Unicachichthys multidentata

(Reindirizzamento da Unicachichthys)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Unicachichthys
Immagine di Unicachichthys multidentata mancante
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Actinopterygii
Ordine Alepisauriformes
Famiglia Enchodontidae
Genere Unicachichthys
Specie U. multidentata

Unicachichthys multidentata è un pesce osseo estinto, appartenente agli aulopiformi. Visse nel Cretaceo superiore (Cenomaniano, circa 98 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Messico.

DescrizioneModifica

Questo pesce era dotato di un corpo allungato e snello, vagamente simile a quello di un salmone, lungo una decina di centimetri. Il cranio era di forma triangolare se visto di profilo, dal muso appuntito ma dalle mascelle forti e dotate di denti acuminati. In generale il suo aspetto richiamava quello di altri pesci cretacei ben conosciuti, come Enchodus ed Eurypholis, ma se ne differenziava per alcuni aspetti: in particolare, al contrario dei suoi stretti parenti Unicachichthys era dotato di un osso dermopalatino dotato di numerosi denti e vi era un osso sclerotico basale; questo pesce era inoltre dotato di un preopercolo con un ramo verticale dal margine posteriore seghettato. La pinna dorsale si trovava a metà del corpo ed era di forma triangolare, mentre la pinna caudale era molto ampia e profondamente biforcuta.

ClassificazioneModifica

Unicachichthys è un rappresentante degli encodontidi, un gruppo di pesci predatori molto diffusi nel corso del Cretaceo; in particolare, sembrerebbe essere stato una forma basale del gruppo a causa di caratteristiche come il dermopalatino multidentato.

Unicachichthys multidentata venne descritto per la prima volta nel 2016, sulla base di resti fossili ritrovati nella cava El Chango, nello stato di Chiapas in Messico sudorientale.

PaleoecologiaModifica

Unicachichthys era senza dubbio un pesce predatore marino molto veloce e attivo. La cava El Chango ha restituito i fossili di almeno altre due specie di encodontidi predatori: il minuscolo Vegrandichthys e il grande Veridagon: si suppone che tutti questi encodontidi occupassero diverse nicchie ecologiche nella catena trofica dell'antico mare costiero messicano.

BibliografiaModifica

  • Díaz-Cruz, J.A., Alvarado-Ortega, J., and Carbot-Chanona, G. 2016. The Cenomanian short snout enchodontid fishes (Aulopifomes, Enchodontidae) from Sierra Madre Formation, Chiapas, southeastern Mexico. Cretaceous Research, 61:136-150. https://doi.org/10.1016/j.cretres.2015.12.026
  • Jesús Alberto Díaz-Cruz; Jesús Alvarado-Ortega; Sam Giles (2020). "A long snout enchodontid fish (Aulopiformes: Enchodontidae) from the Early Cretaceous deposits at the El Chango quarry, Chiapas, southeastern Mexico: A multi-approach study". Palaeontologia Electronica. 23 (2): Article number 23(2):a30. doi:10.26879/1065.