intenso si contano nel febbraio 1994 dove la temperatura nella piana cittadina precipitò fino a −20 °C, il 2001 portò un blizzard che investì in pieno la zona con forti nevicate e temperature attestate decisamente sotto lo zero, nel febbraio 2012 durante un periodo di freddo intenso la temperatura precipitò oltre dieci gradi sotto zero alle rive del lago e intorno ai −18 °C nelle zone collinari e della periferia, nel gennaio 2017 una forte incursione fredda portò il fiume Cassarate a gelare quasi completamente e il fiume Vedeggio completamente, portando lastre di ghiaccio nello stesso Lago di Lugano, lo stesso accadde nel febbraio e marzo 2018, dove la foce del fiume ghiacciò completamente dopo che le temperature precipitarono oltre −10 °C.[7][8]

LUGANO[9] Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 5,67,412,315,519,924,026,525,821,016,110,97,46,815,925,416,016,0
T. min. mediaC) −0,80,33,67,411,714,416,115,713,19,13,70,50,07,615,48,67,9
Giorni di calura (Tmax ≥ 30 °C) 00000,11,73,82,40,10,00,00,00,00,17,90,18,1
Giorni di gelo (Tmin ≤ 0 °C) 16,410,84,11,50,00,00,00,00,00,02,510,637,85,60,02,545,9
Giorni di ghiaccio (Tmax ≤ 0 °C) 1,70,90,00,00,00,00,00,00,00,00,20,93,50,00,00,23,7
Precipitazioni (mm) 665280156196164153158185142127801984324754541 559
Giorni di pioggia 4,84,66,110,612,810,07,99,68,49,17,86,415,829,527,525,398,1
Nevicate (cm) 12,73,50,50,00,00,00,00,00,00,00,68,825,00,50,00,626,1
Giorni di neve 2,01,50,40,00,00,00,00,00,00,00,21,34,80,40,00,25,4
Giorni con manto nevoso ≥ 1 cm 4,33,60,40,00,00,00,00,00,00,00,21,39,20,40,00,29,8
Umidità relativa media (%) 70656166706866697378727068,365,767,774,369
Ore di soleggiamento mensili 1151341861711872182552411871401041083575447144312 046

Origini del nomeModifica

Sull'origine del toponimo Lugano vi sono diverse teorie:

  1. dal nome del dio celtico Lugus, protettore delle acque[senza fonte]
  2. dal latino lucus, bosco sacro, selva[10]
  3. dall'acronimo della "Legio V (quinta) Gaunica Auxiliares", una legione ausiliaria dell'impero romano, da cui sarebbe derivato poi anche lo stemma della città, tuttavia la ricerca filologica più aggiornata la ritiene cervellotica e destituita di ogni fondamento [senza fonte]
  4. dal latino medioevale Lakvannus, ovvero abitanti sul lago[11].

StoriaModifica

Primi insediamenti ed i romaniModifica

Le sponde del Lago di Lugano sono state abitate sin dall'età della pietra. Entro i confini della città moderna (Breganzona, Castagnola, Davesco e Gandria) sono state rinvenute numerose macine. Nella zona di Lugano sono stati rinvenuti reperti dell'età del rame e dell'età del ferro. Ci sono monumenti etruschi a Davesco-Soragno (dal V al II secolo a.C.), Pregassona e Viganello (dal III al II secolo a.C.). Tombe con gioielli e oggetti per la casa sono state trovate ad Aldesago, Davesco, Pazzallo e Pregassona insieme a denaro celtico a Viganello.

La regione intorno al Lago di Lugano fu colonizzata dai Romani nel I secolo a.C.. C'era un'importante città romana a nord di Lugano, a Bioggio. Ci sono meno tracce dei romani a Lugano, ma diverse iscrizioni, tombe e monete indicano che alcuni romani vivevano in quella che sarebbe diventata Lugano. In epoca romana Lugano, il cui nome romano era Luganum, era il terminale della via Varesina, che metteva in comunicazione Milano con Lugano passando da Varese, da cui il nome della strada.

Le origini ed il MedioevoModifica

Già nel 724 il borgo di Lugano veniva nominato nella donazione che re Liutprando fece alla Basilica di San Carpoforo di Como. I primi documenti indicanti l'esistenza della città moderna sono datati all'875, altri documenti, risalenti all'804 e all'844, si riferiscono al Lago di Lugano come "Laco Luanasco", e un atto del 984 indica Lugano come città di mercato.

Nel medioevo, per secoli, Lugano come le altre terre dell'attuale Cantone Ticino seguirono le vicende delle lotte, tra guelfi e ghibellini, dei vicini Comuni lombardi di Como e Milano, i cui conflitti ebbero spesso come campo di battaglia proprio la regione che costituisce ora la Svizzera italiana, cadendo dal XIII al XIV secolo sotto la dominazione comasca della famiglia Rusca. Del secolo XIV sono i primi Statuti, a noi solo in parte noti, redatti sulla falsariga di quelli di Como del 1335, ci sono invece pervenuti integralmente gli statutari luganesi del 1441, redatti sotto la dominazione milanese, basati su quelli anteriori. Nel 1449, quando il borgo ricadde per breve tempo sotto la signoria di Como, quest'ultima si affrettò tuttavia ad imporre nuovamente la propria legislazione.

Tali contese si chiusero con l'avvento del definitivo predominio di Milano, sotto la signoria dei Visconti, nel 1335, dopo il lungo dominio della famiglia Rusca. Allo stesso tempo si rafforza il legame tra il paese e la valle, nel 1405-1406 i documenti attestano l'esistenza di una vallis comunitas Lugani et, un organo di governo indipendente. La nuova comunità comprendeva le parrocchie di Lugano, Agno, Riva San Vitale e Capriasca. Nel 1416 il duca di Milano, Filippo Maria Visconti, conquistò definitivamente la regione di Lugano e la valle della Rusca e ne fece un feudo. La città è stata in grado di assicurarsi la completa indipendenza solo dopo la redazione degli statuti del 1441, pur appartenendo al ducato milanese.

Il rinascimento, la conquista francese e la dominazione confederataModifica

Tra il 1433 e il 1438 il duca di Milano, Aloisio Sanseverino, sedeva come feudatario su Lugano, risarcendo la famiglia Rusca con la proprietà di Locarno. Sotto il regno dei suoi eredi nei decenni successivi scoppiarono ribellioni e rivolte, che durarono fino all'invasione francese del 1499, guidata da Mondragon.

La città fu occupata dalla Confederazione elvetica nel 1512, che la strapparono ai francesi. Dunque, dopo più di cento anni di dominio da parte delle potenti città lombarde, in concomitanza con la perdita dell'indipendenza del Ducato di Milano e con le invasioni straniere in Italia, s'instaurò il quasi trisecolare governo dei Confederati.

La città era fortificata e dove oggi sorgono il Palacongressi e Villa Ciani si poteva scorgere un castello costruito dai comaschi nel 1286, ricostruito da Ludovico il Moro nel 1498 e consegnato dai francesi ai confederati il 26 gennaio 1513 dopo un assedio durato sei mesi. La costruzione fu definitivamente abbattuta dagli svizzeri (prevalentemente per motivi di costi di manutenzione) dopo la conquista del territorio luganese.

A tale lungo periodo, durante il quale la città di Lugano era un baliaggio dei 13 Cantoni dell'allora Confederazione elvetica pose fine l'invasione napoleonica, in particolare fu significativa per il Ticino l'entrata di Napoleone Bonaparte in Lombardia nel maggio del 1796 e la creazione della Repubblica Cisalpina.

La mattina del 15 febbraio 1798, infatti, i Cisalpini sbarcarono a Lugano, essi incontrarono però la resistenza dei Volontari del Borgo, una guardia costituita fra la popolazione locale su iniziativa dei rappresentanti dei cantoni sovrani. Seguì una convulsa giornata di scontri, al termine della quale i Cisalpini, malgrado un iniziale successo, furono respinti. Gli elementi più aperti della borghesia luganese approfittarono tuttavia degli eventi per realizzare la sospirata indipendenza della città al motto di "liberi e svizzeri".

