Apri il menu principale

Tullio Tentori (Napoli, 11 aprile 1920Roma, 12 gennaio 2003) è stato un antropologo italiano.

Indice

BiografiaModifica

Tullio Tentori si laurea nel 1942 alla Sapienza Università di Roma, con Raffaele Pettazzoni, con una tesi sulla Religione degli Indiani della California. Il culto di Kuksu diffuso fra le tribù Pomo, Wintu, Maidu, Waffa. Dal 1946 al 1955 lavora al Museo Nazionale Preistorico Etnografico "Luigi Pigorini". Nel 1948 vince una borsa di studio alla Wenner Gren Foundation for Anthropological Studies con un progetto di ricerca riguardante le differenze materiali e di struttura delle frecce e degli archi diffusi nei territori indiani.

Con il soggiorno negli Stati Uniti Tentori si inserisce nel dibattito antropologico internazionale sul rapporto cultura/civiltà. Nel 1950 vince un concorso ministeriale per l'unico posto di etnologo disponibile, e inizia un progetto di ricerca sulle orme dei lavori di Ernesto de Martino, riguardante la realtà di Matera ed in particolare sulle condizioni abitative e le condizioni socio-culturali nei sassi. Durante tale ricerca inizia una collaborazione con sociologo austriaco Friederich Friedmann che lo porterà ad impegnarsi per imporre nella realtà accademica italiana l'approccio della antropologia culturale di tradizione americana. In Italia, fino ad allora, tale settore di studi veniva denominato etnologia, seguendo la tradizione di studi francese, ed aveva un'impostazione teorica ed un'organizzazione disciplinare abbastanza indipendente dalle scuole dominanti internazionali. Momento topico di questa battaglia fu il 1º Convegno Italiano di Scienze Sociali a Milano nel 1958, dove assieme a Liliana Bonacini Seppilli, Romano Calisi, Guido Cantalamessa Carboni, Tullio Seppilli, Amalia Signorelli, presentò il documento Appunti per un memorandum sull'antropologia culturale, dove veniva delineato l'impianto teorico e la collocazione nel quadro scientifico della disciplina che si proponeva di inserire negli ordinamenti universitari.

Nel 1962 si tiene il 1º Convegno Nazionale di Antropologia Culturale all'Università di Milano. Nel 1968 Tentori diviene soprintendente al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari carica che mantiene per un ventennio. Nel 1969 gli viene conferita una delle due prime due cattedre italiane in Antropologia culturale. Lo studioso imposta la direzione del Museo verso un avvicinamento alle discipline demo-etnoantropologiche, con attenzione alla ricerca etnografica più che alla semplice catalogazione di oggetti materiali. Rappresentante dell'Unesco a Parigi, membro della Commissione Italiana per l'Unesco a Roma. autore di molti saggi e direttore di collane presso importanti case editrici. Ha sostenuto a livello scientifico l'interdisciplinarità, la lotta al pregiudizio, l'incontro fra culture. Per quasi dieci anni è stato presidente della Federazione Italiana dei Club e Centri Unesco a cui ha dato una grande impronta di carattere morale e culturale.

Tra le sue pubblicazioni annoveriamo Il pregiudizio sociale. Tentori viene nominato Medaglia d'oro per la Cultura dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi il 19 aprile 2002.

OnorificenzeModifica

BibliografiaModifica

  • Tentóri, Tullio, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 14 dicembre 2014.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN34472079 · ISNI (EN0000 0001 0886 2826 · SBN IT\ICCU\CFIV\010039 · LCCN (ENn83013025 · BNF (FRcb120320743 (data) · BAV ADV12158139