Un mondo maledetto fatto di bambole

film del 1972 diretto da Michael Campus
Un mondo maledetto fatto di bambole
Titolo originaleZ.P.G.
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneDanimarca, Stati Uniti d'America
Anno1972
Durata97 min
Generefantascienza, drammatico
RegiaMichael Campus
SceneggiaturaFrank De Felitta, Max Simon Ehrlich
ProduttoreFrank De Felitta, Max Simon Ehrlich, Tom Madigan
Distribuzione in italianoEuro International Film
FotografiaMichael Reed, Mikael Salomon
MontaggioDennis Lanning
MusicheJonathan Hodge
Interpreti e personaggi

Un mondo maledetto fatto di bambole (Z.P.G., iniziali per "Zero Population Growth", crescita zero) è un film del 1972 diretto da Michael Campus. È una pellicola di fantascienza distopica di produzione danese-statunitense interpretata da Oliver Reed e Geraldine Chaplin. Ispirato dal saggio best-seller di Paul R. Ehrlich The Population Bomb, il film immagina una Terra futura sovrappopolata, il cui governo mondiale condanna a morte chiunque violi una trentennale messa al bando delle nascite. Fu girato in Danimarca, quasi interamente in studio per riflettere un tetro futuro opprimente.

TramaModifica

Nel futuro, la Terra è gravemente inquinata (bisogna indossare delle maschere per poter respirare all'esterno) e la drammatica sovrappopolazione minaccia le risorse disponibili. A causa dello spesso smog permanente che si è posato sulle tristi città che ora ricoprono ovunque la superficie della Terra, tutti gli animali - anche i comuni animali domestici - sono estinti; la gente mangia un'insipida pasta dai colori vividi in contenitori di plastica. Per ridurre la popolazione mondiale, il governo mondiale decreta che i bambini non possono essere concepiti per i successivi 30 anni. Infrangere questa legge si tradurrà in una pena di morte per entrambi i genitori e il neonato. Vengono impiegati il lavaggio del cervello e sostituti robot per porre fine al desiderio di avere bambini e la pena di morte, deterrente finale, comporta essere posti sotto una cupola di plastica e soffocati. Le coppie in età fertile visitano "Babyland", dove in sostituzione dei figli vengono loro forniti bambini animatronici a grandezza naturale.

Russ e Carol McNeil lavorano in un museo che ricrea la vita nel XX secolo. Carol, alla disperata ricerca di un bambino, evita la macchina abortiva installato nella loro stanza da bagno per rimanere incinta. Dopo la nascita del bambino, la coppia deve evitare che il bambino venga scoperto. Una volta che Carol decide di infrangere la legge e avere un bambino, non devono solo evitare gli occhi indiscreti del governo simile al Grande Fratello, ma anche la crescente gelosia dei propri amici, la cui offerta iniziale di aiutare a nascondere il bambino conduce rapidamente a problemi. I vicini che trovano una coppia con un bambino vero andranno per le strade urlando "bimbo, bimbo!", fino a quando si presentano le autorità.

Quando i vicini George e Edna Borden scoprono il bambino, ricattano i McNeil per contribuire a crescerlo. La gelosia e l'invidia cresce quando i vicini vogliono condividere il bambino come se fosse una macchina nuova. I McNeil e i Borden cominciano a litigare per il bambino e i Borden in seguito cercano di tenere il bambino per sé. Infine la coppia dei McNeil viene catturata e posto sotto una delle cupole di esecuzione dello Stato, ma riesce a fuggire, insieme con il bambino, scavando nel sottosuolo, facendosi strada attraverso oscuri tunnel su una zattera fino a raggiungere un'isola remota, dove forse riusciranno a sopravvivere.

Trasposizione letterariaModifica

Il film si avvale di una sceneggiatura originale di Frank De Felitta e Max Ehrlich, ispirata al saggio di Paul Ehrlich The Population Bomb. Un anno prima dell'uscita del film Max Ehrlich pubblicò il romanzo di fantascienza The Edict, basato sulla sceneggiatura.

Nel romanzo, le risorse della Terra hanno raggiunto il limite e in molte parti del mondo il cannibalismo e i disordini per il cibo sono all'ordine del giorno. Alla ricerca di una soluzione a questa crisi, i leader del governo mondiale si riuniscono con urgenza. I loro computer esaminano miliardi di fatti e i risultati sono più che inquietante: sono agghiaccianti. Un'ulteriore crescita della popolazione è impensabile e il leader, infine, stabilisce l'unica soluzione possibile, che è ben presto annunciato dal satellite del governo mondiale:

(EN)

«All citizens stand by. This is an edict from WorldGov. In the interest of balancing the population, and preserving the food supply, the birth of any baby is forbidden for the next thirty years. Any man and woman who conceive and have a child during that period will be put to death by the State. Any child conceived will be considered an outlaw child, and will also be liquidated. There will be constant surveillance by StatePol and a large reward in extra calories for any citizen who reports the presence of an outlaw child. That is all.»

(IT)

«A tutti i cittadini. Questo è un editto del GovMondiale. Nell'interesse di bilanciare la popolazione e preservare l'approvvigionamento di cibo, la nascita di qualunque bambino è vietata per i prossimi trent'anni. Ogni uomo e donna che concepirà e avrà un figlio nel corso di tale periodo sarò messo a morte da parte dello Stato. Ogni bambino concepito sarà considerato un bambino fuorilegge e sarà a sua volta liquidato. Vi sarà costante sorveglianza da parte della PolStato e una grande ricompensa in calorie in più per ogni cittadino che segnali la presenza di un bambino fuorilegge. Questo è tutto.»

Per conferire al mondo una parvenza di normalità, vengono concepiti dei realistici bambini meccanici per pacificare gli istinti materni di 10 miliardi di donne. Ma per Carole Evans l'idea di accettare uno dei neonati robot è ripugnante: lei vuole e ha bisogno di un vero e proprio bambino, il che diventa lentamente un'ossessione.

ProduzioneModifica

Il film fu girato in Danimarca, quasi interamente in studio per riflettere un tetro futuro opprimente.

Derek Meddings creò i realistici bambini animati a grandezza naturale per il film.

PremiModifica

Sitges - Festival internazionale del cinema fantastico della Catalogna 1972:

  • Premio alla migliore attrice a Geraldine Chaplin.

CriticaModifica

Fantafilm lo definisce "un buon esempio di sf sociologica. Storia cupa, drammatica, disperata, condotta con britannico stile."[1]

NoteModifica

  1. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Un mondo maledetto fatto di bambole, in Fantafilm. URL consultato il 20 gennaio 2017.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica