Vanua Lava

Vanua Lava
Vanua lava.jpg
Mappa di Vanua Lava
Geografia fisica
LocalizzazioneMar dei Coralli
Coordinate13°48′S 167°28′E / 13.8°S 167.466667°E-13.8; 167.466667
ArcipelagoIsole Banks
Superficie314 km²
Dimensioni25 × 20 km
Altitudine massimaMonte Suretimiat
921 m s.l.m.
Classificazione geologicavulcanica
Geografia politica
StatoVanuatu Vanuatu
LocalitàTorba
Centro principaleSola
Demografia
Abitanti2623 (2009)
Densità8,35 ab./km²
Cartografia
Mappa di localizzazione: Vanuatu
Vanua Lava
Vanua Lava
voci di isole di Vanuatu presenti su Wikipedia

Vanua Lava è un'isola del gruppo delle Banks, a Vanuatu; dopo Gaua, di dimensioni leggermente superiori, è la seconda isola più grande del gruppo. Si trova circa 120 km a nord/nord-est di Espiritu Santo e a nord di Gaua.

StoriaModifica

Vanua Lava venne avvistata per la prima volta dagli europei durante la spedizione spagnola di Pedro Fernández de Quirós, tra il 25 e il 29 aprile 1606, e battezzata Portal de Belén («presepe» in spagnolo)[1].

Tuttavia, venne esplorata per la prima volta dal vescovo neozelandese George Selwyn solamente nel 1859. I depositi di zolfo del monte Suretimiat furono successivamente sfruttati da una compagnia francese; attualmente, la principale fonte di esportazione è la copra.

GeografiaModifica

 
Posizione delle isole Banks nel nord delle Vanuatu.

L'isola misura circa 25 km da nord a sud e 20 km da est a ovest e ricopre una superficie di 314 km².

Il punto più alto dell'isola, il monte Suretimiat (921 m), è un vulcano attivo, la cui ultima grande eruzione risale al 1965. L'isola presenta due porti naturali, Port Patteson a est e Vureas Bay a sud-ovest. A est dell'isola si trovano le isolette di Kwakéa e Ravenga. Sul lato occidentale si trova Waterfall Bay, dove le spettacolari Sasara Falls scendono a precipizio sulla scogliera direttamente nella baia.

La capitale della provincia di Torba, Sola, sorge sul lato orientale dell'isola, sul Port Patteson.

Popolazione e linguaModifica

Nel 2009 la popolazione di Vanua Lava comprendeva 2623 abitanti[2].

A Vanua Lava vengono parlate quattro distinte lingue indigene[3][4]: il vurës, parlato da circa 2000 persone, il vera'a, da 500, e due lingue prossime alla scomparsa, il mwesen, parlato da sole 10 persone, e il lemerig, da appena 2. A queste quattro lingue locali si possono aggiungere quelle parlate dalle comunità di migranti: il mwotlap sulla costa nord-orientale e il mota parlato da alcune famiglie nell'est dell'isola. Il bislama è la lingua che è possibile udire più spesso a Sola, la capitale amministrativa, dove si incontrano popolazioni di lingue differenti.

Probabilmente, nel passato, a Vanua Lava si parlavano anche altre lingue, alcune delle quali scomparse già dalla metà del XIX secolo[3].

ComunicazioniModifica

A Vanua Lava c'è un aeroporto (codice IATA SLH), dove atterra tre volte alla settimana un aereo della Air Vanuatu. Nonostante la presenza di una strada, sull'isola vi sono pochi veicoli.

NoteModifica

  1. ^ Kelly, Celsus, O.F.M. La Austrialia del Espíritu Santo. The Journal of Fray Martín de Munilla O.F.M. and other documents relating to the Voyage of Pedro Fernández de Quirós to the South Sea (1605-1606) and the Franciscan Missionary Plan (1617-1627) Cambridge, 1966, p.39, 62.
  2. ^ Vanuatu National Statistics Office, 2009 National Census of Population and Housing: Summary Release (PDF), 2009. URL consultato il 23 novembre 2010.
  3. ^ a b Alexandre François, The dynamics of linguistic diversity: Egalitarian multilingualism and power imbalance among northern Vanuatu languages, in International Journal of the Sociology of Language, vol. 214, 2012, pp. 85-110, DOI:10.1515/ijsl-2012-0022.
  4. ^ Carta dettagliata delle lingue delle isole Banks e Torres.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN242337238
  Portale Isole: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di isole