A determinare la svolta verso l'adesione alla Repubblica Elvetica piuttosto che alla Repubblica Cisalpina contribuirono sia l'affrancamento dei baliaggi decretata dal Canton Basilea, rapidamente imitato da altri Cantoni, sia la nuova costituzione della Repubblica Elvetica. Quest'ultima, costituendo i due Cantoni di Lugano e Bellinzona, troncò le resistenze degli altri Cantoni confederati, per niente disposti a concedere la libertà ai territori d'oltralpe.

Il periodo della Repubblica Elvetica fu per Lugano, come per il resto del paese, un'epoca di continui rivolgimenti e sommosse popolari, causati principalmente dal malcontento delle popolazioni rurali per la politica del nuovo Stato unitario. Lo stesso Napoleone dovette prenderne atto e con l'Atto di Mediazione del 1803 sancì la nascita del Cantone Ticino, unendo il Cantone di Lugano con quello di Bellinzona per fondare una Repubblica formalmente sovrana e indipendente all'interno della riformata Confederazione Svizzera.

Con la caduta di Napoleone nel 1815, il Congresso di Vienna confermò l'indipendenza dei nuovi Cantoni e nacque così la Svizzera dei 22 Cantoni. Per il Cantone Ticino la nuova Costituzione - di tendenza restauratrice - risolse in modo salomonico la questione della capitale cantonale con l'alternanza ogni sei anni delle città di Bellinzona, Locarno e Lugano; quest'ultima, quindi, nel XIX secolo funse anche da capitale del Canton Ticino.

Risorgimento italiano e LuganoModifica

 
Foto della città nel 1905

Nel XIX secolo Lugano svolse un ruolo rilevante nelle vicende del Risorgimento italiano, in quanto sulle rive del Ceresio hanno trovato rifugio molti e importanti esuli italiani.

Vi ha vissuto Carlo Cattaneo, precisamente nel quartiere di Castagnola, dove si era ritirato dopo il fallimento della rivolta delle Cinque Giornate di Milano e qui morì il 16 febbraio 1869. A Villa Tanzina ha soggiornato Giuseppe Mazzini per diversi anni, ospite di Sara Nathan, amica carissima anche del Cattaneo. Qui si era trasferito anche il patriota Abbondio Chialiva dopo aver fatto fortuna nelle Americhe, e qui aveva acquistato la villa, dove ospitava patrioti italiani e intratteneva rapporti con diversi intellettuali. A Lugano aveva riparato anche Maurizio Quadrio che aveva organizzato l'insurrezione della Val d'Intelvi insieme al Mazzini nel 1848. Fu Lodovico Frapolli, patriota italiano rifugiato a Lugano dal 1849 al 1853, che si interessò alla creazione del Liceo cantonale.

La crescita della "Nuova Lugano"Modifica

Il 15 dicembre 2002 è stato approvato in votazione dalla popolazione il progetto Nuova Lugano, ossia dell'aggregazione alla città di Lugano di diversi comuni limitrofi.

Il 4 aprile 2004 vennero aggregati i comuni di Breganzona, Cureggia, Davesco-Soragno, Gandria, Pambio Noranco, Pazzallo, Pregassona e Viganello.

Il 20 aprile 2008 vennero aggregati i comuni di Barbengo, Carabbia e Villa Luganese.

Il 20 novembre 2011 i comuni di Bogno, Cadro, Certara, Cimadera, Sonvico e Valcolla votarono per l'aggregazione alla città[12], e l'11 marzo 2012 fece lo stesso il comune di Carona.[13]. Le aggregazioni sono operative dal 14 aprile 2013[14].

StemmaModifica

Sul significato della sigla LVGA e della grafica dello stemma esistono molteplici ipotesi, ma non esistono interpretazioni ufficiali. La testimonianza più antica a colori dello stemma della città (sfondo rosso e la croce argentata con la sigla LVGA) risale al 1588 e la si trova su un attestato di benservito rilasciato dalla città al balivo (capitano reggente o landfogto) Sebastian von Beroldingen, originario del Canton Uri, documento visibile al museo di Altdorf.

L'uso della V in luogo della U, secondo l'uso delle iscrizioni romane, fa credere che l'origine sia romana, quasi ad indicare effettivamente una legione. Un'altra interpretazione faceta indicherebbe che la sigla LVGA sia l'acronimo di "La Vera Giustizia Antica".

La versione corrente dell'Amministrazione comunale, comprovata da alcune copie di documenti datati 1208 e 1209 (gli originali sono andati persi) depositati nell'Archivio della Diocesi di Lugano, è che LVGA non sia nient'altro che l'abbreviazione del nome della città stessa. Questa interpretazione è stata avanzata fin dal 1861 dal Consigliere di Stato ticinese Pietro Peri in un suo scritto in materia araldica sui comuni ticinesi[15].

AmministrazioneModifica

Giudici di pace 2009Modifica

Circolo di Lugano Ovest

  • Eletto in forma tacita
  • Giudice di pace

(PLR) Giovanni Gherra (nato il 1º febbraio 1953, Lugano – Castagnola)

  • Eletta in forma combattuta
  • Supplente Giudice di pace

(PPD) Maddalena Ermotti-Lepori (nata il 24 agosto 1957, Lugano)

  • Circolo di Lugano Est
  • Eletto in forma combattuta
  • Giudice di pace

(PLR) Giuseppe Cassina (nato il 1º settembre 1952, Lugano – Cureggia)

  • Eletto in forma combattuta
  • Supplente Giudice di pace

Ivan Vitalini (nato il 28 dicembre 1963, Lugano – Davesco-Soragno)

Il patriziato[16]Modifica

  • Patriziato di Lugano (entro i confini amministrativi del 1972): l'ufficio patriziale[17][18]è presieduto dall'avvocato Giorgio Foppa
  • Patriziato di Bogno (entrato a far parte di Lugano in seguito all'aggregazione di Val Colla nel 2013): l'ufficio patriziale è presieduto da Adriano Reali
  • Patriziato di Brè (in seguito all'aggregazione di Brè-Aldesago nel 1972): l'ufficio patriziale è presieduto da Fabrizio Demarchi
  • Patriziato di Cadro (in seguito all'aggregazione del 2013): l'ufficio patriziale è presieduto da Tiziano Frigerio
  • Patriziato di Carona (in seguito all'aggregazione del 2013): l'ufficio patriziale è presieduto da Ares Bernasconi
  • Patriziato di Castagnola (in seguito all'aggregazione nel 1972): l'ufficio patriziale è presieduto da Andrea Ender
  • Patriziato di Certara (in seguito all'aggregazione di Val Colla nel 2013): l'ufficio patriziale è presieduto da Roberto Moresi
  • Patriziato di Cimadera (in seguito all'aggregazione di Val Colla nel 2013): l'ufficio patriziale è presieduto da Edy Campana
  • Patriziato di Colla (in seguito all'aggregazione di Val Colla nel 2013): l'ufficio patriziale è presieduto da Joseph Moresi
  • Patriziato di Davesco-Soragno (in seguito all'aggregazione nel 2004): l'ufficio patriziale è presieduto da Arnaldo Fassora
  • Patriziato di Insone-Corticiasca (in seguito all'aggregazione di Val Colla nel 2013): l'ufficio patriziale è presieduto da Alberto Rossini
  • Patriziato di Piandera (in seguito all'aggregazione di Val Colla nel 2013): l'ufficio patriziale è presieduto da Sergio Moresi
  • Patriziato di Scareglia (in seguito all'aggregazione di Val Colla nel 2013): l'ufficio patriziale è presieduto da Angelo Petralli
  • Patriziato di Sonvico (in seguito all'aggregazione nel 2013): l'ufficio patriziale è presieduto da Vico Malfanti
  • Patriziato di Villa Luganese (in seguito all'aggregazione nel 2008): l'ufficio patriziale è presieduto da Marco Francesco Bulani

Le famiglie patrizie attuali di LuganoModifica

  • Airoldi, Alleoni, Anastasi, Bariffi, Bellasi, Beretta, Beretta-Piccoli, Bernasconi (due ceppi), Bianchi, Bossi, Brentani, Camuzzi, Conti (due ceppi), Crivelli, De Carli, De Filippis, Domeniconi Foppa, Gorini, Laghi, Lepori, Lurati, Luvini, Moroni-Stampa, Morosini, Perlasca, Riva (due ceppi), Salmini, Solari, Soldini, Torricelli, Vegezzi e Viglezio.

