Tommaso Laureti

pittore e architetto italiano
Tommaso Laureti, Il Trionfo della Cristianità, sala di Costantino, Vaticano.

Tommaso Laureti, detto "il Siciliano" (Palermo, 1530 circa – Roma, 22 settembre 1602 circa), è stato un pittore e architetto italiano.

Indice

Biografia e opereModifica

Forse appartenente ad una famiglia di artisti palermitani, si ritiene, pur in assenza di documentazione, che si sia recato da giovanissimo a Roma e dove ebbe una completa formazione artistica. Fu probabilmente allievo di Sebastiano del Piombo.[1]

Le sue prime opere sono documentate a Bologna dove lavorò, probabilmente a partire dal 1560, inizialmente come pittore prospettico. Il suo affresco perduto con l'Apoteosi di Alessandro su un soffitto di palazzo Vizzani fu molto apprezzato dai suoi contemporanei, tra cui il Vignola che lo riprodusse in incisione sul suo trattato come esempio di prospettiva illusionistica.

Nel 1563 fu incaricato di realizzare la Fontana del Nettuno in piazza Maggiore, per la quale predispose il disegno generale caratterizzato da combinazioni decorative pienamente manieriste. Per la statua bronzea di Nettuno fu lui stesso a contattare e ingaggiare il Giambologna. Laureti doveva avere particolare competenza nelle opere idrauliche, infatti gli fu affidata anche la Fontana Vecchia, addossata al palazzo comunale (Palazzo d'Accursio), e il sistema di alimentazione delle due fontane, che riutilizzava modificandolo l'ultimo tratto dell'acquedotto augusteo, prelevando l'acqua dalla fonte Remonda e dalla cisterna ottagonale di Valverde, da lui costruita.

 
La fontana Vecchia

Come architetto è stata ipotizzato il suo progetto intorno al 1573-75 per la villa Guastavillani a Barbiano, sui colli bolognesi. Tra le sue opere di pittura a Bologna si ricorda il Trittico della chiesa San Giacomo Maggiore e la pala con la Madonna in gloria tra i SS. Cecilia, Agata e Guglielmo d'Aquitania nella stessa chiesa. Molte altre opere sono andate disperse, come le opere di carattere profano ricordate dal Vasari[2], o distrutte come la pala per la chiesa dei SS. Vitale e Agricola raffigurante il Martirio dei due

santi, del quale rimane la sua possente ancona dorata, che ora incornicia la tela di altro autore. Negli anni settanta soggiornò anche a Mantova e a Ferrara dove eseguì un San Gerolamo nel deserto e un affresco con la Cena di Baldassarre, andato distrutto.

Nel 1582 fu chiamato a Roma da Gregorio XIII per affrescare la volta della sala di Costantino nei palazzi Vaticani La decorazione, terminata nel 1585, rappresenta con allegorie il potere della Chiesa, completando il programma iconografico avviato sulle pareti con le Storie di Costantino di Raffaello e di Giulio Romano. Il riquadro centrale contiene il Trionfo della Croce sugli idoli pagani, efficace fulcro della decorazione, nella sua essenzialità simbolica.

Tra il 1586 e il 1594 eseguì affreschi per il palazzo dei Conservatori sul Campidoglio (sala dei Capitani) secondo uno stile riferibile a Giulio Romano e Raffaello. Sempre a Roma, realizzò la pala con il Martirio di Santa Susanna per la chiesa omonima che si distingue per la sua forza drammatica e il colorismo intenso. Altre opere risultano oggi disperse.

Fu tra gli artisti più in vista a Roma, membro della Congregazione dei Virtuosi al Pantheon e nel 1593 tra i fondatori dell'Accademia di San Luca. Nel 1594 succedette a Zuccari come principe dell'Accademia dove svolse un'attività didattica imperniata soprattutto sull'insegnamento della prospettiva.

NoteModifica

  1. ^ G. Vasari, Vita di Sebastiano Viniziano, in "Le Vite...",1568
  2. ^ un quadro con Venere e Amore posseduto da Francesco Bolognetti e il Ritratto di Bernardino Savalli vediː G. Vasari, op. cit., 1568.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Bologna, Cisterna di Valverde detta comunemente dei "Bagni di Mario" [1] oppure [2]. Il cunicolo che partiva dalla Cisterna, oltre al Nettuno e alla Fontana Vecchia, alimentava anche la Vasca dei Cavalleggeri nel palazzo Comunale di Bologna e il "Giardino dei Semplici" (oggi Sala ex borsa), ovvero il primo orto botanico della città.
Controllo di autorità VIAF: (EN18100176 · ISNI: (EN0000 0000 8097 768X · GND: (DE122239377 · ULAN: (EN500030736