Tito Aurelio Fulvio Antonino

Tito Aurelio Fulvio Antonino (latino: Titus Aurelius Fulvus Antoninus; Lanuvio, 31 agosto 161Roma, 165) era uno dei quattordici figli dell'imperatore romano Marco Aurelio, nonché fratello gemello del futuro imperatore Commodo.

Moneta celebrativa di Faustina minore e dei suoi numerosi figli, tra cui i gemelli Commodo e Tito Aurelio Fulvio Antonino

La nascita di Fulvio Antonino e Commodo venne celebrata nelle monete. Al momento dell'ascesa di Marco Aurelio a imperatore, la moglie Faustina minore era incinta di tre mesi. Durante la gravidanza sognava di dare vita a due serpenti, uno più agguerrito rispetto agli altri.[1] Il 31 agosto diede alla luce due gemelli a Lanuvio: Tito Aurelio Fulvio Antonino e Lucio Aurelio Commodo. A parte il fatto che i gemelli avevano lo stesso compleanno di Caligola, i presagi erano favorevoli, e gli astrologi trassero oroscopi positivi per i bambini. Le nascite furono celebrate sulla monetazione imperiale.[2] Antonino, però, morì a soli 4 anni ma vi sono tracce di iscrizioni a Tessalonica, in cui il bambino è definito come divinizzato dopo la morte.[3]

Ascendenza modifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Console Marco Annio Vero Marco Annio Vero Minor  
 
 
Pretore Marco Annio Vero  
Rupilia Faustina Lucio Scribonio Rupilio Frugi Bono  
 
Salonina Matidia  
Marco Aurelio  
Tullio Domizio Calvisio  
 
 
Domizia Lucilla  
Domitia Lucilla Maggiore  
 
 
Tito Aurelio Fulvio Antonino  
Console Tito Aurelio Fulvo  
 
 
Antonino Pio  
Arria Fadilla  
 
 
Faustina Minore  
Console Marco Annio Vero Marco Annio Vero Minor  
 
 
Faustina Maggiore  
Rupilia Faustina Lucio Scribonio Rupilio Frugi Bono  
 
Salonina Matidia  
 

Note modifica

  1. ^ Historia Augusta, Marcus 1.2-1.4;Commodus, 1.2
  2. ^ Birley, Marcus Aurelius, pag. 119 cita H. Mattingly (Coins of the Roman Empire in the British Museum IV: Antoninus Pius to Commodus, London 1940, Marcus Aurelius and Lucius Verus, nos. 155 ss.; 949 ss.; Portrait of the Emperor Marcus Aurelius, The Walters Art Museum.
  3. ^ Fulvus Antoninus - Livius, su livius.org. URL consultato il 10 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2012).

Altri progetti modifica