Le famiglie patrizie attuali di Brè-AldesagoModifica

  • Aprile, Caratti, Danesi, Demarchi, Gianini, Gilardi, Malacrida, Monti, Navoni, Pedrotta, Prati, Raselli, Sabbioni, Sala, Scopazzini, Taddei, Zeppi.

Le famiglie patrizie estinte di Brè

  • Gedra, Molinari, Snaghi, Talleri.

GemellaggiModifica

I quartieriModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Quartieri di Lugano.

La città di Lugano è suddivisa in 21 quartieri.

La città del futuroModifica

La città è impegnata in numerosi grandi progetti che ne stanno cambiando radicalmente il volto. Tra questi figurano:

  • Il polo culturale della Svizzera italiana[19] LAC - Lugano Arte e Cultura con teatro, sala concerti e museo sul lungolago della città che ha aperto le porte al pubblico nel settembre 2015[20].
  • Il collegamento ferroviario Lugano-Mendrisio-Varese-Gallarate-Malpensa[21] (entrato in servizio nel corso del 2017) permette di unire più efficacemente i poli di Lugano, Varese e Como-Chiasso e - da metà 2018 - di garantire un accesso ferroviario diretto all'aeroporto di Malpensa.
  • Stazione ferroviaria: la città di Lugano è la principale fermata della Svizzera italiana per i treni a lunga percorrenza che dal 2016 sfruttano la nuova ferrovia transalpina e la galleria ferroviaria più lunga del mondo (progetto Alptransit)[22]. Con la costruzione di AlpTransit, Zurigo e Lugano distano appena un'ora e cinquanta minuti. Inoltre, dal 2020, con l'apertura della galleria del Monte Ceneri, anche i collegamenti interni al Cantone si sono accorciati: tra Bellinzona e Lugano a 12 minuti invece di 22-33 attuali; tra Locarno e Lugano a 20-25 minuti invece di 48. Il progetto per la ristrutturazione della stazione di Lugano[23] prevede il recupero di un'area pregiata, l'insediamento di servizi e il miglioramento dei collegamenti tra il centro e la parte in collina della città.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

La città e la sua architettura hanno un carattere prettamente ticinese, ospita il palazzo della Curia vescovile della diocesi di Lugano[24]. Negli ultimi cinquant'anni, dal 1950 al 2000 circa, la speculazione edilizia ha trasformato il volto cittadino con la perdita di numerose residenze, case, ville e palazzi risalenti ai secoli XVI-XIX.

Architettura religiosaModifica

Centro storicoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Lugano Centro.

Galleria d'immaginiModifica

Quartiere di Molino NuovoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Molino Nuovo.
 
Vista da ovest della zona popolare residenziale di Lugano

Quartiere di PazzalloModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Pazzallo.

Quartiere di BreganzonaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Breganzona.

Ruvigliana e CavallinoModifica

  • L'oratorio di San Michele sotto il quartiere di Ruvigliana, dove sorgeva un castello attestato già nel secolo XII
  • L'oratorio di San Carlo Borromeo, nella località di Cavallino

Quartiere di LoretoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Loreto (Lugano).

La chiesa di santa Maria di Loreto sorge su un poggio oltre la valletta del riale Tassino. Villa La Tanzina - oggi demolita - era situata in territorio di Loreto. Abbondio Chialiva, esule italiano che aveva realizzato una cospicua fortuna in Sud America, divenne proprietario della villa, che prendeva il nome dal primo proprietario, il nobiluomo milanese Franco Tanzi. Il Chialiva fece realizzare il busto di George Washington nel 1859: al momento della demolizione della villa, il busto fu spostato ove si trova attualmente, sul Lungolago. Successivamente, la villa passò a Sara Nathan Levi, che vi ospitò Giuseppe Mazzini e altri patrioti italiani.

Galleria d'immaginiModifica

Architettura civileModifica

Il centro storicoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Lugano Centro.

Galleria d'immaginiModifica

Quartieri a nord del centro storicoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Lugano Centro.

Quartieri ad ovest del centro storicoModifica

  • La stazione delle FFS sull'omonima piazza, eretto nel biennio 1875-1876 in forme neorinascimentali su piani di Adolf Göller
  • Nella Salita Bossoli la Casa d'appartamenti Pax, edificata dall'architetto Augusto Guidini junior nel 1934
  • L'Hotel Bristol (palazzo d'appartamenti), edificato da Paolito Somazzi per Vincenzo Fedele negli anni 1900-1903
  • In via Motta la Casa d'appartamenti Solatia, realizzata dall'architetto Rino Tami nel biennio 1950-1951
  • In via Massagno l'ex albergo Arizona (casa d'appartamenti) edificato da Tita Carloni negli anni 1957-1959

MontarinaModifica

Il quartiere fu realizzato in gran parte dall'architetto Americo Marazzi nel 1910 circa

  • Il Belvedere, in via Montarina, forse costruita nel 1855 per il commerciante Davide Enderlin
  • Il Villino, in via Borromini, edificato da Americo Marazzi per Giovanni Lüthy negli anni 1910-1912 circa.

Quartieri a sud del centro storicoModifica

  • La Riva Vela si trova nel punto d'incontro con Riva Caccia: giardino pubblico con sculture di artisti ticinesi e internazionali del XX secolo
  • Il Monumento a Giorgio Washington, in Riva Caccia, eseguito da Angelo Bruneri, fatto innalzare nel 1859 da Abbondio Chialiva
  • La Villa Malpensata, sede del Museo delle culture
  • L'Hotel Splendide Royal, originariamente Villa Merlina

Quartiere di LoretoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Loreto (Lugano).

CassarinaModifica

  • Il Palazzo residenziale e commerciale (Pensionato Franklin College), in via Calloni, progettato da Americo Marazzi negli anni 1925-1930 circa.
  • La Villa in via Domenico Fontana, progettata da Arnoldo Ziegler per Carlo Bossi nel 1928.

Quartiere di BessoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Besso (Lugano).

Galleria d'immaginiModifica

Quartiere di Castagnola-CassarateModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Castagnola-Cassarate.
  • La Villa Heleneum, di proprietà della Città di Lugano, è affittata per eventi privati
  • La Villa Helios,

A CaprinoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Caprino (Lugano).

La località, situata sulla riva sud-ovest del Lago di Lugano sotto il Monte Caprino in faccia al centro storico della città, è nota soprattutto per le sue "cantine" ricavate nella roccia fin dal secolo XVII da famiglie patrizie luganesi e ora in gran parte ristrutturate.

  • Due case di vacanza sono state realizzate dall'architetto Peppo Brivio (nato nel 1923) nel biennio 1962-1963.

Architettura contemporaneaModifica

Degni di nota sono:

  • la Biblioteca cantonale, eretta dall'architetto Rino Tami nel biennio 1940-1941, situata vicino al Palazzo degli Studi
  • il Palazzo dei Congressi, opera dell'architetto Rolf Georg Otto degli anni 1965-1975[29]; molteplici sono le costruzioni dell'architetto Mario Botta
  • la Biblioteca del convento della Santissima Trinità
  • la BSI in viale Stefano Franscini, ex sede principale della Banca del Gottardo (1988)
  • il Palazzo Ransila in pieno centro città
  • la pensilina della stazione degli autobus, nonché alcuni palazzi amministrativi o commerciali
  • il nuovo Casinò-Kursaal sul lungolago davanti alla rivetta Tell
  • LAC Lugano Arte e Cultura, il nuovo centro culturale facilmente raggiungibile a piedi dal centro storico della città percorrendo il lungo lago
  • la zona ad alta densità abitativa di Pregassona ovest.

Galleria d'immaginiModifica

ParchiModifica

Parco CianiModifica

Il Parco Ciani è il polmone verde della città; è un vasto parco con una variata flora primaverile ed estiva e numerosi alberi ad alto fusto, tra cui alcuni molto rari; al lago la darsena è ispirata ai cottage inglesi con elementi dell'architettura ottomana. La sua superficie nel tempo è stata dimezzata per far luogo alla costruzione del Palazzo degli studi, della relativa mensa-palestra, della biblioteca cantonale e del Palazzo delle scienze. Esso circonda l'omonima Villa Ciani (ora Museo di Belle Arti), una delle più belle residenze ticinesi ottocentesche, eretta per Giacomo Ciani e Filippo Ciani dall'architetto Luigi Clerichetti nel 1840. Qui i fratelli Ciani, durante le lotte per il Risorgimento italiano, diedero ospitalità a parecchi fuoriusciti tra cui Giuseppe Mazzini e Carlo Cattaneo. Questi si accasò definitivamente a Castagnola nel villino di caccia di Pietro Peri.

Galleria d'immaginiModifica

Parco TassinoModifica

Il Parco Tassino è posto in prossimità della stazione ferroviaria in posizione panoramica, infatti si può godere della vista sul lago di Lugano. Nel punto più alto vi è la Torre Enderlin, dipinta di rosa. Grazie alla posizione, vi crescono piante come magnolie e rose a cespuglioe vi è anche una colonia di daini e mufloni. Infatti il parco era in passato una piccola riserva di caccia della famiglia Enderlin. Passato poi ad alberghi come il Métropole e il Majestic, diventò proprietà delle Ferrovie Federali Svizzere, che poi lo vendettero alla Città di Lugano nel 1970.

Galleria d'immaginiModifica

Parco San MicheleModifica

46°00′19.97″N 8°58′19.39″E / 46.005547°N 8.972053°E46.005547; 8.972053 Situato nel quartiere di Castagnola, si adagia sui pendii del Monte Brè come una terrazza panoramica in posizione privilegiata e può essere raggiunto partendo da Cassarate. I suoi romantici sentieri, coperti di fronde di palme e fiancheggiati da cipressi, da fontane e da sculture di pietra grigia, conducono nel cuore di una flora tipicamente meridionale, ricca di glicini, di ibischi e oleandri che costituiscono il parco vero e proprio, ampio 12000 m², nel quale sorge la Cappella dedicata a San Michele, edificata sulle fondamenta di un antico castello. Dietro la cappella si estende la terrazza principale panoramica del parco dalla quale si gode una vista notevole; vi si trovano anche quattro colonne che rappresentano, sotto forma di figure sedute, modellate in sabbia rossa, quattro dei nostri sensi: l'udito, la vista, il tatto e il gusto. E proprio come in questa rappresentazione delle statue, il visitatore, attraverso la varietà e la bellezza della natura, ha la percezione concreta dei propri sensi. La città sottostante e il suo traffico paiono cosa insignificante a confronto degli orizzonti e dei frastagliati crinali che lo sguardo può abbracciare.

Da qui il golfo di Lugano, con i suoi porticciuoli, il Lido e l'arcuato lungolago si offrono alla vista nella loro interezza: lo scenario è chiuso dal Monte San Salvatore che da questa angolazione rivela tutta la sua imponenza. In lontananza emergono le cime delle catene alpine in una fantasmagorìa di forme e di colori che al tramonto si fanno incandescenti.

Sulla sinistra l'occhio può spaziare fino alla pianura padana dopo aver accarezzato le località di Melide, Campione d'Italia, Bissone, gli approdi sulla riva opposta ed i fianchi del Monte San Giorgio e della Sighignola. La sensazione che se ne trae è suggestiva: si è di fronte ad un angolo di terra privilegiata ammirabile da una delle più fortunate terrazze panoramiche che è preludio alle montagne più soleggiate d'Europa. Nel 1963 il parco fu acquistato dall'ex Comune di Castagnola che non era ancora unito a quello della Città di Lugano; l'aggregazione risale al 1972.

EconomiaModifica

 
Un negozio di alimentari vicino a piazza Cioccaro

Lugano, oltre che sul turismo, basa le sue risorse sulle numerose banche e sul settore finanziario in generale che non cessa di accrescersi. La capitale finanziaria luganese ospita anche altre industrie quali, ad esempio, le fabbriche di macchinari, i resti di quella che era una florida industria di lavorazione del tabacco, la fabbricazione di cioccolata. Merita di essere segnalata anche la produzione di carta. Lugano è inoltre azionista di maggioranza del casinò cittadino, sala da grandi giochi con ristorante[30].

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Anno Totale Lugano Barbengo Breganzona Carabbia Cureggia Davesco-Soragno Gandria Lugano Centro Pambio Noranco Pazzallo Pregassona Viganello Villa Luganese
1591 35 110 330 110
1643 205 3 278
1670 245 3 402 464
1696 143 182
1769 155 4 351
1783 238
1801 227 62 194 147 244
1850 552 399 143 53 299 235 5 939 170 131 464 319 264
1860 490 443 131 44 299 239 6 231 153 129 488 287 222
1870 484 482 126 47 303 247 6 916 141 141 478 328 225
1880 510 459 113 39 322 241 7 070 215 147 519 352 216
1888 558 483 118 35 334 257 8 185 220 174 543 411 211
1900 481 521 138 47 356 235 10 847 298 154 652 634 229
1910 496 696 159 54 424 266 14 988 433 248 808 1 477 194
1920 444 658 150 49 449 209 15 514 339 268 774 1 344 188
1930 448 708 146 43 456 197 17 672 387 247 894 1 708 207
1941 480 745 128 33 427 209 19 778 381 227 1 070 1 911 219
1950 503 883 122 24 456 227 21 448 438 297 1 204 2 163 233
1960 492 1 455 110 33 545 256 23 937 423 310 1 650 3 150 209
1970 611 2 759 188 53 677 297 27 121 402 546 3 633 4 841 203
1980 632 3 444 307 78 707 221 27 815 314 848 5 297 5 515 244
1990 1 018 4 654 404 103 1 013 179 25 334 610 897 5 982 5 587 332
2000 50 857 1 559 4 782 512 112 1 288 207 26 560 570 1 162 7 354 6 284 467

Popolazione residenteModifica

Popolazione residente permanente dal 1991 al 2000

Popolazione residente permanente dal 2001 al 2009[31]

Il problema dei molinariModifica

Si tratta dell'autogestione giovanile[32] iniziata come esperienze aggregative sull'onda del 68 all'occupazione degli ex Molini Bernasconi nel 1996 a Viganello (il nome Molinari deriva da quest'occupazione). L'occupazione si è poi sviluppata negli spazi all'interno dell'ex macello comunale di Lugano (lungo il fiume Cassarate). Questo tipo di movimenti sono presenti anche a Zurigo sotto il nome di besetzer[33]. La gestione di questi spazi ha occupato il dibattito politico cittadino creando non poche tensioni per circa venti anni. La questione ha ripreso corpo durante il 2021 quando è stata emessa dal comune un'istanza di sgombero a seguito del fallimento delle trattative con i rappresentanti dei molinari[34]. La questione raggiunge l'apice durante il mese di maggio 2021 quando, durante una manifestazione cittadina, i molinari hanno effettuato l'occupazione dimostrativa dell'ex istituto Vanoni[35]. In risposta a queste azioni il Municipio di Lugano procede allo sgombero, come preannunciato negli scorsi mesi e in quella che RSI definisce 'La notte di Lugano'[36] decide di abbattere lo stabile precedentemente sede dell'occupazione[37][38][39].

Istruzione e culturaModifica

 
Università della Svizzera italiana: facoltà di informatica

IstruzioneModifica

A Lugano ha sede l'Università della Svizzera italiana con le facoltà di Scienze della comunicazione, Scienze economiche e Scienze informatiche. Nello stesso campus – anche se amministrativamente separata dall'Università della Svizzera italiana – si trova la Facoltà di teologia. Lugano (zona Trevano) è anche la sede principale della SUPSI (Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana) che propone il modello formativo delle University of Applied Sciences e rappresenta l'unica università di questo tipo in lingua italiana al mondo. Nel quartiere di Lugano-Viganello sorgerà inoltre un nuovo campus universitario, destinato ad accogliere il Dipartimento tecnologie innovative (DTI) della SUPSI, la Facoltà di informatica dell'USI e altre strutture complementari e comuni. I nuovi edifici saranno costruiti in prossimità dell'attuale Campus universitario USI, in una vasta area centrale della Città, posta sulla sponda sinistra del fiume Cassarate.

Nel quartiere di Cornaredo ha pure sede (dal 2012, in precedenza la struttura era ubicata a Manno) il CSCS, Centro Svizzero di Calcolo Scientifico, un'organizzazione nazionale con il compito di mettere a disposizione della comunità accademica – come pure della ricerca e del settore industriale – soluzioni tecnologiche avanzate nell'ambito del calcolo ad alte prestazioni. Il Centro è amministrativamente affiliato al Politecnico federale di Zurigo ed è dotato, sin dalla sua fondazione, avvenuta nel 1992, di computer fra i più potenti d'Europa.

Cultura e spettacoloModifica

Nonostante la folta presenza a Lugano di diversi artisti e magnati, la città non sempre ha seguito una politica culturale brillante. Infatti ha perso diversi pezzi artistici importanti come la Collezione Thyssen-Bornemisza che è stata trasferita a Madrid al Museo Reina Sofia, di fronte al Museo del Prado, costruito appositamente, e destino simile hanno rischiato in passato altre collezioni.

Negli ultimi periodi si sta cercando di recuperare il patrimonio artistico come la stessa Villa Favorita, che in passato conteneva la collezione Thyssen (Swissinfo: Il risveglio di Villa Favorita[collegamento interrotto]).

 
Spaccato del modello ligneo della chiesetta di San Carlino alle Quattro Fontane (Roma) del Borromini realizzato da Mario Botta (ora smontato)

In occasione dell'anniversario borrominiano l'architetto Mario Botta ha fatto erigere davanti alla Rivetta Tell lo spaccato del modellino della chiesetta di San Carlino alle Quattro Fontane a Roma.

Per alcuni anni, nel quartiere di Viganello, presso la sede in disuso dei Molini Bernasconi, aveva trovato sede un centro sociale (detto "Il Molino"), che ha proposto attività sociali e culturali nel quartiere. La presenza del centro è stata osteggiata da una parte della popolazione per questioni legate all'ordine pubblico. Contro la presenza del centro è stata fondata l'associazione ARDOS. Nel giugno del 1997 un incendio doloso brucia la struttura e sulle sue ceneri nel 2006 verrà edificato il nuovo centro commerciale Coop. Il centro sociale trova oggi spazio dentro le strutture dell'ex macello comunale.

Nell'attuale scena, composita dal profilo sia organizzativo che stilistico (teatro di prosa, teatro di marionette, teatro-danza, teatro-multimediale) si possono ricordare: I Teatranti di Pietro Ajani, il Teatro Pan, il Teatro Sunil, Luganoteatro, la Markus Zohner Theater Compagnie, il Teatro delle Radici, il Teatrodanza Margit Huber, ecc.

Per il cinquantesimo dell'ASSI (Associazione degli scrittori della Svizzera italiana) nel 1995 è stato indetto il concorso letterario denominato Premio Internazionale Due Laghi[40].

In occasione del centenario della pubblicazione di Piccolo mondo antico nel 1995 venne indetto il Concorso Antonio Fogazzaro in collaborazione col comune di Valsolda[41].

Ogni autunno Lugano propone la tradizionale festa d'autunno – festa della vendemmia (prima settimana di ottobre).

Una visita artistico/culturale di sicuro interesse è quella del quartiere di Brè-Aldesago[42] Il nucleo del paese, sparso di opere d'arte offre angoli suggestivi creati dalle sue caratteristiche costruzioni in sasso. Per l'amante dell'arte, le vie del paese, in acciottolato, offrono un percorso artistico di sicuro interesse sia per la presenza di "nomi" di rilevanza nazionale che internazionale, sia per l'accostamento arte/ambiente. Soffermarsi in questi luoghi dona senz'altro un'energia magica e benefica per il corpo e la mente.

MuseiModifica

MusicaModifica

 
Gli studi radiofonici della RSI

Lugano è sede della Fonoteca nazionale svizzera, l'archivio sonoro nazionale e parte della Biblioteca nazionale svizzera, e del Conservatorio della Svizzera italiana[43].

Vi sono diverse manifestazioni musicali. Uno dei maggiori eventi estivi è il LongLake Festival, della durata di un mese, che si compone di 7 diversi festival, tra cui il noto Estival Jazz (prime settimane di luglio). Vi sono poi anche il "Blues To Bop" (tra agosto e settembre), il "Progetto Martha Argerich", la "Primavera Concertistica" o "Palco ai giovani". L'Auditorio Stelio Molo (della RSI) offre durante l'anno una lunga serie di concerti (soprattutto jazz, musica classica e musica da camera ma non solo). Numerosi sono i gruppi ticinesi che spaziano in diversi generi musicali. Si può dire che la scena musicale non manca certo di componenti anche se molti musicisti, ormai da anni, rivendicano maggiori spazi in cui potersi esibire.

Famosa anche la cultura Hip hop tra i giovani. Luoghi ed eventi ad esempio il Club Metrò di Molino Nuovo e il Palco Ai Giovani in centro hanno interessato molte persone nella città. Cantanti conosciuti di Lugano sono: Maxi B; Karma Krew; Free Word; Havana Clab; Lowa Man; Ciemme.

Inoltre, sempre restando nell'ambito musicale, vi sono anche i Dreamshade, gruppo Melodic Death Metal formato sempre a Lugano nel 2006.

A Lugano ebbe luogo, nel 1956, la prima edizione dell'Eurovision Song Contest.

Arte e teatroModifica

LAC Lugano Arte e Cultura è il nuovo centro culturale della Città di Lugano inaugurato nel 2015 e dedicato alle arti visive, alla musica e alle arti sceniche. Il centro offre un ricco programma che spazia dalle mostre agli eventi, dalle stagioni musicali alle rassegne di teatro e danza e alle attività per famiglie e bambini.[44]

Nel LAC ha sede il Museo d’Arte della Svizzera italiana nato dall’unione tra il Museo Cantonale d’Arte e il Museo d’Arte della città di Lugano. Inoltre, al primo piano è presente una sala concertistica e teatrale da 1000 posti, costruita interamente in legno e dotata di una speciale conchiglia acustica modulare e rimovibile, aperta al pubblico durante le stagioni di LuganoInScena e di LuganoMusica. Questa è anche la sede della Compagnia Finzi Pasca e dell’Orchestra della Svizzera italiana (OSI).[44]

 
Distribuzione delle varietà principali della lingua lombarda.

LingueModifica

La lingua più diffusa nella città di Lugano è l'italiano, lingua ufficiale del Cantone Ticino[45]. Come nel resto del cantone, la seconda lingua è il lombardo, parlato in diglossia con l'italiano[46]; il dialetto locale è di tipo occidentale ed appartiene - così come gli altri dialetti parlati nel Sottoceneri - alla varietà comasca[2][47].

Secondo i dati del 2015 dell'Ufficio federale di statistica, le principali lingue parlate dalla popolazione residente a Lugano sono l'italiano (87%), il tedesco o svizzero tedesco (8,8%), l'inglese (5,4%) e il francese (5,3%) (possibilità di esprimere più lingue come principali).[48]

SportModifica

Lugano è storicamente una città sportiva le cui formazioni hanno sempre primeggiato a livello nazionale, diversi anni come il 2014 la città può vantare ben 4 titoli nazionali (Pallavolo, Pallacanestro, Pallanuoto, Hockey femminile):

Squadre cittadineModifica

HockeyModifica

L'Hockey Club Lugano (HCL), si è laureato campione svizzero sette volte: nel 1986, 1987, 1988, 1990, 1999, 2003 e 2006. A livello europeo, l'HCL è giunto due volte terzo nella Continental Cup, una volta quarto nella European Hockey League ed ha partecipato due volte alla fase finale della Coppa dei Campioni. La squadra femminile ha vinto 6 titoli svizzeri, nel 2006, nel 2007, nel 2009, nel 2010, nel 2014 e nel 2015.

