Francesco Cossiga

8º Presidente della Repubblica Italiana, 13esimo Presidente del Consiglio dei Ministri
Francesco Cossiga
Cossiga Francesco.jpg

Presidente della Repubblica Italiana
Durata mandato 3 luglio 1985 –
28 aprile 1992
Capo del governo Bettino Craxi
Amintore Fanfani
Giovanni Goria
Ciriaco De Mita
Giulio Andreotti
Predecessore Sandro Pertini
Successore Oscar Luigi Scalfaro

Presidente del Senato della Repubblica
Durata mandato 12 luglio 1983 –
24 giugno 1985
Predecessore Vittorino Colombo
Successore Amintore Fanfani

Presidente del Consiglio dei ministri
della Repubblica Italiana
Durata mandato 4 agosto 1979 –
18 ottobre 1980
Capo di Stato Sandro Pertini
Predecessore Giulio Andreotti
Successore Arnaldo Forlani

Presidente del Consiglio europeo
Durata mandato 1° gennaio 1980 –
30 giugno 1980
Predecessore Charles J. Haughey
Successore Pierre Werner

Ministro dell'interno
Durata mandato 12 febbraio 1976 –
11 maggio 1978
Presidente Aldo Moro
Giulio Andreotti
Predecessore Luigi Gui
Successore Virginio Rognoni

Ministro per l'organizzazione della pubblica amministrazione e per le Regioni
Durata mandato 23 novembre 1974 –
7 gennaio 1976
Presidente Aldo Moro
Predecessore Luigi Gui
Successore Tommaso Morlino

Senatore della Repubblica Italiana
Senatore a vita
Durata mandato 28 aprile 1992 –
17 agosto 2010
Legislature IX (fino al 3 luglio 1985), XI (dal 28 aprile 1992), XII, XIII, XIV, XV, XVI (fino al 17 agosto 2010)
Collegio Tempio-Ozieri (IX Legislatura)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
(1945-1992)
Unione Democratica per la Repubblica
(1998-1999)
Unione per la Repubblica
(1999-2001)
Indipendente
(2001-2010)
Tendenza politica Cattolicesimo liberale[1]
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università degli Studi di Sassari
Professione Docente universitario
Firma Firma di Francesco Cossiga

Francesco Maurizio Cossiga (Sassari, 26 luglio 1928Roma, 17 agosto 2010) è stato un politico, giurista e docente italiano, ottavo Presidente della Repubblica dal 1985 al 1992 quando assunse, di diritto, l'ufficio di senatore a vita[2]. Ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 17 maggio 2001[3], ha potuto fregiarsi del titolo di Presidente emerito della Repubblica Italiana.

È stato Ministro dell'Interno nei governi Moro V, Andreotti III e Andreotti IV dal 1976 al 1978, quando si dimise in seguito all'uccisione di Aldo Moro. Dal 1979 al 1980 fu Presidente del Consiglio dei ministri e fu Presidente del Senato della Repubblica nella IX legislatura dal 1983 al 1985, quando lasciò l'incarico perché fu eletto al Quirinale, come più giovane Capo di Stato dell'età repubblicana, dopo essere già stato fino ad allora il più giovane Sottosegretario, Ministro dell'Interno, Presidente del Consiglio dei Ministri e Presidente del Senato.

Come Capo dello Stato ha conferito l'incarico a cinque Presidenti del Consiglio: Bettino Craxi (del quale ha respinto le dimissioni di cortesia presentate nel 1985), Amintore Fanfani (1987), Giovanni Goria (1987-1988), Ciriaco De Mita (1988-1989) e Giulio Andreotti (1989-1992)[4]. Ha nominato cinque senatori a vita (Francesco De Martino, Giovanni Spadolini, Giulio Andreotti, Gianni Agnelli e Paolo Emilio Taviani) e cinque Giudici della Corte costituzionale: nel 1986 Antonio Baldassarre, nel 1987 Mauro Ferri, Luigi Mengoni ed Enzo Cheli, nel 1991 Giuliano Vassalli.

Indice

BiografiaModifica

La gioventùModifica

Francesco Cossiga nacque a Sassari il 26 luglio 1928[5] da una famiglia medio-borghese[6] repubblicana e antifascista. Era cugino di terzo grado di Enrico e Giovanni Berlinguer (figli di una cugina della madre di Cossiga)[7]. Nonostante egli fosse comunemente chiamato «Cossìga», la pronuncia originaria del cognome è «Còssiga». Si tratta d'un casato sardo di nobiltà di toga che a suo dire aveva esponenti collegati ad una loggia massonica locale[8]. Còssiga, in dialetto sassarese significa Corsica e indica la probabile provenienza della famiglia[9].

A sedici anni si diplomò, in anticipo di tre anni[6], al Liceo classico Domenico Alberto Azuni: l'anno successivo si iscrisse alla Democrazia Cristiana[6] e tre anni dopo, a soli 19 anni e mezzo, si laureò in giurisprudenza[5][6][10], iniziando una carriera universitaria che gli sarebbe in seguito valsa la cattedra di diritto costituzionale regionale[non chiaro] presso la facoltà di giurisprudenza dell'Università di Sassari (iniziò con il conseguire la libera docenza in Diritto pubblico sulla «Distinzione tra prerogative ed immunità»)[11].

Attività politicaModifica

Inizi della carriera politicaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Giovani turchi (Italia) e Governo Moro III.

Iscritto alla sezione sassarese della Democrazia Cristiana a 17 anni, negli anni universitari ha fatto parte della FUCI con ruoli di primo piano nella FUCI di Sassari e a livello nazionale[12].

Per quanto riguarda il periodo della guerra fredda, Cossiga si autodenunciò come referente politico di Gladio, sezione italiana della rete Stay-behind, organizzazione segreta dell'Alleanza Atlantica (di cui facevano parte anche Stati neutrali come Austria e Svezia)[13] e come frequentatore della sua base di Capo Marrargiu, quando il Presidente del Consiglio Giulio Andreotti fu indotto a rivelare l'esistenza dell'organizzazione segreta (1990). Rivendicò di aver nascosto da giovane – come molti altri dirigenti democristiani degli anni cinquanta – «mitragliatrici e bombe a mano» per il caso in cui il PCI avesse tentato la presa del potere (l'episodio fu dettagliato ulteriormente, in un'intervista a Paolo Guzzanti a mandato presidenziale concluso, quando rivelò che «alla vigilia delle elezioni del 1948 ero armato fino ai denti. Mi armò Antonio Segni. Non ero solo, eravamo un gruppo di democristiani riforniti di bombe a mano dai carabinieri. La notte del 18 aprile la passai nella sede del comitato provinciale della DC di Sassari ...Prefettura, poste, telefoni, acquedotto, gas non dovevano cadere, in caso di golpe rosso, nelle mani dei comunisti»[14].

Al Ministro Paolo Emilio Taviani, in una lettera al suo successore alla Difesa Parisi, Cossiga ascrisse la sua «iniziazione» alle covered actions della guerra fredda: «Quando i membri del Governo italiano Aldo Moro, Paolo Emilio Taviani autorizzarono la firma del protocollo segreto di adesione all'Organizzazione Alleata Stay Behind Nets, furono acquistati per piccoli lotti, intestati, a prestanome, per lo più mogli o figli di ufficiali delle Forze Armate italiane, i terreni sui quali, con il largo contributo della Central Intelligence Agency americana e del Secret Intelligence Service di Sua Maestà Britannica, fu costruita la base di Poglina. In essa io appresi l'uso delle armi automatiche e del plastico»[14]. Della sua iniziale carriera politica, egli intese dimostrare (quasi pedagogicamente) agli italiani i costi che, in termini di legalità, aveva comportato il contenimento del PCI all'opposizione.

Alla fine degli anni cinquanta, ancora trentenne, iniziò la sua folgorante carriera politica a capo dei cosiddetti giovani turchi sassaresi: eletto deputato per la prima volta nel 1958 divenne poi il più giovane sottosegretario alla difesa nel terzo governo Moro (23 febbraio 1966): titolare del dicastero era Roberto Tremelloni.

Nel 1966, quando entrò per la prima volta al governo, Cossiga ricevette la delega, come Sottosegretario alla Difesa, a sovrintendere su Gladio, di cui faceva parte. In questa veste, l'anno successivo, presiedette all'apposizione degli omissis sul rapporto Manes, una relazione sull'operato del servizio segreto militare oggetto di esame da parte della commissione ministeriale di inchiesta sul Piano Solo, che la Commissione parlamentare sul SIFAR ricevette dal Governo pesantemente censurata «per esigenze di segreto militare»[15].

Il Piano Solo era stato un tentativo di colpo di Stato ideato dal capo dell'Arma dei Carabinieri, il generale Giovanni de Lorenzo, durante la crisi del primo governo Moro (estate 1964), che prevedeva il prelievo e il trasferimento di 731 uomini politici e sindacalisti di sinistra proprio nella base di Capo Marrargiu[16]. Secondo Lino Jannuzzi, che con Eugenio Scalfari aveva condotto una campagna contro il generale De Lorenzo, Cossiga stesso gli avrebbe rivelato il suo ruolo nella depurazione del testo di Manes[17].

Dal novembre 1974 al febbraio 1976, Cossiga fu Ministro per l'organizzazione della pubblica amministrazione nel governo Moro IV. Il 12 febbraio 1976, a 48 anni, divenne Ministro dell'Interno.

Ministro dell'internoModifica

 
Francesco Cossiga, Ministro dell'Interno, nel 1976.

Cossiga e gli anni di piomboModifica

 
Tipica scritta sui muri di metà anni settanta contro Cossiga, col nome scritto con la K e la doppia S scritta in caratteri runici a ricordare le SS.

L'11 marzo 1977, nel corso di durissimi scontri tra studenti e forze dell'ordine nella zona universitaria di Bologna venne ucciso il militante di Lotta Continua Pierfrancesco Lorusso; alle successive proteste degli studenti, Cossiga, allora titolare del Ministero dell'interno, rispose mandando veicoli trasporto truppe blindati (M113) nella zona universitaria[18]. Il giorno dopo i fatti di Bologna fu ucciso a Torino il brigadiere Giuseppe Ciotta, mentre il 22 marzo, a Roma, l'agente Claudio Graziosi fu freddato nel momento in cui tentava di arrestare la terrorista Maria Pia Vianale: nello scambio di colpi d'arma da fuoco tra i compagni di Graziosi e l'assassino morì anche una guardia zoofila, Angelo Cerrai[13]. Il mese successivo un poliziotto che sorvegliava un corteo fu ucciso, e tre suoi colleghi rimasero feriti[13].

