Apri il menu principale

Tiziana Parenti

avvocato, politica e ex magistrato italiana
Tiziana Parenti

Presidente della Commissione parlamentare Antimafia
Durata mandato 10 maggio 1994 –
17 maggio 1996
Predecessore Luciano Violante
Successore Ottaviano Del Turco

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XII, XIII
Gruppo
parlamentare
FI (XII legislatura)
FI - Misto (XIII legislatura)
Circoscrizione Lombardia 3; Toscana
Collegio 10 Mantova (1994), 19 Grosseto (1996)
Incarichi parlamentari
  • Presidente Commissione parlamentare Antimafia (XII)
  • Componente commissione Giustizia (XIII)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Forza Italia - UDR - SDI
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione magistrato, avvocato

Tiziana Parenti detta Titti (Pisa, 16 aprile 1950) è una politica, ex magistrato e avvocato italiano.

Indice

BiografiaModifica

Dopo un'iniziale adesione giovanile al PCI di Pisa, entra in magistratura. Magistrato in servizio prima in corte d'assise, poi alla procura di Milano, "Titti la rossa" - come veniva soprannominata da alcuni giornalisti - fu il Pubblico ministero dell'inchiesta denominata dai mass-media delle tangenti rosse, ed è stata sostituto procuratore del pool milanese dal marzo 1993 nell'inchiesta "Mani pulite". Dopo aver lasciato la magistratura ha intrapreso la professione di avvocato.

PoliticaModifica

Fecero scalpore le sue dimissioni dal pool e dalla magistratura e la successiva adesione a Forza Italia, nelle cui liste fu eletta alla Camera nel marzo 1994 nel collegio maggioritario di Mantova. Fu presidente della Commissione antimafia, nel corso della XII Legislatura. Rieletta nel 1996 alla Camera nel collegio maggioritario di Grosseto, aderì al gruppo di Forza Italia. Successivamente, nel 1998, fu tra i primi aderenti al nuovo partito dell'UDR di Francesco Cossiga. Aderì quindi ai SDI. Accusata nel 1995 di concorso in falso in atto pubblico in un'inchiesta contro alcuni ufficiali dell'Arma dei Carabinieri, viene assolta definitivamente nel 2009[1].

Nel 2004 aderisce a La Margherita[2] ed esercita l'avvocatura. Nel 2012 rientra nel Partito Socialista Italiano[3].

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Tiziana Parenti, Guido Guidi Guerrera, Forza Italia Addio!, Firenze, Loggia de' Lanzi, 1998 - ISBN 8881051184

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN79444582