CalcioModifica

Il Football Club Lugano è la principale società calcistica della città di Lugano e la più titolata del Canton Ticino.

Nel corso della sua storia il FC Lugano ha conquistato tre Campionati svizzeri (1938, 1941, 1949) e tre Coppe svizzere (1931, 1968, 1993), ha inoltre partecipato a più riprese alle competizioni europee. Attualmente milita in Super League, massima serie del campionato svizzero, vi è ritornato il 25 maggio 2015 dopo un'assenza di 13 anni.

Lo Stadio di Cornaredo, sede degl'incontri casalinghi del FC Lugano, è stato inaugurato nel 1951. Il 20 giugno 1954 ha ospitato una partita dei Mondiali di calcio (Italia-Belgio 4-1).

PallanuotoModifica

Vi ha sede la squadra della Lugano Pallanuoto, 17 volte campione svizzero, l'ultimo titolo nel 2018. La squadra di pallanuoto è la squadra cittadina che annovera più titoli nazionali in bacheca e la seconda società svizzera per titoli nazionali vinti in questo sport. La squadra milita, al momento, in NWL, la massima lega svizzera e gioca le partite casalinghe nella suggestiva cornice del Lido. Annovera tra le sue fila numerosi giovani ticinesi ed anche alcuni giocatori con un prestigioso passato nelle competizioni internazionali.

RugbyModifica

Dal 2007 esiste la squadra Rugby Lugano, essa è stata creata da uno spin-off del Rugby Ticino. La squadra partecipa al campionato della LNA.

FutsalModifica

Lugano è rappresentata nel Futsal (anche chiamato Calcio a 5) da maggio 2010 dal Lugano Pro Futsal, che milita nel campionato di Lega Nazionale A Svizzera e disputa le proprie partite casalinghe presso il Palamondo di Cadempino.

PallacanestroModifica

A Lugano ha sede la squadra del Lugano Tigers, campione svizzero per 8 volte. Nel 2010-11 ha partecipato alla fase a gruppi di Eurochallenge.

PallavoloModifica

Vi hanno sede la squadra della Pallavolo Lugano che milita nella prima lega maschile (terza divisione nazionale), vincitrice di due titoli nazionali (2013, 2014), e la squadra del Volley Lugano che milita in LNA, la massima serie femminile, dal 2015.

Football australianoModifica

A Lugano ha sede l'Aussie Rules Lugano prima squadra di football australiano fondata in Svizzera. Partecipa ai campionati organizzati dall'All Italia.

Hockey su pratoModifica

La squadra di hockey su prato è stata due volte campione svizzero di lega nazionale B e campione in coppa svizzera nel 1981.

UnihockeyModifica

La squadra dell'Unihockey Club Lugano è la prima squadra nata in Ticino e milita nel campionato di terza lega. Ha conquistato 1 campionato ticinese, 6 secondi posti e 1 terzo posto, 1 coppa Ticino, 1 titolo regionale di prima lega, 1 di seconda lega, 1 titolo regionale juniori C, 2 titoli regionale juniori D, 1 stagione in Lega Nazionale B, 1 semifinale di coppa svizzera.

Arti marzialiModifica

La palestra Fight Gym di Canobbio offre varie discipline quali Pugilato, Savate, Kick Boxing, Grappling, ju jitsu, MMA. I suoi membri possono vantare numerosi titoli in campo nazionale ed internazionale.

Eventi sportiviModifica

TennisModifica

A Lugano si è disputato dal 1999 al 2010 un importante torneo ATP Challenger Series a livello mondiale. Ha vinto il premio come miglior Challenger ed è stato premiato da Marat Safin.

 Lo stesso argomento in dettaglio: Challenger Lugano.

Eventi sportivi occasionaliModifica

Tiro a segnoModifica

Dall'11 al 14 settembre 1997 si è disputata la Finale di Coppa del Mondo di Tiro a segno. Tutte le discipline olimpiche erano rappresentate (pistola e carabina) alle distanze di 10, 25 e 50 m. Alla manifestazione erano qualificati diversi campioni olimpici.

OlimpiadiModifica

Il 30 gennaio 2006 la fiaccola olimpica, sulla strada dei Giochi olimpici invernali di Torino è transitata da Lugano con una manifestazione seguita da un grande pubblico. Tedofori famosi hanno portato la fiaccola: una tra i tanti Michela Figini, vincitrice della medaglia d'oro nella discesa libera alle Olimpiadi invernali di Sarajevo del 1984.

CiclismoModifica

Nel 1953 con la vittoria di Fausto Coppi e nell'ottobre del 1996 con la vittoria di Johan Museeuw (e col secondo posto di Mauro Gianetti) a Lugano si sono svolti i Campionati del mondo di ciclismo su strada.

Il 6 giugno 1998 la 21ª tappa del Giro d'Italia 1998, una cronometro individuale, si è conclusa a Lugano con la vittoria dell'ucraino Serhij Hončar.

Nel 2003 Lugano ha ospitato il Campionato del mondo di mountain bike, sulla pendici del Monte Tamaro. Dopo il Gran Premio Insubria vinto dal toscano Francesco Ginanni il 28 febbraio, il 1º marzo 2009 si è tenuto il Gran Premio di Lugano per professionisti – vinto da Remy Pauriol – quale prologo al Campionato mondiale di ciclismo su strada 2009 che si è tenuto sul circuito di Mendrisio.

SaluteModifica

MedicinaModifica

L'Ospedale regionale di Lugano si suddivide in due sedi, ubicate in zone diverse della città: l'Ospedale Civico e l'Ospedale italiano. Il nosocomio ha il compito di assicurare al distretto di Lugano l'assistenza ospedaliera di base e una serie di servizi specialistici di dimensione regionale e cantonale.

A Lugano ha inoltre sede il Cardiocentro Ticino, uno dei più importanti centri specializzati a livello svizzero e internazionale. Gestito da una fondazione privata, ma integrato nel servizio sanitario cantonale, il Cardiocentro Ticino è una struttura all'avanguardia nelle specializzazioni di Cardiologia, Cardiochirurgia e Cardioanestesia. È un ospedale acuto, cioè garantisce cure di primissimo intervento, ma dispone anche di un servizio di Day Hospital. La Fondazione non ha scopo di lucro ed è stata espressamente concepita per fini di pubblica utilità, in particolare a favore dei pazienti ticinesi. L'interno ospita numerose opere scultoree e pittoriche dell'artista Ivo Soldini[49] di Mendrisio.

Trasporti pubbliciModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Lugano e Stazione di Lugano-Paradiso.
 Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti Pubblici Luganesi SA.

I trasporti pubblici cittadini sono garantiti dalla TPL SA che offre linee di bus in città. L'ARL SA gestisce la rete di bus per alcuni quartieri e comuni della periferia cittadina e i collegamenti con il resto del cantone sono assicurati dal sistema della rete celere del Canton Ticino. Le relazioni internazionali con l'Italia e oltre-Gottardo sono garantite dalle Ferrovie Federali Svizzere.

In passato vi erano quattro ferrovie nella regione: la Ferrovia Lugano-Ponte Tresa, che è l'unica ancora in servizio, la Ferrovia Lugano-Cadro-Dino (LCD), la Ferrovia Lugano-Tesserete (LT) e la rete tranviaria urbana.

Tra il 1954 e il 1959 il tram, che verrà messo di nuovo in circolazione forse entro il 2025, è stato gradualmente sostituito da filobus, il quale a sua volta, dopo essere stato trascurato e dopo che alcuni veicoli avevano addirittura perso il diritto a circolare, è stato tolto dal servizio il 30 giugno 2001 e sostituito da bus diesel.