A seguito di ciò, visto il clima di violenza e i toni sempre più accesi, in particolare dei soggetti appartenenti all'area extraparlamentare, Francesco Cossiga diede disposizioni per vietare in tutto il Lazio, fino al successivo 31 maggio, tutte le manifestazioni pubbliche, spiegando che non voleva permettere «che i figli della borghesia romana uccidessero i figli dei contadini del Sud»[13]. Nonostante il divieto, grandi gruppi di militanti diedero comunque il via a manifestazioni di protesta. Il 12 maggio a Roma, nei pressi del Ponte Garibaldi, durante una manifestazione radicale, perse la vita per colpi d'arma da fuoco la studentessa romana Giorgiana Masi[13].

Nonostante l'autore dell'omicidio sia rimasto ignoto, Marco Pannella e i radicali sostennero a più riprese la tesi di una responsabilità morale di Cossiga, chiedendo anche l'istituzione di una commissione parlamentare d'inchiesta sull'accaduto[19]. Dal canto suo, Cossiga ha sempre respinto la tesi di una sua responsabilità morale, attribuendola invece allo stesso Pannella, avendo questi deciso di effettuare il sit-in pur avvertito dell'altissima probabilità di scontri armati e del conseguente rischio per i militanti radicali e i simpatizzanti della manifestazione[20].

Successivamente Cossiga ammise che, la sera della manifestazione in cui si ebbe la morte di Giorgiana Masi, fossero presenti agenti provocatori armati della polizia ma a sua insaputa; per tale motivo avrebbe subito provveduto alla sostituzione del questore di Roma che lo aveva tenuto all'oscuro[21]. Purtuttavia, negò sempre che fossero stati i militari impegnati ad aprire il fuoco sui manifestanti: «Il reparto dei carabinieri che si trovava dall'altra parte del ponte, subito accusato di aver aperto il fuoco, per ordine dell'autorità giudiziaria fu disarmato da elementi della Squadra Mobile: alla perizia, risultò che nessun colpo era stato sparato»[20].

Riguardo al comportamento tenuto durante gli anni di piombo, ma non solo, Cossiga divenne noto nei decenni successivi per alcuni ripensamenti e autocritiche, fino ad approdare a posizioni garantiste (estese ad altri ambiti dopo i fatti di Mani pulite) e persino a riconoscere lo status di legittimi nemici politici e «sovversivi di sinistra», al posto di quello di criminali comuni, ai terroristi rossi stessi, come affermato in una lettera inviata all'ex brigatista Paolo Persichetti nel 2002 e poi pubblicata[22]. Della stessa intonazione una lettera inviata a un avvocato francese, divenuta nota perché allegata nella decisione di non estradizione di Cesare Battisti dal Brasile (2009)[23].

A partire dagli anni novanta si fece promotore di un'amnistia politica per i reati compiuti in quegli anni[24]. Famosa sarà la sua amicizia con Toni Negri, ex leader di Potere Operaio e di Autonomia Operaia, latitante in Francia e che Cossiga andò poi a trovare in carcere[25].

Nel gennaio 1978 Cossiga contribuì alla riforma dei servizi segreti dando loro la configurazione che avrebbero mantenuto fino alla successiva riforma del 2007, e sostenne la creazione dei reparti speciali antiterrorismo della polizia NOCS e dei carabinieri GIS.

Il terrorismo e il caso MoroModifica

 
Francesco Cossiga con Aldo Moro.

Nel marzo 1978, quando fu rapito Aldo Moro dalle Brigate Rosse, creò rapidamente due comitati di crisi, uno ufficiale e uno ristretto, per la soluzione della crisi.

Molti fra i componenti di entrambi i comitati sarebbero in seguito risultati iscritti alla P2: ne faceva parte lo stesso Licio Gelli sotto il falso nome di ingegner Luciani. Tra i membri anche lo psichiatra e criminologo Franco Ferracuti. Cossiga richiese e ottenne l'intervento di uno specialista statunitense, il professor Steve Pieczenik, il quale partecipò ad una parte dei lavori. Stando a quanto raccontato da Cossiga e dallo stesso Pieczenik, inizialmente l'idea dello statunitense era quella di inscenare una finta apertura alla trattativa, per ottenere più tempo e cercare di far uscire allo scoperto i brigatisti, in modo da poterli individuare[26].

In alcune interviste rilasciate successivamente a questi fatti, Pieczenik affermò che durante i giorni del sequestro vi erano notevoli falle che permettevano di far giungere informazioni riservate al di fuori delle discussioni dei comitati e che non aveva l'impressione che la classe politica fosse vicina a Moro:

« Ci fu una cosa che emerse in maniera chiarissima, e che mi sbalordì. Io non conoscevo l'uomo Aldo Moro, dunque desideravo farmi un'idea di che persona fosse e di quanta resistenza avesse. Ci ritrovammo in questa sala piena di generali e di uomini politici, tutta gente che lo conosceva bene, e... ecco, alla fine ebbi la netta sensazione che a nessuno di loro Moro stesse simpatico o andasse a genio come persona, Cossiga compreso. Era lampante che non stavo parlando con i suoi alleati. [...] Dopo un po' mi resi conto che quanto avveniva nella sala riunioni filtrava all'esterno. Lo sapevo perché ci fu chi – persino le BR – rilasciava dichiarazioni che potevano avere origine soltanto dall'interno del nostro gruppo. C'era una falla, e di entità gravissima. Un giorno lo dissi a Cossiga, senza mezzi termini. "C'è un'infiltrazione dall'alto, da molto in alto". "Sì" rispose lui "lo so. Da molto in alto". Ma da quanto in alto non lo sapeva, o forse non lo voleva dire. Così decisi di restringere il numero dei partecipanti alle riunioni, ma la falla continuava ad allargarsi, tanto che alla fine ci ritrovammo solo in due. Cossiga e io, ma la falla non accennò a richiudersi. »

(I giorni del complotto, articolo del giornalista Robert Katz, pubblicato su Panorama del 13 agosto 1994[27].)

Cossiga in seguito non smentì, ma parlò di «cattivo gusto».

Nel 2006, 28 anni dopo i fatti, il giornalista Emmanuel Amara entrò in contatto con Pieczenik, che accettò di farsi intervistare. Il contenuto di questa intervista è stato poi inserito nel saggio Abbiamo ucciso Aldo Moro. Dopo 30 anni un protagonista esce dall'ombra[28][29]. Nell'intervista riportata nel libro stesso riassume quello che sarebbe stato il suo compito durante il rapimento Moro:

« Capii subito quali erano le volontà degli attori in campo: la destra voleva la morte di Aldo Moro, le Brigate rosse lo volevano vivo, mentre il Partito Comunista, data la sua posizione di fermezza politica, non desiderava trattare. Francesco Cossiga, da parte sua, lo voleva sano e salvo, ma molte forze all'interno del paese avevano programmi nettamente diversi, il che creava un disturbo, un'interferenza molto forte nelle decisioni prese ai massimi vertici. [...] Il mio primo obiettivo era guadagnare tempo, cercare di mantenere in vita Moro il più a lungo possibile. Il tempo, necessario a Cossiga per riprendere il controllo dei suoi servizi di sicurezza, calmare i militari, imporre la fermezza in una classe politica inquieta e ridare un po' di fiducia all'economia. Bisognava fare attenzione sia a sinistra sia a destra: bisognava evitare che i comunisti di Berlinguer entrassero nel governo e, contemporaneamente, porre fine alla capacità di nuocere delle forze reazionarie e antidemocratiche di destra. Allo stesso tempo era auspicabile che la famiglia Moro non avviasse una trattativa parallela, scongiurando il rischio che Moro venisse liberato prima del dovuto. Ma mi resi conto che, portando la mia strategia alle sue estreme conseguenze, mantenendo cioè Moro in vita il più a lungo possibile, questa volta forse avrei dovuto sacrificare l'ostaggio per la stabilità dell'Italia. »

(Emmanuel Amara, Abbiamo ucciso Aldo Moro. Dopo 30 anni un protagonista esce dall'ombra, Roma, Cooper, pp. 102-103.)

Da parte del Governo, non fu mai aperta alcuna trattativa ufficiale con i sequestratori per il rilascio di Moro, il quale dalla sua prigionia scrisse a Cossiga dicendogli che «esiste un problema, postosi in molti e civili paesi, di pagare un prezzo per la vita e la libertà di alcune persone estranee, prelevate come mezzo di scambio. Nella grande maggioranza dei casi la risposta è stata positiva ed è stata approvata dall'opinione pubblica».

Cossiga diede le dimissioni da Ministro dell'Interno in seguito al ritrovamento del cadavere del presidente della DC in via Michelangelo Caetani. Al giornalista Paolo Guzzanti disse: «Se ho i capelli bianchi e le macchie sulla pelle [a causa della vitiligine] è per questo. Perché mentre lasciavamo uccidere Moro, me ne rendevo conto. Perché la nostra sofferenza era in sintonia con quella di Moro». Cossiga, dopo forse questi fatti, cominciò a soffrire di numerosi problemi di salute cronici, come il disturbo bipolare (ciclotimia, secondo Indro Montanelli)[30] e la sindrome da fatica cronica[31][32].

Presidente del Consiglio dei MinistriModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Governo Cossiga I e Governo Cossiga II.
 
Francesco Cossiga nel 1979.

Appena un anno dopo, il 4 agosto 1979, fu nominato presidente del Consiglio dei ministri rimanendo in carica fino all'ottobre del 1980. Nel corso dei due brevi (otto e sei mesi) esecutivi guidati da Francesco Cossiga, il Parlamento approvò la legge che, nel 1983, avrebbe consentito al primo governo Craxi di installare gli euromissili a Comiso. Fu la più importante azione di politica estera del presidente Cossiga, decisione che anticipò, in qualche maniera, il sodalizio tra l'Italia e la Germania Ovest guidata da Helmut Schmidt[33].

In veste di Presidente del Consiglio, Cossiga fu proposto dal PCI per la messa in stato di accusa da parte del Parlamento, in votazione in seduta comune, con una procedura conclusasi nel 1980 con l'archiviazione. L'accusa era di favoreggiamento personale e rivelazione di segreto d'ufficio. Fu sospettato di aver rivelato a un compagno di partito, il senatore Carlo Donat Cattin, che suo figlio Marco era indagato e prossimo all'arresto, essendo coinvolto in episodi di terrorismo, suggerendone l'espatrio.

Il Parlamento in seduta comune ritenne però rigettò l'accusa, che era stata fatta procedere da parte della magistratura di Torino in seguito alle dichiarazioni del terrorista pentito Roberto Sandalo[34] (Sandalo, soprannominato il «piellino canterino» perché fu uno dei primi pentiti dell'organizzazione terroristica Prima Linea, aveva infatti riferito che in una conversazione con Marco Donat Cattin quest'ultimo gli avrebbe parlato dell'imminenza del suo arresto, appresa da fonti vicine al padre)[34]. Donat-Cattin smentì le rivelazioni, raccontando che non sentiva il figlio da anni, ammettendo tuttavia di avere chiesto a Cossiga se si sapesse qualcosa di Marco, e di aver ricevuto risposta negativa. Ammise anche di avere contattato Roberto Sandalo, ma esclusivamente per riferirgli che non c'erano notizie del figlio[34]. Successivamente Cossiga fu scagionato dall'accusa di favoreggiamento dal Parlamento in seduta comune che votò, a maggioranza, l'archiviazione con 507 voti favorevoli e 406 contrari[34].

 
Francesco Cossiga, Presidente del Consiglio, ed Emilio Colombo, Ministro degli Esteri nel 1980.

Nel denunciare il favoreggiamento personale, il PCI guidato da Enrico Berlinguer fu assai deciso nel ritenere che Cossiga fosse la fonte della fuga di notizie sulle indagini. Vent'anni dopo i fatti e con il reato ormai caduto in prescrizione, Cossiga ammise parte dell'addebito, sostenendo di aver informato lui stesso del fatto il cugino Berlinguer, attendendosi comprensione e non sospettando che la notizia venisse utilizzata per una battaglia politica contro di lui[35]. Cossiga confermò la sua versione in un'intervista del 7 settembre 2007 ad Aldo Cazzullo del Corriere della Sera[36][37].

Presidente del SenatoModifica

Per un periodo Cossiga non ricoprì alcun incarico governativo né di partito, pur continuando il suo impegno di deputato. Quelli che Cossiga stesso ha definito come i suoi nemici all'interno della Democrazia Cristiana misero in giro la voce – avvalorata da un finto rapporto degli agenti segreti della sua scorta – che una sua visita in Romania, ospite di Nicolae Ceaușescu, sarebbe stata motivata da una cura con l'elettroshock in una clinica di quel Paese:[senza fonte] Cossiga ha narrato tale episodio nel corso della puntata del 14 dicembre 2007 della trasmissione Otto e mezzo, intervistato da Giuliano Ferrara: nel corso della medesima trasmissione Cossiga ha comunque riferito che in altre epoche (compresa quella finale alla Presidenza della Repubblica) ha sofferto di crisi depressive. Successivamente, nel 1983 fu eletto al Senato nel collegio Tempio-Ozieri e, 12 luglio 1983, Presidente del Senato.

Presidente della RepubblicaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Elezione del Presidente della Repubblica Italiana del 1985.
 
Francesco Cossiga durante il tradizionale messaggio di fine anno agli italiani il 31 dicembre 1989.

Nel 1985 divenne l'ottavo presidente della Repubblica Italiana, succedendo a Sandro Pertini. Per la prima volta nella storia repubblicana, l'elezione avvenne al primo scrutinio, con una larga maggioranza (752 su 977 votanti)[34]: Cossiga ricevette il consenso oltre che della DC anche di PSI, PCI, PRI, PLI, PSDI e Sinistra indipendente.

Primi cinque anniModifica

La presidenza Cossiga fu sostanzialmente distinta in due fasi riferite agli atteggiamenti assunti dal Capo dello Stato. Nei primi cinque anni Cossiga svolse il suo ruolo in maniera tradizionale, preoccupandosi di esercitare la funzione di perno delle istituzioni repubblicane previsto dalla Costituzione, che fa del Presidente della Repubblica una sorta di arbitro nei rapporti tra i poteri dello Stato. Ebbe modo anche di stimolare una migliore comprensione e configurazione di alcune funzioni presidenziali suscettibili di ambiguità interpretative, come il ruolo del Capo dello Stato nel caso di conferimento dei poteri di guerra al Governo (da cui derivò la nomina della Commissione Paladin)[38][39] e il potere di scioglimento delle Camere nel caso in cui il cosiddetto «semestre bianco», cioè quello conclusivo del mandato, coincida con la fine della legislatura, questione che indusse il Parlamento ad apportare un'apposita modifica all'articolo 88 comma II della Costituzione.

Le «picconate» al sistemaModifica

La caduta del Muro di Berlino segnò l'inizio della seconda fase. Secondo Cossiga la fine della guerra fredda e della contrapposizione di due blocchi avrebbe determinato un profondo mutamento del sistema politico italiano che nasceva da quella contrapposizione ed era a quella funzionale. La DC e il PCI avrebbero dunque subito gravi conseguenze da questo mutamento, ma Cossiga sosteneva che i partiti politici e le stesse istituzioni si rifiutavano di riconoscerlo. Iniziò quindi una fase di conflitto e di polemica politica al solo scopo di dare delle «picconate a questo sistema»[40].

 
Cossiga con il Presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan nel 1987.

Rimonta a quest'epoca l'abbandono, da parte sua, di uno dei più antichi tabù della politica democristiana, cioè quello che esorcizzava l'esistenza di illeciti: conformemente alla formazione tavianea. Per converso, la caduta del Muro di Berlino – da lui percepita come svolta epocale prima di molti altri politici italiani (in merito a questo Luciano Violante disse che «nessuno lo seguì e i partiti crollarono, come aveva previsto»)[41], tanto da essere stato l'unico politico romano a presenziare alla prima seduta del Bundestag dopo la riunificazione nel 1990 – fu per lui la vera giustificazione della riduzione dei margini di tolleranza dell'alleato nordamericano verso la classe politica italiana della Prima Repubblica: si tratta di una tolleranza che lui percepì scemare quando la CIA interferì pesantemente (e infruttuosamente) nelle vicende politiche delle massime istituzioni italiane, nel 1989, tentando di impedire l'ascesa di Giulio Andreotti a palazzo Chigi, probabilmente a causa della sua politica filoaraba[42].

Gli ultimi anni della presidenza furono caratterizzati da una serie di esternazioni sarcastiche e volutamente provocatorie nei confronti di alcune personalità politiche: definì Ciriaco De Mita «bugiardo, gradasso, il solito boss di provincia»[34]; Nicola Mancino uno che «se sta al mare fa un gran bene al Paese»[34]; Paolo Cirino Pomicino «un analfabeta»[34]; Michele Zolla «un analfabeta di ritorno»[34]; Antonio Gava un personaggio su cui «non infierirò mai chiamandolo camorrista o amico di camorristi come per anni hanno fatto i comunisti»[34]; Leoluca Orlando «un povero ragazzo, uno sbandato, che danneggia l'unità della lotta alla mafia, mal consigliato da un prete fanatico che crede di vivere nel Paraguay del '600» (il prete fanatico era il gesuita Ennio Pintacuda)[34]; Achille Occhetto «uno zombie con i baffi»[34]; Stefano Rodotà un «piccolo arrampicatore sociale, uomo senza radici, parvenu della politica»[34]; Luciano Violante «un piccolo Viscinski»[34]; Giorgio La Malfa «figlio impudente e imprudente d'un galantuomo»[34]; Claudio Martelli «un ragazzino»[34]; Enrico Dalfino (sindaco di Bari) un «irresponsabile e cretino»[34].

Tentando di smuovere un sistema che percepiva bloccato, abbandonò ogni formalismo, come in occasione del tradizionale discorso di fine anno del dicembre 1991, da lui quasi disertato, che fu il più breve della storia della Repubblica:

« Parlare non dicendo, tacendo anzi quello che tacere non si dovrebbe, non sarebbe conforme alla mia dignità di uomo libero, al mio costume di schiettezza, ai miei doveri nei confronti della Nazione. E questo proprio ormai alla fine del mio mandato che appunto va a scadere il prossimo 3 luglio 1992. Questo comportamento mi farebbe violare il comandamento che mi sono dato, per esempio di un grande Santo e uomo di stato, e al quale ho cercato di rimanere umilmente fedele: privilegiare sempre la propria retta coscienza, essere buon servitore della legge, e anche quindi della tradizione, ma soprattutto di Dio, cioè della verità. E allora mi sembra meglio tacere. »

(Francesco Cossiga, dal discorso di fine anno del 31 dicembre 1991[43].)

Attribuiva inoltre un'eccessiva politicizzazione della magistratura; stigmatizzava il fatto che giovani magistrati, appena entrati in servizio, fossero da subito destinati alle procure siciliane per svolgere processi di mafia: «Non è possibile che si creda che un ragazzino, solo perché ha fatto il concorso di diritto romano, sia in grado di condurre un'indagine complessa come può essere un'indagine sulla mafia o sul traffico della droga. Questa è un'autentica sciocchezza»[44].

Qualche commentatore ritenne che quella frase si riferisse a Rosario Livatino, magistrato vittima della mafia, ma anni dopo, con una lettera ai genitori del giudice, Cossiga smentì quest'interpretazione[45].

Per il suo mutato atteggiamento, Cossiga ricevette varie critiche e prese di distanza da parte di quasi tutti i partiti, a eccezione del MSI che si schierò a favore delle «picconate». Egli tra l'altro sarà ritenuto uno dei primi «sdoganatori» del MSI, al quale rivolse le scuse a nome dello Stato italiano per le accuse che erano state espresse nei suoi confronti all'indomani della strage di Bologna nel 1980[46].

Molte critiche furono da lui espresse, anche in anni seguenti in cui mantenne lo stile del «picconatore», contro il comportamento del pool di Mani pulite, in particolare contro Antonio Di Pietro[47], che precedentemente aveva elogiato[48]. Non solo singoli giudici, ma anche la magistratura nel suo insieme venne attaccata da Cossiga[49], affermando nel 2008 che «i primi mafiosi stanno al Csm» e che «sono loro che hanno ammazzato Giovanni Falcone negandogli la Dna e prima sottoponendolo a un interrogatorio. Quel giorno lui uscì dal Csm e venne da me piangendo. Voleva andar via. Ero stato io a imporre a Claudio Martelli di prenderlo al ministero della Giustizia»[50].

Cossiga e GladioModifica

Le asserite responsabilità di Cossiga nei confronti di Gladio furono confermate dal medesimo interessato che, ancora presidente, ammise con fierezza, in un'esternazione a Edimburgo nel 1990, la parte avuta nella sua messa a punto, in quanto sottosegretario al Ministero della Difesa tra il 1966 e il 1969[34] e si autodenunciò con un documento inviato alla Procura di Roma, in seguito alla denuncia dell'ammiraglio Martini e del generale Inzerilli come responsabili di Gladio. Nel documento dichiarò: «Rivendico in pieno la tutela di quarant'anni di politica della Difesa e della sicurezza per la salvaguardia dell'integrità nazionale, dell'indipendenza e della sovranità territoriale del nostro Paese nonché della libertà delle sue istituzioni, anche al fine di rendere giustizia a coloro che agli ordini del governo legittimo hanno operato per la difesa della Patria.»[34]. Cossiga ascrisse inoltre alla sua grafia gli omissis con cui fu censurato al Ministero della Difesa (all'epoca del suo sottosegretariato, negli anni sessanta) il rapporto Manes con cui si descrivevano le attività paragolpiste del piano Solo.

Sono differenti le versioni sui motivi che indussero il Presidente del Consiglio Giulio Andreotti a divulgare la struttura segreta di Gladio:

  1. Paolo Guzzanti, nel suo libro Cossiga uomo solo (Rizzoli, 1991) dedica un capitolo (La fiaba del giudice, del gatto e del primo ministro) alla chiave interpretativa di fonte cossighiana: la richiesta del giudice che indagava sulla strage di Peteano, Felice Casson, di accedere agli archivi del SISMI a Forte Braschi, sarebbe stata inopinatamente accolta dal Presidente del Consiglio Giulio Andreotti per dare luogo ad un regolamento di conti con il Capo dello Stato, da poco esternatore assai sgradito alla maggioranza DC.
  2. Lo stesso Cossiga, in una sua autobiografia, La versione di K (Rizzoli, 2009), scrive, riferendosi ad Andreotti: «Mi ha risposto che, ormai caduto il Muro di Berlino, non vi era più alcuna ragione per non raccontare come stavano davvero le cose. Tanto più, aggiunse, che aveva concesso al pm veneziano Felice Casson [...] il permesso di andare a vedere negli archivi dei Servizi Segreti: a quel punto c'era poco da sperare che non avrebbe ricostruito tutto» (p. 158).

Nei mesi successivi si scatenarono continue polemiche: Achille Occhetto (segretario comunista) tuonò contro la «democrazia limitata» che sarebbe esistita in Italia durante il dopoguerra e contro l'«eversione atlantica», a suo dire ben più pericolosa dell'Armata Rossa e della Gladio rossa, mentre lo stesso Cossiga minacciò di autosospendersi purché lo facesse anche Andreotti[34]. Successivamente Casson trasmise il fascicolo sull'organizzazione, per ragioni di competenza territoriale, alla Procura di Roma, la quale dichiarò che la struttura Stay-behind non aveva nulla di penalmente rilevante[51].

Vi sono state differenti valutazioni politiche sul suo coinvolgimento nella vicenda di Gladio.

Mentre Cossiga ha dichiarato che sarebbe giusto riconoscere il valore storico dei «gladiatori» così come era avvenuto per i partigiani, il presidente della Commissione Stragi Giovanni Pellegrino ebbe a scrivere: «Se in sede giudiziaria un'illiceità penale della rete clandestina in sé considerata è stata motivatamente e fondatamente negata, non sono state affatto escluse possibili distorsioni dalle finalità istituzionali dichiarate della struttura, che ben possono essere andate al di là della sua già evidenziata utilizzazione a fini informativi...».

La richiesta di messa in stato di accusaModifica

 
Cossiga alla scrivania presidenziale.

Il 6 dicembre 1991 fu presentata in parlamento da parte dell'allora minoranza la richiesta di messa in stato di accusa per Francesco Cossiga, con diversi capi d'accusa. Le accuse erano 29, tra queste:

a) l'espressione di pesanti giudizi sull'operato della commissione di inchiesta sul terrorismo e le stragi;
b) la lettera del 7 novembre 1990 con la minaccia di «sospendersi» e di sospendere il governo onde bloccare la decisione governativa riguardante il comitato sulla organizzazione Gladio;
c) le continue dichiarazioni circa la legittimità della struttura denominata organizzazione Gladio benché fossero in corso indagini giudiziarie e parlamentari;
d) la minaccia del ricorso alle forze dell'ordine per far cessare un'eventuale riunione del Consiglio superiore della magistratura, nonché del suo scioglimento in caso di inosservanza del divieto di discutere di certi argomenti;
e) i giudizi sulla Loggia massonica P2, nonostante la legge di scioglimento del 1982 e le conclusioni della commissione parlamentare d'inchiesta;
f) la pressione sul governo affinché non rispondesse alle interpellanze, presentate alla Camera nel maggio 1991 da esponenti del PDS;
g) l'invito ad allontanare il ministro Rino Formica dopo le sue dichiarazioni sulla organizzazione Gladio;
h) la rivendicazione di un potere esclusivo di scioglimento delle Camere e la sua continua minaccia;
i) la minaccia di far uso dei dossier e la convocazione al Quirinale dei vertici dei servizi segreti;
l) il ricorso continuo alla denigrazione, onde condizionare il comportamento delle persone offese e prevenire possibili critiche politiche.

Tra i firmatari delle mozioni vi erano Ugo Pecchioli, Luciano Violante, Marco Pannella, Nando dalla Chiesa, Giovanni Russo Spena, Sergio Garavini, Lucio Libertini, Lucio Magri, Leoluca Orlando, Diego Novelli.[senza fonte]

Il comitato parlamentare ritenne tutte le accuse manifestamente infondate (tra cui venne aggiunta quella di aver abusato della propria carica quando propose unilateralmente la grazia per il fondatore delle BR Renato Curcio), come si legge negli atti parlamentari del 12 maggio 1993. La Procura di Roma richiese l'archiviazione a favore di Cossiga il 3 febbraio 1992 e l'8 luglio 1994 la richiesta fu accolta dal Tribunale dei ministri.

Cossiga scrisse:

« Il Partito comunista sapeva dell'esistenza di un'organizzazione segreta con le caratteristiche di Gladio. Lo dico perché ne fui informato da Emilio Taviani. [...] Perché i comunisti lanciarono comunque quella campagna e perché inserirono i fatti di Gladio tra le accuse che portarono alla richiesta di incriminazione nei miei confronti? Credo di avere la risposta. Quello dei comunisti fu fuoco di controbatteria: era da poco crollato il Muro di Berlino e temevano che potessero arrivare da quella parte notizie di chissà che genere sul loro conto; quindi, per evitare di trovarsi in imbarazzo, cominciarono a sparare nel mucchio. E io, [...] fui colpito per primo in quanto presidente della Repubblica. »

(Francesco Cossiga, La versione di K, p. 159.)

Dopo le dimissioni di Cossiga, il PDS fece tranquillamente sapere che, se anche quelle accuse fossero state provate, non era più il caso di occuparsene visto che non stava più al Quirinale[34].

Le dimissioniModifica

 
Francesco Cossiga con il Presidente russo Boris El'cin, nel 1992.

A seguito delle elezioni del 5 aprile, prendendo atto della sconfitta del sistema consociativo fondato sul pentapartito che pure egli aveva sostenuto al fine di «combattere il degrado economico e il terrorismo», deciso a dare un colpo all'immobilismo e alla debolezza dei governi sottoposti alle «estenuanti liturgie e alchimie partitiche», Cossiga si dimise dalla presidenza della Repubblica il 28 aprile 1992, a due mesi dalla scadenza naturale del mandato, annunciando le sue dimissioni con un discorso televisivo che tenne simbolicamente il 25 aprile, alla fine del quale giunse a commuoversi[52]:

« C'è chi approverà il mio gesto, chi questo gesto non lo approverà, ma spero che tutti lo consideriate un gesto onesto di servizio alla Repubblica. [...] Ai giovani io voglio dire però... di amare la Patria, di onorare la nazione, di servire la Repubblica, di credere nella libertà e di credere nel nostro Paese[53]. »

(Francesco Cossiga, dal discorso del 25 aprile 1992.)

Fino al 25 maggio, quando al Quirinale fu eletto Oscar Luigi Scalfaro, le funzioni presidenziali furono assolte, come previsto dalla Costituzione, dall'allora Presidente del Senato, Giovanni Spadolini. Pochi mesi prima, a gennaio, Cossiga aveva già lasciato la Democrazia Cristiana, suo partito di provenienza, scrivendo una lettera al quotidiano Il Popolo[34].

Senatore a vita: XI e XII legislaturaModifica

Come preannunciato, Cossiga abbandonò la DC e si iscrisse al gruppo misto del Senato, partecipando ai lavori parlamentari e concedendo il proprio voto di fiducia ai governi Amato, Ciampi, Berlusconi e Dini.

XIII legislaturaModifica

Anche nella legislatura iniziata nel 1996 Cossiga decise in un primo momento di rimanere defilato, pur contribuendo col suo voto alla fiducia al primo governo Prodi. Successivamente, nel febbraio del 1998, diede vita ad una nuova formazione politica, l'Unione Democratica per la Repubblica (UDR), con l'intenzione di costituire un'alternativa di centro e ricompattare le forze ex-democristiane.

L'UDR raccolse l'adesione dei Cristiani Democratici Uniti di Rocco Buttiglione e di Clemente Mastella, alla guida di un gruppo di scissionisti del Centro Cristiano Democratico. Tra coloro che aderirono all'UDR ci furono anche Carlo Scognamiglio, Angelo Sanza e Pellegrino Capaldo.

L'appoggio al governo D'AlemaModifica

Quando Rifondazione comunista fece mancare il suo appoggio al governo Prodi I, che venne battuto alla Camera per un voto, Cossiga fu determinante per la formazione del governo D'Alema I. Il suo appoggio venne deciso, come Cossiga spiegò in una conferenza stampa all'uscita dalle consultazioni con il Presidente Scalfaro, per sancire irrevocabilmente la fine della conventio ad excludendum nei confronti del PCI. Massimo D'Alema fu il primo Presidente del Consiglio a provenire dalle file dell'ex PCI. Per l'occasione Cossiga regalò al novello Capo del Governo in Parlamento un bambino di zucchero, ironizzando un desueto luogo comune su usanze cannibalistiche dei comunisti[54]. Nel frattempo il senatore dell'opposizione Marcello Pera (Forza Italia) ricordava polemicamente le origini di Cossiga in Barbagia, luogo dove vivevano i latitanti rapitori dell'Anonima sequestri, definendolo «barbaricino ladro di voti», a cui Cossiga rispondeva ricordando le proprie origini familiari, «contrariamente a chi ha un cognome di cosa, come si usava dare alle famiglie la cui origine era ignota»[30]. L'UDR entrò anche a far parte del governo D'Alema con Carlo Scognamiglio, nominato Ministro della Difesa.

