Together With Me - The Next Chapter

serie tailandese del 2018
Together With Me - The Next Chapter
Together With Me - The Next Chapter.jpg
Logo della serie con Knock e Korn
Titolo originaleอกหักมารักกับผม
PaeseTailandia
Anno2018
Formatoserie TV
Generedrammatico, sentimentale, commedia
Stagioni1
Episodi13
Durata45-77 (minuti a episodio)
Lingua originalethailandese
Crediti
Casa di produzioneLine TV
Prima visione
Dal28 settembre 2018
Al19 dicembre 2018
Rete televisivaLine TV
Opere audiovisive correlate
Precedenti

Together With Me - The Next Chapter (อกหักมารักกับผม) è una serie televisiva thailandese del 2018 ed è un sequel di Bad Romance - Tok lum hua chai yai pisat e Together With Me. È andata in onda per la prima volta su Line TV dal 28 settembre al 19 dicembre 2018 per un totale di 13 episodi.[1]

TramaModifica

Korn e Knock ormai sono una coppia consolidata che vive una routine fatta di casa e lavoro (in prova). Sebbene i loro sentimenti siano forti una serie di sfortunati eventi metterà alla prova la loro relazione tra cui: il coming out in famiglia, le difficoltà lavorative e un tradimento.

Cho e Yihwa sono fidanzati da qualche tempo ma a causa dei loro lavori stanno poco assieme. Entrambi sono gelosi dell'altro per la paura che possa intraprendere una relazione sentimentale con qualche collega; ma se Cho non pensa a nessun altro tranne che alla ragazza, Yihwa comincia a sentirsi attratta da un suo senior (riferimento a un collega più anziano).

Farm è ormai un ragazzo smaliziato ma sembra aver messo la testa a posto fidanzandosi con Rit (uno studente universitario) quando però, improvvisamente, rincontra la sua vecchia fiamma Bright (medico) e tra i due si riaccende l'amore, Farm si trova molto indeciso su chi scegliere tra i due.

PersonaggiModifica

PrincipaliModifica

SecondariModifica

NoteModifica

  1. ^ (VI) Việt Nam Mới, Phim đam mĩ "Together With Me The Next Chapter" tập 11: Knock bị đảo lộn cuộc sống vì nhớ người yêu còn Korn bị tai nạn, su Việt Nam Mới, 6 dicembre 2018. URL consultato il 10 febbraio 2019.

Collegamenti esterniModifica