Nel 2014 è stato approvato il progetto di reintroduzione del tram a Lugano, che circolerà dal centro alla periferia.

A nord della città c'è la Galleria Vedeggio-Cassarate che porta allo svincolo autostradale A2 di Lugano Nord

Le cime del Monte San Salvatore e del Monte Brè sono raggiungibili grazie alle due funicolari, la prima con partenza a Paradiso, la seconda a Cassarate.

 
Binario della vecchia stazione di Lugano

Dal 1º dicembre 2016 è stata rimessa in funzione la storica Funicolare Lugano-Stazione FFS.

AeroportiModifica

 
Aeroporto di Lugano-Agno

La città è servita dall'Aeroporto di Lugano, situato a ovest della città nel territorio del comune di Agno.

L'aeroporto è un noto scalo di voli commerciali e privati.

FerrovieModifica

La stazione di Lugano è situata a nord della città. Vi operano le FFS e i TILO.

Sempre dalla stazione è possibile raggiungere la città di Ponte Tresa per mezzo della S60, della FLP, oppure il centro di Lugano per mezzo di una funivia di TPL che garantisce ogni quattro minuti di raggiungere il centro città.

Dal dicembre 2020, con l'apertura della Galleria di base del Monte Ceneri, è garantito il collegamento diretto fino all'Aeroporto di Zurigo.

NoteModifica

  1. ^ a b Statistiche della città di Lugano
  2. ^ a b Bernardino Biondelli, Saggio sui dialetti gallo-italici, 1853, p. 4.
    «Il dialetto principale raprresentante il gruppo occidentale si è il Milanese, e ad esso più o meno affini sono: il Lodigiano, il Comasco, il Valtellinese, il Bormiese, il Ticinese e il Verbanese.[...] Il Comasco esténdesi in quasi tutta la provincia di Como, tranne l'estrema punta settentrionale al di là di Menagio e di Bellano a destra ed a sinistra del Lario; e in quella vece comprende la parte meridionale del Cantone Ticinese, sino al monte Cènere. [...] Il Ticinese è parlato nella parte settentrionale del Cantone Svizzero d'egual nome, al norte del Monte Cènere, in parecchie varietà, tra le quali distinguonsi sopra tutto le favelle delle valli Maggia, Verzasca, Leventina, Blenio ed Onsernone».
  3. ^ Andres Kristol (a cura di), Lexikon der schweizerischen Gemeindenamen, Frauenfeld/Lausanne, Centre de Dialectologie an der Universität Neuenburg, 2005, p. 548.
  4. ^ Comuni della Svizzera per popolazione
  5. ^ Ufficio di statistica di Lugano[collegamento interrotto]
  6. ^ (EN) Population by Ethnicity, by Towns/Municipalities, 2011 Census: County of Primorje-Gorski kotar", in Census of Population, Households and Dwellings 2011, Zagabria, Croatian Bureau of Statistics, dicembre 2012.
  7. ^ Bollettino del clima gennaio 2017 (PDF), su MeteoSvizzera.
  8. ^ Ghiaccia addirittura il Vedeggio, su TicinoNews.
  9. ^ Rapporto sul clima – Cantone Ticino Rapporto di lavoro MeteoSvizzera no. 239 Supplemento grafici (PDF), su MeteoSvizzera.
  10. ^ Stefano Vassere, I nomi di Luogo Archiviato il 31 agosto 2011 in Internet Archive.
  11. ^ Gili-Vassere, 2000-2001, 33-37.
  12. ^ Aggregazioni 2004-2008-2013 Verso una città di quartieri Archiviato il 16 marzo 2016 in Internet Archive.
  13. ^ Sì alla fusione Lugano-Carona
  14. ^ Amministrazione federale: aggregazioni comunali (PDF), su bfs.admin.ch. URL consultato il 9 settembre 2019 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2016).
  15. ^ Pietro Peri, STEMMI E SIGILLI ANTICHI E NUOVI DEL CANTONE TICINO, Zurigo, 1861 https://www.e-periodica.ch/cntmng?pid=mag-001:1858:13::325
  16. ^ Patriziati, su lugano.ch.
  17. ^ Elezioni patriziali, su lugano.ch.
  18. ^ Attualmente è in corso la legislatura 2017-2021.
  19. ^ lugano.ch Archiviato il 4 aprile 2015 in Internet Archive.
  20. ^ LAC Lugano Arte e Cultura | Il nuovo Centro culturale della Città di Lugano - Inaugurazione - Inaugurazione LAC, su luganolac.ch. URL consultato il 9 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2015).
  21. ^ sbb.ch Archiviato il 3 aprile 2009 in Internet Archive.
  22. ^ alptransit.ch Archiviato il 19 marzo 2015 in Internet Archive.
  23. ^ lugano.ch Nuova stazione FFS Archiviato il 4 aprile 2015 in Internet Archive.
  24. ^ Diocesi di Lugano
  25. ^ Sikart: Mario Chiattone
  26. ^ Oratorio di San Barnaba - Inventario dei beni culturali Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive.
  27. ^ Oratorio di Santa Maria Ausiliatrice - Inventario dei beni culturali Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive.
  28. ^ Oratorio di San Vincenzo de' Paoli - Inventario dei beni culturali Archiviato il 12 giugno 2015 in Internet Archive.
  29. ^ Palazzo dei Congressi Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive.
  30. ^ Gili, 1984, 13-168.
  31. ^ Censimenti federali, elaborazione Ustat, Bellinzona.
  32. ^ RSI Radiotelevisione svizzera, I Molinari: 20 anni di autogestione, su rsi. URL consultato il 1º giugno 2021.
  33. ^ RSI Radiotelevisione svizzera, Dalle feste di Chicago alle occupazioni a Zurigo, su rsi. URL consultato il 1º giugno 2021.
  34. ^ (IT) Molino, 20 giorni per sgomberare, su www.ticinonews.ch, 18 marzo 2021. URL consultato il 1º giugno 2021.
  35. ^ RSINews, l’informazione della Radiotelevisione svizzera, Occupato l'ex Vanoni, sgomberato il Macello, su rsi. URL consultato il 1º giugno 2021.
  36. ^ RSINews, l’informazione della Radiotelevisione svizzera, La notte di Lugano, su rsi. URL consultato il 1º giugno 2021.
  37. ^ RSINews, l’informazione della Radiotelevisione svizzera, L'ex Macello non c'è più, su rsi. URL consultato il 1º giugno 2021.
  38. ^ (IT) Le macerie che restano e il dialogo che manca, su www.cdt.ch, 1º giugno 2021. URL consultato il 1º giugno 2021.
  39. ^ Una ruspa sul Molino, sulla cultura, sulla collegialità, su laRegione, 1º giugno 2021. URL consultato il 1º giugno 2021.
  40. ^ Premio Internazionale Due Laghi Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive.
  41. ^ Concorso letterario Antonio Fogazzaro Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive.
  42. ^ LuganoMonte Brè
  43. ^ Conservatorio della Svizzera italiana
  44. ^ a b LAC Lugano Arte e Cultura, su luganolac.ch. URL consultato il 18 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2020).
  45. ^ Costituzione della Repubblica e Cantone Ticino, del 14 dicembre 1997
  46. ^ (EN) Mary C. Jones e Claudia Soria, Assessing the effect of official recognition on the vitality of endangered languages: a case of study from Italy, in Policy and Planning for Endangered Languages, Cambridge, Regno Unito, Cambridge University Press, 2015, p. 130.
    «Lombard (Lumbard, ISO 639-9 lmo) is a cluster of essentially homogeneous varieties (Tamburelli 2014: 9) belonging to the Gallo-Italic group. It is spoken in the Italian region of Lombardy, in the Novara province of Piedmont, and in Switzerland. Mutual intelligibility between speakers of Lombard and monolingual Italian speakers has been reported as very low (Tamburelli 2014). Although some Lombard varieties, Milanese in particular, enjoy a rather long and prestigious literary tradition, Lombard is now mostly used in informal domains. According to Ethnologue, Piedmontese and Lombard are spoken by between 1,600,000 and 2,000,000 speakers and around 3,500,000 speakers respectively. These are very high figures for languages that have never been recognised officially nor systematically taught in school».
  47. ^ Claudia Patocchi - Fabio Pusterla, Cultura e linguaggio della Valle Intelvi. Indagini lessicali ed etnografiche, Senna Comasco, La Comasina Grafica, 1983, p. XXXII.
    «È quindi possibile concludere che il dialetto intelvese appartiene al grosso gruppo alto-lombardo di area comasca; all'interno di questa vasta zona linguistica, che presenta differenti situazioni particolari, la valle si caratterizza tuttavia come zona periferica e conservativa, e la sua parlata si differenzia dalla koinè comasca di pianura per una serie di tratti arcaici, ormai scomparsi non solo a Como ma anche nei centri principali del Mendrisiotto e del Luganese, che l'avvicinano piuttosto alle varietà dialettali delle aree limitrofe, in particolare della Val Mara e dell'alta Valle di Muggio».
  48. ^ Ständige Wohnbevölkerung ab 15 Jahren nach Hauptsprachen, nach Kanton und Stadt, su bfs.admin.ch, 31.01.2017. URL consultato il 24.04.2020.
  49. ^ Sikart: Ivo Soldini