Sempre nel 1998, Cossiga fu chiamato a testimoniare nel processo che a Palermo vedeva Giulio Andreotti imputato per associazione mafiosa. Cossiga fu particolarmente accalorato nel difendere l'ex Presidente del Consiglio, da egli descritto come «assatanato nella lotta alla mafia»[55]. Al termine del lungo iter giudiziario fu accertata la connivenza di Andreotti con la mafia per fatti anteriori al 1980. Il senatore fu assolto per i fatti successivi a tale data e prescritto per quelli precedenti.

XIV legislaturaModifica

Dopo un anno di vita, l'UDR si sciolse e larga parte di essa confluì nel nuovo soggetto politico creato da Clemente Mastella, l'UDEUR. Cossiga vi aderì in maniera puramente simbolica, per fuoriuscirne definitivamente il 6 novembre 2003, quando abbandonò, al Senato, il gruppo misto per iscriversi al gruppo per le autonomie.

Nel giugno 2002 ha annunciato le dimissioni da senatore a vita, che peraltro non ha mai presentato.

Nel 2003 pubblica Discorso sulla giustizia[56], un pamphlet che raccoglie alcuni fra i suoi scritti in tema di giustizia su argomenti quali il delicato rapporto fra primato del Parlamento da un lato e indipendenza della magistratura dall'altro, e quello della problematica conciliabilità fra politicizzazione del magistrato e imparzialità della giurisdizione. Il suo progetto per una riforma utopica si accompagna ad altri interventi che Cossiga, cogliendo occasione da vicende giudiziarie e politiche di rilevanza nazionale, ha svolto in sede parlamentare, e non diffusi al di fuori del circuito degli addetti ai lavori.

Nel 2004 fece alcune affermazioni (riprese nel 2007 e ribadite poi nell'autobiografia La versione di K)[57] sulla strage di Bologna: in una lettera indirizzata a Enzo Fragalà, capogruppo di Alleanza Nazionale nella Commissione Mitrokhin ipotizza un coinvolgimento del terrorismo palestinese, nella strage che lui stesso dichiarò «fascista», salvo poi cambiare idea nel 1990, affermando che fu mal consigliato dai servizi segreti che lo indirizzarono sulla pista nera in maniera erronea. Il Presidente emerito affermò di avere «il dubbio grave» che la strage fosse il risultato «o di un atto del terrorismo arabo o della fortuita deflagrazione di una o più valigie di esplosivo trasportato da palestinesi, che si credevano garantiti dall'“accordo Moro”»[58]. Nel 2008 Cossiga ha reiterato questa affermazione in un'intervista al Corriere della Sera in cui ribadiva la sua convinzione secondo cui la strage non sarebbe da imputarsi al terrorismo nero, ma ad un incidente di gruppi della resistenza palestinese operanti in Italia[59].

Allo stesso tempo smentì più volte di avere sostenuto tesi complottiste sugli attentati dell'11 settembre 2001, voci diffuse soprattutto su internet[60][61], tesi che lui stesso riferì nuovamente qualche anno più tardi in un comunicato, in realtò di tono ironico, pubblicato dal Corriere della Sera, ma ripreso anche da organi di informazione internazionali[62][63][64][65][66].

XV legislaturaModifica

Cossiga ha collaborato attivamente con diversi quotidiani, scrivendo anche sotto lo pseudonimo «Franco Mauri» per Libero e «Mauro Franchi» per Il Riformista. Alla fine del 2005 ha pubblicato sul quotidiano Libero una lettera nella quale ha annunciato di non volersi più occupare attivamente della politica italiana, ma non pare avervi dato pienamente seguito.

Il 15 maggio 2006 presenta in Senato il DDL Costituzionale n. 352, per la riforma delle istituzioni Sarde e il riconoscimento della Nazione Sarda[67].

Il 19 maggio 2006 ha votato la fiducia al governo Prodi II.

Il 23 maggio 2006 ha presentato un disegno di legge costituzionale, (dopo la sua morte, mai più discusso) per l'attuazione di un referendum sull'autodeterminazione della Provincia di Bolzano. Il referendum prevedeva più quesiti: se si voleva restare a far parte della Repubblica Italiana, se si voleva diventare parte di quella austriaca, se si voleva diventare un Land della Germania o se si voleva diventare uno Stato sovrano[68].

Il 27 novembre 2006 ha presentato al Presidente del Senato, Franco Marini, le dimissioni da senatore a vita, ritenendosi «ormai inidoneo ad espletare i complessi compiti e ad esercitare le delicate funzioni che la Costituzione assegna come dovere ai membri del parlamento nazionale». Le dimissioni sono state respinte dal Senato in data 31 gennaio 2007: il numero dei senatori contrari alle dimissioni è stato di 178, i favorevoli 100 e gli astenuti 12.

L'intera vicenda si è sviluppata in seguito a un'interpellanza parlamentare del mese di novembre 2006 nella quale il presidente emerito richiedeva al Ministro dell'Interno Giuliano Amato di chiarire i motivi del pagamento di due giornalisti da parte del Dipartimento della pubblica sicurezza, diretto dal prefetto Gianni De Gennaro. Data la non immediata disponibilità a chiarire direttamente la vicenda da parte del ministro Amato, in aula venne letta una risposta scritta da De Gennaro. Non condividendo il comportamento tenuto dal Ministro, Cossiga ribatteva con una delle sue note «picconate»: «[Ha preferito rispondere] lo scagnozzo di quel losco figuro (tale Roberto Sgalla) del capo della polizia che si chiama Gianni De Gennaro [...]». Nella stessa data, prima del voto di cui sopra, Francesco Cossiga ha presentato pubbliche scuse allo stesso De Gennaro.

Il 6 dicembre 2007 è stato determinante per salvare dalla crisi il governo Prodi, con il suo voto al decreto sicurezza, sul quale l'esecutivo aveva posto la questione di fiducia.

Ha anche rilasciato dichiarazioni sulla strage di Ustica, all'epoca della quale era Presidente del Consiglio, attribuendo la responsabilità del disastro a un missile francese «a risonanza e non ad impatto» destinato ad abbattere l'aereo su cui si sarebbe trovato il dittatore libico Mu'ammar Gheddafi[69][70]. Tesi analoga è alla base della conferma, da parte della Cassazione, della condanna al pagamento di un risarcimento ai familiari delle vittime inflitta in sede civile ai ministeri dei trasporti e della difesa dal Tribunale di Palermo, sentenza che ha riconosciuto le prove di quanto affermato dall'ex Capo dello Stato[71].

XVI legislaturaModifica

Nel 2008 Cossiga ha votato la fiducia al governo Berlusconi IV; in precedenza aveva votato la fiducia a Berlusconi un'altra volta, nel 1994 (governo Berlusconi I).

Il 23 ottobre 2008, in un'intervista al Quotidiano Nazionale, propone al Ministro dell'Interno Roberto Maroni la sua soluzione per contenere il dissenso universitario nei confronti della legge 133/2008: evitare di chiamare in causa la polizia, ma screditare il movimento studentesco infiltrando agenti provocatori, e solo allora, dopo aver lasciato «che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi», «forti del consenso popolare [...] le forze dell'ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale». Nell'affermare ciò Cossiga sostenne che il terrorismo degli anni settanta era partito proprio dalle Università, e confermò di avere già attuato una strategia simile quando egli stesso era stato Ministro dell'Interno[72]. In seguito a questa intervista Alfio Nicotra, della direzione nazionale del PRC e responsabile del Dipartimento Pace e Movimenti del PRC ha chiesto di riaprire l'inchiesta sulla morte di Giorgiana Masi, uccisa in circostanze non ancora chiarite durante una manifestazione nel 12 maggio 1977, periodo nel quale stesso Cossiga era ministro dell'Interno[73]. Inoltre la senatrice Donatella Poretti (Radicale eletta nelle file del PD) ha deciso di depositare un disegno di legge per l'istituzione di una commissione d'inchiesta sull'omicidio della Masi. Nonostante lo scontro politico continuo (dal manifesto che lo indicava come mandante dell'omicidio Masi alla richiesta di messa in stato d'accusa), Cossiga e il leader radicale Marco Pannella ebbero sempre un rapporto abbastanza cordiale dal punto di vista umano, avendo anche alcune convergenze (come sui temi della giustizia)[74].

Nomine presidenzialiModifica

Governi

IX legislatura (1983-1987)

X legislatura (1987-1992)

Giudici della Corte costituzionale
Senatori a vita

MorteModifica

 
La bara di Francesco Cossiga avvolta nella bandiera sarda.

Ricoverato al Policlinico Gemelli di Roma il 9 agosto 2010[75], vi muore il 17 agosto a seguito di un infarto e di problemi respiratori[76][77].

Dopo la sua morte, vengono aperte quattro lettere che Cossiga aveva indirizzato alle quattro massime autorità dello Stato in carica al momento della sua morte[78][79].

I funerali si sono svolti nella sua città natale presso la Chiesa di San Giuseppe[80]. Successivamente la salma è stata trasportata a Sassari per un nuovo rito di suffragio nella Chiesa di San Giuseppe[81]. Cossiga è sepolto nel cimitero comunale di Sassari, nella tomba di famiglia, poco distante dalla tomba di Antonio Segni[82].

