Ulrico II di Carinzia

Ulrico II di Carinzia
Olda1193.jpg
Sigillo di Ulrico II
Duca di Carinzia
In carica 1181 –
10 agosto 1202
Predecessore Ermanno di Carinzia
Successore Bernardo di Carinzia
Nascita 1176 circa
Morte 10 agosto 1202
Dinastia Sponheim
Padre Ermanno di Carinzia
Madre Agnese di Babenberg

Ulrico II di Carinzia (1176 circa – 10 agosto 1202) fu duca di Carinzia dal 1181 alla morte.

BiografiaModifica

Ulrico II era il figlio maggiore del duca Ermanno di Carinzia, che aveva sposato Agnese di Babenberg, figlia del duca Enrico Jasomirgott d'Austria[1] ed ex regina consorte dell'Ungheria. Faceva parte dunque della casa di Sponheim. Era ancora minorenne quando suo padre morì nel 1181 e inizialmente finì sotto la tutela di suo zio materno, il duca Leopoldo V d'Austria. Pertanto non poté opporsi quando i sovrani della dinastia Otakar della Stiria si estinsero e Leopoldo concluse il patto di Georgenberg del 1186 con Ottocaro IV per riservare il diritto di successione alla casa austriaca di Babenberg. Suo zio paterno era Pellegrino di Ortenburg-Spanheim, che governò come Patriarca di Aquileia dal 1195 al 1204.[2] Nel 1192 fece una donazione all'abbazia di San Paolo.

Ulrico II divenne maggiorenne e poté governare indipendentemente dal 1194 e, come suo padre, rimase fedele sostenitore della dinastia imperiale Hohenstaufen. Quando l'imperatore Enrico VI invocò la crociata tedesca nel 1195, il duca della Carinzia fu tra i molti nobili che si impegnarono ad impegnarsi nella crociata,[3] nonostante avesse appena raggiunto l'età adulta.[4] A partire dal marzo 1197 i nobili tedeschi con le loro truppe partirono dal sud dell'Italia e dalla Sicilia alla volta della Terra Santa. La flotta principale raggiunse Acri nel settembre 1197.[5] La crociata terminò con la caduta di Sidone e Beirut. Enrico VI morì di febbre a Messina nell'ottobre 1197. Quando la notizia raggiunse i crociati, molti dei nobili di rango più elevato tornarono in Germania per proteggere i loro interessi nelle imminenti elezioni imperiali.[6]

Ritornato in Germania, Ulrico partecipò alla elezione di Filippo di Svevia nel 1198. Tuttavia contrasse la lebbra poco dopo e divenne incapace di governare e da quel momento in poi il fratello minore Bernardo divenne reggente. È documentato che il duca fece un'altra donazione all'abbazia di San Giorgio il 31 marzo 1199. Secondo il necrologio dell'abbazia di Seckau, Ulrico morì il 12 agosto 1202. Gli succedette il fratello reggente Bernardo.

NoteModifica

  1. ^ Cyrus, Cynthia J. (2013-06-13). Received Medievalisms: A Cognitive Geography of Viennese Women’s Convents. Palgrave Macmillan. ISBN 978-0-230-39359-2. Retrieved 2013-12-01, p. 262.
  2. ^ Bannato, U. (11 February 2008). "I Patriarchi Ghibellini di Aquileia". Retrieved 2013-11-30.
  3. ^ Loud, G.A. (2010). The Crusade of Frederick Barbarossa: The History of the Expedition of the Emperor Frederick and Related Texts. Ashgate Publishing, Ltd. ISBN 978-1-4094-0681-5. Retrieved 2013-12-01, pp. 132-133.
  4. ^ Hunyadi, Zsolt; Laszlovszky, József, eds. (January 2001). The Crusades and the Military Orders: Expanding the Frontiers of Medieval Latin Christianity. Central European University Press. ISBN 978-963-9241-42-8, p. 132.
  5. ^ Setton, Kenneth M.; Wolff, Robert Lee; Hazard, Harry W. (1969-12-15). The Later Crusades, 1189–1311. Univ of Wisconsin Press. ISBN 978-0-299-04844-0. Retrieved 2013-12-01, p. 120.
  6. ^ Norwich, John Julius (1997). A Short History of Byzantium. New York: Vintage Books. ISBN 0241953057, p. 298.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN81532907 · GND (DE13732684X · CERL cnp01165839