BibliografiaModifica

  • Jacob Burckhardt, Lugano e il San Salvatore, in Le meraviglie del Ticino, 1839 (riedizione) Locarno 1993, 59-76.
  • Johann Rudolf Rahn, I monumenti artistici del Medio Evo nel Canton Ticino, traduzione italiana di Eligio Pometta, Tipo-Litografia di C. Salvioni, Bellinzona 1894, 177-193.
  • Siro Borrani, Il Ticino Sacro. Memorie religiose della Svizzera Italiana raccolte dal sacerdote Siro Borrani prevosto di Losone, Tip. e Libreria Cattolica di Giovanni Grassi, Lugano 1896.
  • Ilse Schneiderfranken, Le industrie nel Cantone Ticino, 1937.
  • Virgilio Chiesa, L'ospedale civico di Lugano, S.A. Grassi & Co., Bellinzona-Lugano 1944.
  • Pino Bernasconi, Romeo Manzoni, Edizione della Collana di Lugano, S. A. Arti grafiche già Veladini e Co., Lugano 1950.
  • Romeo Manzoni, I fratelli Ciani, Edizione della Collana di Lugano, S. A. Arti grafiche già Veladini e Co., Lugano 1953.
  • Paul Schaefer, Il Sottoceneri nel Medioevo. Contributo alla storia del Medioevo italiano, Gruppo di Lugano dell'associazione ex allievi della scuola politecnica federale (GEP), Lugano 1954.
  • Luciano Moroni Stampa; Codex palaeographicus Helvetiae subalpinae, Libreria Antiquaria di Beniamino Burstein, Lugano 1957.
  • Pasquale Gilardi, Ul Paes da Brè e La Funicolar, Società Editrice Roma, Como 1908, (Ristampa) 1971.
  • Eligio Pometta, Virgilio Chiesa, Vittorino Maestrini, Storia di Lugano, 2 volumi editi dalla Società dei commercianti di Lugano, 1975.
  • Aldo Petralli, 1798 Un anno storico, Arti grafiche Gaggini-Bizzozero SA, Lugano 1979.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 314-315.
  • Leila Ostini, La radio della Svizzera italiana. Creazione e sviluppo (1930-1939), Università di Friburgo 1983.
  • Sonia Dietrich Bertini, La nascita della televisione della Svizzera italiana (Un problema di federalismo), Università di Friburgo 1983.
  • Antonio Gili (a cura di), Pagine storiche luganesi, anno 1, numero 1, novembre 1984, Arti grafiche già Veladini & Co SA, Lugano 1984; Idem, Lugano da borgo medioevale a città terziaria e d'affari. Trasformazioni urbanistiche dal Medioevo all'età contemporanea, Ibidem, 1984.
  • Vita Matiss, Tra Lettonia e Lugano: Rinis, Aspazija e l'anno di rottura 1905, in Gili, 1984.
  • AA. VV., Pasquale Gilardi 1885-1985 artista agreste, Edizioni «La Voce di Castagnola», Tipo-offset Aurora, Canobbio 1985.
  • Raffaello Ceschi, Ottocento ticinese, Armando Dadò Editore, Locarno 1986.
  • Antonio Gili, L'uomo, il topo e la pulce, in Pagine storiche luganesi, numero 2, dicembre 1986, Edizioni città di Lugano 1986.
  • Franco Cajani, La bottega dei Seregnesi nell'ambito della pittura del Quattrocento lombardo, Besana Brianza 1986.
  • Saverio Snider, Applausi di carta. Le raccolte di poesie d'occasione stampate nel Ticino (1747-1780), in Antonio Gili (a cura di), Pagine storiche luganesi, numero 3, maggio 1987, Edizioni città di Lugano 1987, 7-96.
  • Fiorenzo Bernasconi, Giampietro Riva e il primo canto del "Bertoldo" in rima, in Ibidem, 97-146.
  • Antonio Gili, Gianfranco Rossi, L. Ferraresi, Vincenzo Vicari (a cura di), Lugano Palazzo Civico, Città di Lugano 1988.
  • Antonio Gili, Guida generale dell'archivio storico comunale di Lugano, in Pagine storiche luganesi, anno 4, novembre 1988, Edizioni città di Lugano 1988.
  • Vinicio Salati, Lugano, Edizioni Bernasconi, Agno 1989.
  • Giuseppe Chiesi, Il Sottoceneri e la signoria dei Sanseverino, in «Bollettino Storico della Svizzera Italiana», Bellinzona 1990, 119-172.
  • Giulio Vismara, Adriano Cavanna, P. Vismara, Ticino medievale – storia di una terra lombarda, Armando Dadò Editore, 1990, 179, 248-50, 260.
  • Maria Teresa Casella Bise, Anne Chablais Sassi, Antonio Gili, Intimi ritagli di devozione spirituale. Un mazzo di immaginette religiose manufatte fra le carte della nobile famiglia Riva di Lugano, in Antonio Gili (a cura di), Pagine storiche luganesi, numero 5, novembre 1990, Edizioni città di Lugano, Lugano 1990, 5-268.
  • Giuseppe Chiesi (a cura di), Il Medioevo nelle carte. Documenti di storia ticinese e svizzera dalle origini al secolo XVI, Edito dallo Stato del Cantone Ticino 1991.
  • Andreas Hauser, INSA, 6. Inventario Svizzero di Architettura 1850-1920, "Lugano", Orell Füssli, Zurigo 1991, 205-356.
  • Antonio Galli, Borgo e Vicinìa di Lugano, 1940, Edizione in facsimile dell'editore Giampiero Casagrande in Lugano 1991.
  • Mario Agliati, Il tempietto di due Santi e di due città. Da Sant'Antonio da Padova in Lugano a San Lucio papa in Brugherio, Lugano 1994.
  • Luigi G. Herz, Di lasco e di bolina. Una disputa medico-farmacologica sul «solfato indigeno febbrifugo», tra Lombardia e Ticino, 1846-1848, in Archivio Storico Ticinese, numero 147, Casagrande, Bellinzona 2010.
  • Antonio Gili (a cura di), «Udite Udite!» Proclami dei governi provvisori e del Cantone di Lugano, 1798-1803, Edizioni Città di Lugano-Archivio storico, Lugano 2010.
  • Marco Schnyder, Famiglie e potere. Il ceto dirigente di Lugano e Mendrisio tra Sei e Settecento, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2011.
  • Igor Ponti, Skate Generation, a Lugano skater portraits. Fontana Edizioni, Lugano 2009. « Skate Generation » è  una serie di ritratti in bianco e nero di padri con i loro figli, di donne, di giovani e di uomini, richiamando alla mente i guerrieri di fine 800 in posa per l'istantanea.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN126031509 · ISNI (EN0000 0001 1010 6720 · LCCN (ENn79046423 · GND (DE4099915-4 · WorldCat Identities (ENlccn-n79046423
  Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Ticino