Riferimenti nella cultura di massaModifica

  • Negli ultimi due anni di mandato, i suoi interventi, spesso provocatori e volutamente eccessivi, con fortissima esposizione mediatica, valsero a Cossiga l'appellativo di «picconatore»[83] e di «grande esternatore». Fu lui stesso a definire tali esternazioni, con riferimento a un noto brano del cantante Natalino Otto, un «levarsi i sassolini dalla scarpa», per sottolinearne la natura di reazione ad attacchi cui si riteneva sottoposto[84].
  • Nel 1992 fu il primo Capo di Stato a visitare la Croazia, in seguito alla dichiarazione d'indipendenza, e nel 1999 fu nominato ambasciatore onorario ottenendo il passaporto diplomatico croato[85][86].
  • Nel periodo in cui era Ministro dell'Interno, nelle scritte sui muri dei manifestanti, il suo nome veniva storpiato con una kappa iniziale e usando la doppia esse delle SS naziste (sowilo, lettera dell'alfabeto runico), in una forma somigliante a Koϟϟiga.
  • Cossiga sposò nel 1960 Giuseppa Sigurani, da cui ebbe due figli: Annamaria e Giuseppe. La consorte, di carattere particolarmente schivo, non ha mai condotto una vita pubblica. Il matrimonio si concluse con una separazione, nel 1993, che condusse al divorzio, cinque anni dopo. Nel 2007, gli ex coniugi ottennero dalla Sacra Rota la dichiarazione di nullità del matrimonio[87].
  • Appassionato radioamatore, Cossiga era titolare di stazione di con il nominativo «I0FCG»[88][89]. Prima di diventare radioamatore trasmetteva sulla banda cittadina con il nominativo «Andy Capp» e, nei primi anni settanta, si era impegnato per legalizzare la «CB»[90]. Durante il suo mandato presidenziale trasferì la sua stazione al Quirinale; dopo il mandato, ha ripetutamente mostrato la stazione alla TV.
  • Nel corso degli anni, contemporaneamente al riemergere di inchieste che hanno riguardato lo stesso Cossiga, trattanti stragi e fatti legati alla strategia della tensione[91] si è affermato che il politico sassarese fosse affiliato alla Massoneria[92]. La stessa famiglia di Cossiga vantava numerosi membri iscritti alla Gran Loggia d'Italia degli Alam, nel Rito scozzese antico ed accettato; addirittura il nonno Antonio Zanfarino aveva conseguito il 33º grado (il più alto) del citato rito Scozzese[93]. Queste voci erano anche legate alle dichiarate fedeltà atlantiste e alla sua vicinanza con uomini degli apparati militari della NATO, ma furono sempre smentite. Cossiga, infatti, affermò di non poter «essere massone perché sono cattolico, e credo fermamente che le due condizioni siano incompatibili»; dichiarò, tuttavia, di conoscere moltissimi massoni e di aver tentato, tramite Licio Gelli, di intercedere per i desaparecidos italiani presso il generale argentino Emilio Eduardo Massera, con scarsi risultati[8][94]. Era anche nota la sua amicizia con Armando Corona, Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia dal 1982 al 1990 e poi membro dell'UDR di Cossiga[95][96][97]. Negli ultimi anni della sua vita, comunque, Cossiga sviluppò una vera e propria passione e interesse per libri e argomenti trattanti la massoneria e l'esoterismo[8].
  • Pur non avendo mai svolto il servizio militare, in quanto «figlio maschio di padre inabile al lavoro proficuo»[98], Cossiga conseguì il grado di Capitano di fregata della Marina Militare, per nomina presidenziale di Giovanni Leone e volentieri ne indossava la divisa. Detta nomina avvenne in base al R.D. 16 maggio 1932, n. 819 («legge Marconi»)[99]. In precedenza, il 23 novembre 1961, aveva conseguito il grado di Capitano di corvetta, sempre con provvedimento del Presidente della Repubblica (all'epoca, Giovanni Gronchi). Il fatto emerse pubblicamente quando nelle lettere di un magistrato suicida, il cagliaritano Luigi Lombardini, vi si alluse come ad un soprannome[100]. Cossiga ha affermato che i suoi gradi di marina gli sarebbero stati conferiti nell'ambito dell'operazione Gladio o Stay-behind: «Per darmi una 'copertura' io fui poi nominato Capitano di Corvetta della Marina Militare Italiana e nominato "operatore" del Goi di Comsubin»[14].
  • Personalmente, il politico sassarese amava definirsi con il soprannome, usato dai fidatissimi del circolo presidenziale, di «don Cecio da Chiaramonti»[101].
  • Cossiga dispose due volte che la banda militare del Quirinale eseguisse l'inno sardo Cunservet Deus su Re: nel 1991, durante il tradizionale ricevimento degli ambasciatori stranieri e nel 1992, all'atto delle sue dimissioni da Capo dello Stato[102].
  • Il 12 gennaio 1997, Cossiga si trovava a bordo dell'ETR 460, treno 9415 Milano-Roma, che deragliò alle porte della stazione di Piacenza, provocando la morte di 8 persone e il ferimento di circa altre 30. Il senatore a vita uscì illeso dall'incidente[103].

AppartenenzeModifica

OnorificenzeModifica

Onorificenze italianeModifica

Nella sua qualità di Presidente della Repubblica italiana è stato, dal 3 luglio 1985 al 28 aprile 1992:

  Capo dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
  Capo dell'Ordine militare d'Italia
  Capo dell'Ordine al merito del lavoro
  Capo dell'Ordine della Stella della solidarietà italiana
  Capo dell'Ordine di Vittorio Veneto

Personalmente è stato insignito di:

  Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (Italia)
— Roma, 29 aprile 1992[104].
  Gran croce al merito della Croce Rossa Italiana

Onorificenze straniereModifica

  Collare dell'Ordine del liberatore San Martín (Argentina)
  Gran cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)
  Gran croce dell'Ordine nazionale della Croce del Sud (Brasile)
  Collare dell'Ordine al merito (Cile)
  Cavaliere di gran croce del Grand'ordine del re Tomislavo (Croazia)
— 3 luglio 1993[105].
  Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca)
  Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito (Egitto)
  Cavaliere di gran croce dell'Ordine di Sikatuna (Filippine)
  Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
  Collare dell'Ordine di Hussein ibn' Ali (Giordania)
  Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Falcone (Islanda)
  Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Corona di quercia (Lussemburgo)
  Compagno d'Onore Onorario dell'Ordine Nazionale al Merito (Malta)
— 18 settembre 1991.
  Stella di I Classe dell'Ordine di Mohammedi (Marocco)
  Gran croce dell'Ordine dell'Aquila azteca (Messico)
  Cavaliere di gran croce dell'Ordine di Orange-Nassau (Paesi Bassi)
  Gran croce dell'Ordine del sole del Perù (Perù)
  Croce di commendatore con placca dell'Ordine della Polonia restituta (Polonia)
  Gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica di Polonia (Polonia)
  Gran collare dell'Ordine dell'infante Dom Henrique (Portogallo)
— 22 marzo 1990.
  Gran collare dell'Ordine dell'Indipendenza (Qatar)
  Cavaliere di Gran Croce onorario dell'Ordine del Bagno (Regno Unito)
— 23 ottobre 1990.
  Cavaliere di gran croce onorario dell'Ordine dei Santi Michele e Giorgio (Regno Unito)
— 1980[106].
  Classe speciale della gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca)
  Cavaliere di gran croce dell'Ordine equestre per il merito civile e militare (San Marino)
  Cavaliere di collare dell'Ordine Piáno (Santa Sede)
  Balì di Gran Croce di Onore e Devozione (Sovrano Militare Ordine di Malta)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Pro Merito Melitensi, classe speciale (Sovrano Militare Ordine di Malta)
  Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 25 marzo 1991.
  Gran Cordone dell'Ordine del 7 Novembre (Tunisia)
— 25 marzo 1991.
  Ordine della Bandiera ungherese di I classe (Ungheria)
  Gran Collare dell'Ordine del Liberatore (Venezuela)

Onorificenze non nazionaliModifica

  Cavaliere di gran croce, con placca d'oro, decorato del collare del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio (Casa di Borbone-Due Sicilie)
— revocato nel 2004[107].

