Utente:Floydpig/Sandbox/Vulcanologia degli Stati Uniti d'America

Gli Stati Uniti d'America sono una nazione con un territorio estremamente vasto, e quindi geologicamente molto complesso. Mentre la regione centro-orientale degli stati contigui, quella situata ad est delle Montagne Rocciose, è ormai priva di attività vulcanica da decine, se non centinaia, di milioni di anni, lo stesso non si può dire per la regione occidentale, e ancora meno per gli stati non contigui dell'Alaska e delle Hawaii. In particolare, tutta la costa occidentale del continente americano coincide con la parte orientale della cintura di fuoco del Pacifico, che nel suo complesso è la regione al mondo con la più elevata attività sismica e vulcanica.[1] Gli archi vulcanici della Cintura di Fuoco appartenenti, interamente o in parte, agli USA, sono l'Arco Aleutino in Alaska, formato dalle Isole Aleutine e dalla Penisola di Alaska, l'arco vulcanico delle Cascate dalla Columbia Britannica (in Canada) alla California, ma anche, dall'altra parte dell'Oceano Pacifico, l'arcipelago delle Samoa, la cui parte orientale costituisce il territorio non incorporato delle Samoa Americane, e quello delle Marianne (è considerato parte della Cintura di Fuoco solo da alcuni geologi), in cui si trovano i territori di Guam e delle Marianne Settentrionali. Il vulcanismo che ha dato origine alle Isole Hawaii è invece di tipo radicalmente diverso, ed è dovuto alla presenza di un punto caldo. Ulteriori zone di attività vulcanica si trovano più a est rispetto all'arco delle Cascate, con la caldera di Yellowstone, e diversi campi vulcanici soprattutto nella regione dei Four Corners (Arizona, Colorado, Nuovo Messico e Utah).



NoteModifica

  1. ^ (EN) Ring of Fire | Definition, Map, & Facts | Britannica, su www.britannica.com. URL consultato il 13 novembre 2021.