Thomas J. Manton

politico statunitense
Thomas J. Manton
ThomasManton.jpg

Membro della Camera dei rappresentanti - New York, distretto n.7
Durata mandato 3 gennaio 1993 - 3 gennaio 1999
Predecessore Gary Ackerman
Successore Joseph Crowley

Membro della Camera dei rappresentanti - New York, distretto n.9
Durata mandato 1º marzo 1985 - 3 gennaio 1993
Predecessore Geraldine Ferraro
Successore Chuck Schumer

Dati generali
Partito politico Democratico
Università St. John's University, St. John's University School of Law, scuola primaria e St. John's Preparatory School

Thomas J. Manton (New York, 3 novembre 1932New York, 22 luglio 2006) è stato un politico statunitense, membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato di New York dal 1985 al 1999.

BiografiaModifica

Nato a New York, Manton studiò alla St. John's University e successivamente prestò servizio negli United States Marine Corps durante la guerra di Corea. In seguito lavorò come poliziotto nel New York City Police Department, come impiegato nel settore marketing della IBM e come avvocato in uno studio privato.

Entrato in politica con il Partito Democratico, nel 1970 fu eletto all'interno del consiglio comunale di New York, dove rimase per quattordici anni. Nel 1978 si candidò alla Camera dei Rappresentanti ma perse le primarie contro Geraldine Ferraro.

Quando, nel 1984, la Ferraro lasciò il seggio per candidarsi alla carica di Vicepresidente degli Stati Uniti d'America come compagna di ticket di Walter Mondale, Manton si candidò nuovamente alla Camera e questa volta riuscì ad essere eletto deputato. Negli anni successivi Manton fu riconfermato per altri sei mandati, finché nel 1998 annunciò il suo ritiro e lasciò il Congresso dopo quattordici anni di permanenza.

Thomas J. Manton morì nel 2006 all'età di settantatré anni per un carcinoma della prostata. Alla sua memoria fu intitolata una strada nel quartiere Queens di New York[1].

NoteModifica

  1. ^ (EN) Stretch Of Queens Boulevard Renamed For Manton, su qgazette.com, Queens Gazette. URL consultato il 28 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2018).

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN68007237 · LCCN (ENn88027685 · WorldCat Identities (ENlccn-n88027685