Lauree honoris causaModifica

NoteModifica

  1. ^ Ferruccio Pinotti, Fratelli d'Italia, Milano, BUR, 2007.
  2. ^ Giovanni Minoli e Piero A. Corsini, La storia sono loro, Milano, Rizzoli, 2010.
  3. ^ Gazzetta Ufficiale n° 117 del 22 maggio 2001.
  4. ^ Nel 1987, per la prima e finora unica volta nella storia della Repubblica, conferì l'incarico di formare il governo una donna, l'allora Presidente della Camera dei deputati Nilde Iotti.
  5. ^ a b Francesco Cossiga, quirinale.it. URL consultato il 20 ottobre 2010.
  6. ^ a b c d DA PRESIDENTE NOTAIO A PICCONATORE, cronologia.leonardo.it. URL consultato il 17 novembre 2017.
  7. ^ Gian Antonio Stella, mio cugino Berlinguer: Cossiga racconta un leader, in Corriere della Sera, 10 giugno 1994. URL consultato il 18 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2012).
  8. ^ a b c Concita De Gregorio, Le confessioni di Cossiga: "Io, Gelli e la massoneria", in Repubblica.it, 11 ottobre 2003. URL consultato l'8 ottobre 2010.
  9. ^ Cossiga, dizionario.rai.it. URL consultato il 22 ottobre 2008.
  10. ^ Affermato dallo stesso Cossiga nella puntata di Porta a Porta del 4 giugno 2009.
  11. ^ Frabcesco Cossiga, Fotti il potere, Roma-Reggio Emilia, Aliberti, 2010, p. 242.
  12. ^ Guido Rombi, Chiesa e società a Sassari dal 1931 al 1961. L'episcopato di Arcangelo Mazzotti, Milano, Vita e pensiero, 2000, ISBN 978-88-343-0097-8. (soprattutto il capitolo: Francesco Cossiga e la corrente dossettiana: dalla Fuci ai «giovani turchi», pp. 282-314).
  13. ^ a b c d e Indro Montanelli e Mario Cervi, L'Italia degli anni di piombo, Milano, Rizzoli, 1991.
  14. ^ a b c Aprile online, aprileonline.info. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  15. ^ Casson vuol sapere i segreti di Manes, in la Repubblica, 2 dicembre 1990. URL consultato il 19 gennaio 2013.
  16. ^ Gianni Flamini, L'Italia dei colpi di Stato, Roma, Newton Compton, 2007, p. 79.
  17. ^ Lino Jannuzzi, In morte di un Picconatore, in Il Foglio, 18 agosto 2010. URL consultato il 24 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2013).
  18. ^ I carri armati all'Università, tmcrew.org. URL consultato il 30 marzo 2007.
  19. ^ Francesco Cossiga: vicenda politica e confronto col Partito Radicale, Radicali italiani. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  20. ^ a b Giorgiana Masi, la verità di Cossiga "Forse uccisa dai suoi compagni", in Repubblica.it, 17 maggio 2005. URL consultato il 31 agosto 2011.
  21. ^ Aldo Cazzullo, «Non rimanderei i blindati in piazza Molti autonomi finirono nelle Br», in Corriere della Sera, 25 gennaio 2007. URL consultato il 17 gennaio 2015.
  22. ^ Francesco Cossiga: "Br, eravate dei nemici politici, non dei criminali", insorgenze.net, 18 agosto 2010. URL consultato il 3 giugno 2015.
  23. ^ Il ritorno in libertà per una lettera di Cossiga, in Corriere della Sera, 15 gennaio 2009. URL consultato il 27 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2015).
  24. ^ Cossiga: amnistia per i terroristi e grazia per Sofri, in Sky TG 24, 10 maggio 2009. URL consultato il 26 luglio 2015.
  25. ^ Michele Brambilla, Cossiga: Le “deviazioni” dei giudici? Toni Negri la prima vittima., in Sette, 7 febbraio 2002. URL consultato il 1º maggio 2013.
  26. ^ Commissione parlamentare d'inchiesta sul terrorismo in Italia e sulle cause della mancata individuazione dei responsabili delle stragi, 27ª seduta, audizione di Francesco Cossiga, 27 novembre 1997.
  27. ^ Robert Katz, I giorni del complotto, Panorama, 13 agosto 1994.
  28. ^ Emmanuel Amara, Nous avons tué Aldo Moro, Parigi, Patrick Robin, 2006, ISBN 2-35228-012-5.
  29. ^ Francesco Grignetti, "Ho manipolato le Br per far uccidere Moro", in La Stampa.it, 9 marzo 2008. URL consultato il 17 luglio 2008.
  30. ^ a b Alessandro D'Amato, Addio a Cossiga, il presidente dei segreti di Pulcinella, giornalettismo.com, 17 agosto 2010. URL consultato il 27 luglio 2015.
  31. ^ Marco Galluzzo, L'ira di Cossiga: lascio Palazzo Madama, in Corriere della Sera, 2 giugno 2002. URL consultato il 16 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2012).
  32. ^ Margherita De Bac, I medici: da Pasqua smise di curarsi, in Corriere della Sera, 19 agosto 2010. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  33. ^ Clio Pedone, L'uomo che guardò oltre il muro, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2012, ISBN 978-88-498-3281-5.
  34. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v Indro Montanelli e Mario Cervi, L'Italia degli anni di fango, Milano, Rizzoli, 1993.
  35. ^ Francesco Cossiga e Pasquale Chessa, Italiani sono sempre gli altri. Controstoria d'Italia da Cavour a Berlusconi, Milano, Mondadori, 2007, p. 249, ISBN 88-04-57573-5.
  36. ^ Aldo Cazzullo, Cossiga: così avvertimmo Donat-Cattin, in Corriere della Sera, 7 settembre 2007. URL consultato il 17 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2015).
  37. ^ Francesco Cossiga, Cossiga e le risposte sul caso Donat-Cattin, in Corriere della Sera, 11 settembre 2007. URL consultato il 17 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2015).
  38. ^ Giampiero Buonomo, Maxi-emendamento nella speranza di tappare le falle del codice militare di guerra, Diritto e Giustizia, 24 gennaio 2002.
  39. ^ Relazione della Commissione istituita dal Governo Goria per l'esame dei problemi costituzionali concernenti il comando e l'impiego delle Forze Armate, in Quad. cost. 2/1988, 318 ss. Tale relazione conclusiva invitava, sul meccanismo di attivazione della legge di guerra, a sanare la «principale sfasatura rispetto alla Costituzione vigente», consistente nel fatto «che il Parlamento non vi è preso in alcuna considerazione», in patente difformità dall'articolo 78 Cost. sulla deliberazione parlamentare dello stato di guerra.
  40. ^ Gianluca Luzi, Parlamento, la settimana più lunga, in la Repubblica, 12 novembre 1991. URL consultato il 22 agosto 2009.
  41. ^ Dino Martirano, Ero Vishinsky, ma mi chiamava sempre, Corriere della Sera, 18 agosto 2010.
  42. ^ Aldo Cazzullo, Cossiga: Andreotti? Ama giocare a poker. Mi ha sempre battuto, in Corriere della Sera, 11 gennaio 2009. URL consultato il 13 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2012).
  43. ^ Messaggio di fine anno agli italiani del Presidente della Repubblica Francesco Cossiga, Presidenza della Repubblica, 31 dicembre 1991. URL consultato il 26 luglio 2015.
  44. ^ Discorso tratto da Storia della Prima Repubblica, parte VI, di Paolo Mieli, 3D produzioni video.
  45. ^ Quel giudice ragazzino? Un eroe e un santo, in Corriere della Sera, 12 luglio 2002. URL consultato il 15 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2013).
  46. ^ Cossiga, Storace: «È stato il primo sdoganatore del Msi», in A tutta Destra. URL consultato il 31 maggio 2012.
  47. ^ Cossiga insulta Di Pietro,magistrato Palamara (pres.Anm) ed elettori Idv (16Lug08), dailymotion.com. URL consultato il 26 luglio 2015.
  48. ^ Marco Travaglio, Bananas, Milano, Garzanti, 2003, p. 115.
  49. ^ Francesco Cossiga, Quando al Plenum mandai i carabinieri, il Giornale, 20 luglio 2005.
  50. ^ Virginia Piccolillo, Cossiga: reato ridicolo, i giudici sono una lobby, in Corriere della Sera, 19 gennaio 2008. URL consultato il 2 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2015).
  51. ^ Indro Montanelli e Mario Cervi, L'Italia degli anni di fango, Milano, Rizzoli, 1993. «La magistratura romana cui Casson aveva trasmesso perché "incompetente" il fascicolo sull'organizzazione – ma per dichiararsi incompetente aveva redatto una vera e propria requisitoria in cui asseriva la perversa natura di Gladio – fu di parere opposto al suo. Non c'era nulla nella struttura Stay-behind che avesse rilevanza giudiziaria. I gladiatori erano galantuomini.».
  52. ^ cari concittadini, allora ho deciso, in Corriere della Sera, 26 aprile 1992. URL consultato il 19 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2014).
  53. ^ Cossiga, dimissioni del Presidente, Rai, 25 aprile 1992. URL consultato il 1º dicembre 2014.
  54. ^ COSSIGA REGALA A D'ALEMA UN BAMBINO DI ZUCCHERO..., in Adnkronos, 27 ottobre 1998. URL consultato il 31 luglio 2014.
  55. ^ La testimonianza dell'ex presidente Francesco Cossiga al processo di Palermo «Andreotti, assatanato nella lotta alla mafia», in Il Tirreno, 18 giugno 1998. URL consultato il 22 dicembre 2014.
  56. ^ Francesco Cossiga, Discorso sulla giustizia, Macerata, Liberilibri, 2003.
  57. ^ Gian Marco Chiocci, Il giallo della strage di Bologna. Ecco le prove della pista araba, in il Giornale, 22 ottobre 2007. URL consultato il 2 agosto 2012.
  58. ^ Cossiga: pista araba dietro la strage di Bologna, in la Padania, 21 luglio 2005. URL consultato il 26 luglio 2015.
  59. ^ Aldo Cazzullo, Cossiga compie 80 anni: Moro? Sapevo di averlo condannato a morte, in Corriere della Sera, 8 luglio 2008. URL consultato il 29 luglio 2012.
  60. ^ Francesco Cossiga, Si teorizzano i complotti per non vedere, in La Stampa, 4 settembre 2006. URL consultato il 31 luglio 2014.
  61. ^ Zeus Blue e John, Cossiga arruolato a forza tra i complottisti, undicisettembre, 11 novembre 2007. URL consultato il 31 luglio 2014.
  62. ^ Osama-Berlusconi? «Trappola giornalistica», in Corriere della Sera, 30 novembre 2007. URL consultato il 31 luglio 2014. «Da ambienti vicini a Palazzo Chigi, centro nevralgico di direzione dell'intelligence italiana, si fa notare che la non autenticità del video [un video in cui Osama bin Laden minaccia Silvio Berlusconi] è testimoniata dal fatto che Osama Bin Laden in esso 'confessa' che Al Qaeda sarebbe stato l'autore dell'attentato dell'11 settembre alle due torri in New York, mentre tutti gli ambienti democratici d'America e d'Europa, con in prima linea quelli del centrosinistra italiano, sanno ormai bene che il disastroso attentato è stato pianificato e realizzato dalla Cia americana e dal Mossad con l'aiuto del mondo sionista per mettere sotto accusa i Paesi arabi e per indurre le potenze occidentali ad intervenire sia in Iraq sia in Afghanistan».
  63. ^ Link dove si sottolinea e si spiega il tono ironico della citazione, indignatio.splinder.com. URL consultato il 31 luglio 2014.
  64. ^ Steve Scherer e Lorenzo Totaro, Francesco Cossiga, Italy's Combative Ex-President, Dies at 82, Bloomberg, 17 agosto 2010. URL consultato il 20 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2010).
  65. ^ Donald Sassoon, Francesco Cossiga Obituary, in The Guardian, 18 agosto 2010. URL consultato il 31 luglio 2014.
  66. ^ Paul Joseph Watson, Ex-Italian President: Intel Agencies Know 9/11 An Inside Job, Global Research, 5 dicembre 2007. URL consultato il 31 luglio 2014.
  67. ^ Disegno di legge costituzionale d'iniziativa del senatore Cossiga (PDF), senato.it, 15 maggio 2006. URL consultato il 15 settembre 2011.
  68. ^ Disegno di legge costituzionale d'iniziativa del senatore Cossiga, su senato.it, 23 maggio 2006. URL consultato il 20 ottobre 2016.
  69. ^ Strage di Ustica, nuove indagini Sentito Cossiga: un missile francese, in Corriere della Sera (Roma), 22 giugno 2008, p. 19. URL consultato il 28 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2013).
  70. ^ Sette storie di aerei civili abbattuti per sbaglio, in il Post, 19 luglio 2014. URL consultato il 19 luglio 2014.
  71. ^ Ustica: Marrazzo, sentenza Cassazione coincide con dichiarazioni Cossiga, in la Repubblica Palermo (Roma), 28 gennaio 2013. URL consultato il 29 gennaio 2013.
  72. ^ "BISOGNA FERMALI, ANCHE IL TERRORISMO PARTI' DAGLIATENEI", rassegna.governo.it, 23 ottobre 2008. URL consultato il 28 ottobre 2008.
  73. ^ Nicotra: dopo le dichiarazioni di Cossiga riaprire l'inchiesta su Giorgiana Masi, rifondazione.it, 24 ottobre 2008. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  74. ^ Barbara Romano, Le confessioni di Marco Pannella: "Sono il frocio della politica", Clandestinoweb, 3 maggio 2008.
  75. ^ Cossiga in condizioni critiche, ma stabili In rianimazione per problemi respiratori, in Corriere.it, 9 agosto 2010. URL consultato il 17 agosto 2010.
  76. ^ Cossiga: quadro clinico di "estrema gravità", in Libero, 17 agosto 2010. URL consultato il 20 agosto 2010.
  77. ^ Addio al Picconatore, è morto Cossiga, in Corriere.it, 17 agosto 2010. URL consultato il 20 agosto 2010.
  78. ^ Le lettere ai vertici dello Stato, in Corriere.it, 17 agosto 2010. URL consultato il 20 agosto 2010.
  79. ^ Il testamento politico in 4 lettere sigillate, in Corriere.it, 17 agosto 2010. URL consultato il 20 agosto 2010.
  80. ^ I funerali di Cossiga, in Il Sole 24 ORE. URL consultato il 10 luglio 2014.
  81. ^ Ultimo addio a Cossiga, il feretro è in Sardegna, in il Giornale, 19 agosto 2010. URL consultato il 20 agosto 2010.
  82. ^ COSSIGA, SVOLTI I FUNERALI: SEPOLTO VICINO AD ANTONIO SEGNI, abruzzoweb.it. URL consultato il 21 agosto 2010.
  83. ^ Bobbio: 'Resterà sotto le macerie', 28 novembre 1991. URL consultato il 22 agosto 2009.
  84. ^ Gianfranco Pasquino, I sassolini di Cossiga, in la Repubblica, 3 ottobre 1990. URL consultato il 17 novembre 2017.
  85. ^ JUGOSLAVIA: COSSIGA IN CROAZIA E SLOVENIA, in Adnkronos, 17 gennaio 1992. URL consultato il 17 novembre 2017.
  86. ^ COSSIGA: REPUBBLICA CROATA LO NOMINA AMBASCIATORE ONORARIO, in Adnkronos, 23 giugno 1999. URL consultato il 17 novembre 2017.
  87. ^ Lorenzo Fuccaro, Cossiga, matrimonio annullato dalla Sacra Rota, in Corriere della Sera, 16 ottobre 2007. URL consultato l'11 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2009).
  88. ^ QRZ.COM Callsign I0FCG, qrz.com. URL consultato il 9 febbraio 2009.
  89. ^   IK0WRB, "Querrezeta" con Cossiga, su YouTube, SAT8, 24 giugno 2010. URL consultato il 25 novembre 2014.
  90. ^ Ezio Sabatini, La FIR – CB Saluta l'ex Socio Presidente Emerito Francesco Cossiga, Federazione Italiana Ricetrasmissioni Citizen's Band, 18 agosto 2010. URL consultato il 12 maggio 2012.
  91. ^ Bruno Vespa, Storia d'Italia da Mussolini a Berlusconi, Milano, Mondadori, 2010.
  92. ^ Odifreddi: "La democrazia? Meglio i soviet", in La Stampa, 16 giugno 2008. URL consultato il 31 luglio 2014.
  93. ^ Ferruccio Pinotti, Fratelli d'Italia, Milano, BUR, 2007.
  94. ^ Non date del massone a Cossiga, in il Giornale, 27 ottobre 2009. URL consultato il 31 luglio 2014.
  95. ^ L'ex gran maestro della massoneria Corona forse lascia il partito di Cossiga: troppi dc, in Corriere della Sera, 21 luglio 1998. URL consultato il 31 luglio 2014 (archiviato dall'url originale l'8 agosto 2014).
  96. ^ MASSONERIA: COSSIGA ATTACCA CORDOVA, UN ONORE AMICIZIA CORONA, in Adnkronos, 16 luglio 1993. URL consultato il 31 luglio 2014.
  97. ^ Giampiero Buonomo, L'Italia «difende» il Regno Unito in nome del procuratore Cordova, Diritto e Giustizia, 7 febbraio 2002. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  98. ^ Giovanni Maria Bellu, Quel capitano, abile ed esentato, in la Repubblica, 19 febbraio 1992. URL consultato il 1º novembre 2017.
  99. ^ Tito Lucrezio Rizzo, Parla il Capo dello Stato, Roma, Gangemi, 2012, p. 181.
  100. ^ Carlo Bonini, Quei messaggi polemici a Cossiga "capitano di corvetta", in Corriere della Sera, 22 agosto 1998. URL consultato il 18 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2015).
  101. ^ Gian Antonio Stella, Cossiga e i sassolini, il ribaltone del '94 Quando il capo dello Stato è assediato, in Corriere della Sera, 17 agosto 2010. URL consultato il 17 agosto 2010.
  102. ^ 20 Febbraio: il primo inno (sardo) d'Italia, in Telesanterno, 20 febbraio 2013. URL consultato il 31 ottobre 2017.
  103. ^ Marco Marozzi, Terrore e morte sul pendolino, in la Repubblica, 13 gennaio 1997. URL consultato il 31 ottobre 2017.
  104. ^ Cossiga Avv.Prof. Francesco – Decorato di Gran Cordone, Quirinale.it, 29 aprile 1992. URL consultato il 14 ottobre 2010.
  105. ^ (HR) Odluka o dodjeli Ordena kralja Tomislava senatoru Francescu Cossigi, bivšemu predsjedniku Republike Italije, Narodne novine, 3 luglio 1993. URL consultato il 6 novembre 2010.
  106. ^ HL Deb, British honours and orders of Chivalry held by overseas heads of state, in Hansard, vol. 505, 14 marzo 1989. URL consultato il 18 luglio 2013.
  107. ^ Maramao, Amenità: Cossiga espulso dall'ordine Costantiniano e nascita del Pid, in Vita, 1º marzo 2004. URL consultato l'8 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2013).

