Troilite

minerale
Troilite
Mundrabilla.jpg
Noduli di troilite nel meteorite Mundrabilla
Classificazione StrunzII/C.19-10
Formula chimicaFeS
Proprietà cristallografiche
Gruppo puntuale6/m 2/m 2/m
Gruppo spazialeP 63/mmc
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

La troilite è un minerale. Chimicamente è un solfuro di ferro con un rapporto 1:1 tra il ferro e lo zolfo, da qui la formula FeS. È un tipo di pirrotite quindi con un rapporto stechiometrico estremo.

StoriaModifica

Il nome troilite deriva dal monaco italiano Domenico Troili che per primo notò il minerale nel meteorite Albareto, caduto nel 1766 ad Albareto (Modena). Troili scrisse la prima descrizione della caduta di un meteorite in un documento di 43 pagine pubblicato nel 1766.[1] Raccolse inoltre i racconti dei testimoni, esaminò accuratamente la pietra e notò grani di un minerale simile all'ottone che chiamò "marchesita" e che a lungo si pensò essere pirite (FeS2). Comunque nel 1862 il mineralogista tedesco Gustav Rose ne analizzò la composizione e ne determinò una formula chimica diversa: FeS. Rose chiamò questo nuovo minerale troilite in onore di Troili.[2]

Abito cristallinoModifica

Origine e giacituraModifica

È frequente nelle meteoriti ferrose.

Forma in cui si presenta in naturaModifica

Sia nelle meteoriti che in miniera, la troilite si presenta sotto forma di noduli brunastri.

NoteModifica

  1. ^ Ragionamento della caduta di un sasso ("Concerning the fall of a stone from the air), Modena, Soliani, 1766.
  2. ^ Gerald Joseph Home McCall, A. J. Bowden, Richard John Howarth, The history of meteoritics and key meteorite collections, Geological Society, 2006, pp. 206–207, ISBN 1-86239-194-7.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Webmin, su webmineral.com.
  Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia