Transfobia

Con transfobia si intende un insieme di stigmatizzazioni e pregiudizi discriminatori nei confronti delle persone transgender e transessuali o della transessualità in generale. La transfobia può includere paura, avversione e odio, provati o espressi nei confronti di persone che non si conformano alle aspettative sociali di genere e può portare a comportamenti discriminanti nella società o nel lavoro, negazione di diritti, come il diritto di asilo, fino a manifestazioni di aggressività violenta e violenza sessuale.[1]

Due attiviste manifestano al Tribeca Film Festival del 2010 contro il film Ticked Off Trannies with Knives, che conteneva elementi di transfobia

Etimologia e usoModifica

La parola transfobia è una formazione neoclassica composta dal prefisso trans-, derivato da transgender, e -fobia dal greco: φόβος, phóbos, "paura". Insieme alla lesbofobia, alla bifobia, all'omofobia fa parte della famiglia dei termini usati quando l'intolleranza e la discriminazione sono dirette verso le persone LGBT.[2]

Le parole transphobia e transphobic sono state aggiunte all'Oxford English Dictionary nel 2013, insieme a transperson, transman, transwoman.[3]

Teorie sulle originiModifica

Julia Serano, autrice e teorica del transfemminismo, sostiene nel suo libro Whipping Girl che la transfobia è un concetto radicato nel sessismo e individua le origini della transfobia e dell'omofobia in quello che lei chiama "il sessismo di opposizione", la convinzione cioè che maschi e femmine siano "categorie rigide, reciprocamente esclusive, ognuna dotata di un insieme unico e non sovrapponibile di attributi, attitudini, abilità e desideri", convinzione che viene messa in discussione dalle persone transgender o da coloro che non si conformano a questa concezione binaria dei generi. Scrive inoltre la Serano che la transfobia è ulteriormente alimentata dalle insicurezze che le persone hanno riguardo ai generi e alle norme di genere.[4]

Jody Norton, docente di lingua inglese e women's studies all'Università della California, ritiene che la transfobia sia un'estensione dell'omofobia e della misoginia. Sostiene che le persone transgender, come i gay e le lesbiche, siano odiate e temute perché sfidano e minano le norme di genere e il binarismo di genere. Norton scrive che la donna transgender "suscita la transfobia attraverso la sua sfida implicita alla divisione binaria del genere da cui dipende l'egemonia culturale e politica maschile".[5]

Relazione con la transmisoginiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Transmisoginia.

Sebbene la transfobia possa colpire tutte le persone transgender, a causa del loro infrangere le norme di genere, sembra concentrarsi maggiormente sulle donne transgender, o trans-feminine, rispetto agli uomini transgender. Questa forma di transfobia, che si rivolge contro la direzione specifica della transizione verso la femminilità, sembra quindi legata alla misoginia e viene definita transmisoginia.[6]

ConseguenzeModifica

La transfobia, che sia intenzionale o meno, crea stress significativi per le persone che la subiscono, con conseguenze emotive negative che possono portare a una bassa autostima, alienazione e senso di inadeguatezza. A causa del modo in cui vengono trattate dalla società, e a volte anche dalle famiglie, si ritiene inoltre che per le persone transgender sia frequente l'abbandono della scuola o della casa familiare, l'abuso di sostanze, e che i tassi di suicidio siano particolarmente elevati.[7][8]

NoteModifica

  1. ^ Transgender woman Fernanda raped in a Danish centre for asylum seekers
  2. ^ (EN) Christopher A. Shelley, Transpeople: Repudiation, Trauma, Healing, Toronto, University of Toronto Press, 2008, pp. 32–35, ISBN 978-0-8020-9784-2.
  3. ^ (EN) New words list June 2013, su public.oed.com.
  4. ^ (EN) Julia Serano, Whipping Girl: A Transsexual Woman on Sexism and the Scapegoating of Femininity, Seal Press, 2016, ISBN 1-58005-623-7, OCLC 944310148. URL consultato il 7 giugno 2020.
  5. ^ (EN) Jody Norton, "Brain Says You're a Girl, But I Think You're a Sissy Boy": Cultural Origins of Transphobia, in International Journal of Sexuality and Gender Studies, vol. 2, n. 2, 1997, pp. 139–164, DOI:10.1023/A:1026320611878.
  6. ^ (EN) Julia Serano, Trans-misogyny primer (PDF).
  7. ^ (EN) Sonny Nordmarken, Microaggressions, in TSQ: Transgender Studies Quarterly, vol. 1, n. 1-2, 1º maggio 2014, pp. 129–134, DOI:10.1215/23289252-2399812. URL consultato il 7 giugno 2020.
  8. ^ (EN) Joan C. Chrisler e Donald R. McCreary, Handbook of gender research in psychology. Volume 2, Gender research in social and applied psychology, Springer, 2010, ISBN 978-1-4419-1467-5, OCLC 630107689. URL consultato il 7 giugno 2020.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica


Controllo di autoritàLCCN (ENsh2010012303
  Portale LGBT: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di LGBT