BibliografiaModifica

  • AA.VV., Cossiga e l'intelligence (a cura di Mario Caligiuri), Soveria Mannelli, Rubbettino, 2011.
  • AA.VV., La grande riforma mancata. Il messaggio alle Camere del 1991 di Francesco Cossiga (a cura di Pasquale Chessa e Paolo Savona), Soveria Mannelli, Rubbettino, 2014.
  • Antonella Beccaria, Piccone di Stato. Francesco Cossiga e i segreti della Repubblica, Roma, Nutrimenti, 2010.
  • Mario Benedetto, Francesco Cossiga. L'Italia di K, Roma-Reggio Emilia, Aliberti, 2011.
  • Marzio Breda, La guerra del Quirinale. La difesa della democrazia ai tempi di Cossiga, Scalfaro e Ciampi, Milano, Garzanti, 2006.
  • Antonio Casu, Il potere e la coscienza. Thomas More nel pensiero di Francesco Cossiga, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2011, ISBN 88-498-3171-4, ISBN 978-88-498-3171-9.
  • Nando dalla Chiesa, Lo statista. Francesco Cossiga. Promemoria su un presidente eversivo, Milano, Melampo, 2011.
  • Renato Farina, Cossiga mi ha detto. Il testamento politico di un protagonista della storia italiana del Novecento, Venezia, Marsilio, 2011.
  • Giovanni Galloni, Da Cossiga a Scalfaro. La Vicepresidenza del Consiglio Superiore della Magistratura nel quadriennio 1990-1994, Roma, Editori Riuniti, 2011.
  • Indro Montanelli e Mario Cervi, L'Italia degli anni di piombo (1965-1978), Milano, Rizzoli, 1991.
  • Indro Montanelli e Mario Cervi, L'Italia degli anni di fango (1978-1993), Milano, Rizzoli, 1993.
  • Piero Testoni, Francesco Cossiga. La passione e la politica, Milano, Rizzoli, 2000.
  • Anthony Muroni, Francesco Cossiga dalla A alla Z. Il vocabolario del sardo che viveva per la politica, Oliena, Ethos, 2012.
  • Umberto Gentiloni Silveri, COSSIGA, Francesco, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2014.

Opere di Francesco CossigaModifica

  • I diritti umani e la loro protezione. La convenzione europea, con Carlo Russo, Giuseppe Sperduti, Marc-Andre Eissen, Fausto Pocar, Roma, Società Italiana per l'Organizzazione Internazionale, 1986.
  • Note sulla libertà di espatrio e di emigrazione. Sassari, 1953-Napoli, 1990, Napoli, Università degli studi di Napoli Federico II, 1990.
  • Externator. Discorsi per una repubblica che non c'è, Milano, Mondadori, 1992.
  • Parola di Cossiga. Così il presidente ha parlato, Milano, Polypress, 1992.
  • Parole inutili (forse), Roma, Colombo, 1992.
  • Il torto e il diritto. Quasi un'autobiografia personale, Milano, Mondadori, 1993.
  • La passione e la politica, Milano, Rizzoli, 2000.
  • Pensieri in libertà. Ma secondo un criterio. Sei interviste, Roma, Colombo, 2000.
  • Francesco Cossiga (a cura di), Sir Thomas More, santo e martire. Patrono dei governanti e dei politici. Raccolta documentale, Roma, Colombo, 2001.
  • Discorso sulla giustizia, Macerata, Liberilibri, 2003.
  • La guerra versus l'Irak. Luci e ombre per un cattolico liberale. Lettera ad un giovane amico cattolico, Roma, Colombo, 2003.
  • Pensieri di un cristiano democratico per gli amici de Il circolo, ovvero Il discorso che non ho potuto pronunciare, Roma, Colombo, 2003.
  • Per carità di patria. Dodici anni di storia e politica italiana, 1992-2003, Milano, Mondadori, 2003.
  • Italiani sono sempre gli altri. Controstoria d'Italia da Cavour a Berlusconi, Milano, Mondadori, 2007.
  • L'uomo che non c'è, intervista di Claudio Sabelli Fioretti, Roma-Reggio Emilia, Aliberti, 2007.
  • Mi chiamo Cassandra. Arguzie, giudizi e vaticini di un profeta incompreso, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2008.
  • Novissime picconate, intervista di Claudio Sabelli Fioretti, Roma-Reggio Emilia, Aliberti, 2009.
  • La versione di K. Sessant'anni di controstoria, con Marco Demarco, Roma-Milano, Rai ERI-Rizzoli, 2009.
  • Fotti il potere, intervista di Andrea Cangini, Roma-Reggio Emilia, Aliberti, 2010.
  • L'uomo che guardò oltre il muro. La politica estera italiana dagli euromissili alla riunificazione tedesca svelata da Francesco Cossiga, interviste di Clio Pedone, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2012.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Predecessore Presidente della Repubblica Italiana Successore  
Sandro Pertini 3 luglio 1985 - 28 aprile 1992 Oscar Luigi Scalfaro
Predecessore Presidente del Senato della Repubblica Successore  
Vittorino Colombo 12 luglio 1983 - 24 giugno 1985 Amintore Fanfani
Predecessore Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana Successore  
Giulio Andreotti 4 agosto 1979 - 18 ottobre 1980 Arnaldo Forlani
Predecessore Presidente del Consiglio europeo Successore  
Charles J. Haughey 1° gennaio 1980 - 30 giugno 1980 Pierre Werner
Predecessore Ministro dell'Interno della Repubblica Italiana Successore  
Luigi Gui 12 febbraio 1976 - 11 maggio 1978 Virginio Rognoni
Predecessore Ministro per l'organizzazione della pubblica amministrazione e per le Regioni della Repubblica Italiana Successore  
Luigi Gui 23 novembre 1974 - 12 febbraio 1976 Tommaso Morlino
Controllo di autoritàVIAF: (EN69547504 · ISNI: (EN0000 0001 2138 3723 · SBN: IT\ICCU\CFIV\094411 · LCCN: (ENn85175822 · GND: (DE119190087 · BNF: (FRcb123197724 (data) · BAV: ADV12117954