Sequel

continuazione della storia di un'opera precedente

Sequel (pronuncia /ˈsiːkw(ə)l/, adattato in italiano /ˈsikwel/[1]; "seguito" in inglese) è un neologismo del XX secolo[2] mutuato dalla lingua inglese. Nel linguaggio cinematografico e della letteratura è un'opera che presenta personaggi e/o eventi cronologicamente posteriori a quelli già apparsi in un precedente episodio; l'utilizzo del termine è esteso anche all'ambito videoludico e in altri settori artistici.

CaratteristicheModifica

Il sequel è l'opposto del prequel e vuole continuare la narrazione delle vicende e della vita di personaggi già conosciuti. Vi è dunque corrispondenza tra l'ordine cronologico di produzione del film e quello dell'ambientazione di quest'ultimo.

Sono esempi di sequel cinematografici Ritorno al futuro - Parte II, sequel di Ritorno al futuro, e Harry Potter e la camera dei segreti, sequel di Harry Potter e la pietra filosofale.

Se invece il secondo film narra vicende avvenute contemporaneamente a quelle del precedente, nello stesso arco cronologico, ma che non potevano essere mostrate perché riguardavano la diversa prospettiva di altri personaggi, si chiama sidequel. Inoltre se si colloca in un vuoto cronologico presente nel primo film, si chiama midquel e se si colloca in un momento intermedio della trama rispetto a due film che sono già stati pubblicati, si parla di interquel.

Infine, qualora il film in questione narri di ulteriori vicende di altri personaggi che non erano i protagonisti dell'arco narrativo principale, vicende non direttamente influenti sulla trama primaria, si parla di spin-off.

Per stand-alone si intende un film che non si ricollega alla trama di quelli precedentemente prodotti.

ThreequelModifica

Un sequel di un sequel viene talvolta detto threequel (parola macedonia di three, "tre" in inglese, e sequel) o, più raramente, triquel o anche trequel: questa terminologia ha cominciato a diffondersi negli anni duemila, e in particolare è diventata popolare nel 2007.[3][4]

Sono esempi di threequel cinematografici Iron Man 3, threequel di Iron Man e sequel di Iron Man 2, e Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate, threequel di Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato e sequel di Lo Hobbit - La desolazione di Smaug.

Quando il terzo film è (o ci si aspetta che sia) l'ultimo, le tre opere insieme costituiscono una trilogia. Quando vengono prodotti più di due seguiti, si utilizzano spesso i termini tetralogia, pentalogia, esalogia, eptalogia, ecc. Il termine "saga", benché spesso utilizzato nel gergo del fandom e del marketing, è spesso utilizzato a sproposito[senza fonte].

Sono esempi di trilogie cinematografiche quella di Ritorno al fururo, composta da Ritorno al futuro, Ritorno al futuro - Parte II e Ritorno al futuro - Parte III, e quella di Cars, composta da Cars, Cars 2 e Cars 3.

Una saga invece è composta da 4 o più film, come quella di Star Wars, che comprende 9 film (più 2 spin-off), e quella di Jurassic Park, formata da 5 film.

NoteModifica

  1. ^ Luciano Canepari, sequel, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  2. ^ Sequel, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 25 marzo 2018.
  3. ^ Henry Bemis, The Matt Identity: Damon nella terza puntata delle avventure di Jason Bourne, in Ciak N.10, Milano, Mondadori, ottobre 2007, p. 44.
  4. ^ (EN) Stephen Humphries, At theaters in 2007, the year of the 'threequel', su The Christian Science Monitor, 5 gennaio 2007. URL consultato il 29 gennaio 2008.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85120140 · GND (DE4155086-9