Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il dirigente sportivo e arbitro di calcio italiano, vedi Eraldo Vedda.
Un vedda.

I vedda (o wanniyala-aetto, veddah, cioè popolo della foresta; in lingua singalese වැද්දා /ˈvæddaː/ o [ˈʋædːaː]) sono una popolazione aborigena dello Sri Lanka di origine munda.

Si tratta dei discendenti della comunità neolitica che abitava nell'isola dell'Oceano Indiano circa 18.000 anni fa. A causa delle continue invasioni provenienti dall'India, i vedda sono stati costretti a vivere nelle foreste e proprio per questo molti sono stati assimilati dai tamil e dai singalesi. Oggi solo una piccola parte di loro conserva la cultura e le tradizioni originali.

Indice

SuddivisioniModifica

I Vedda che parlano singalese si trovano principalmente nella parte sud-orientale del paese, in particolar modo nel distretto di Uva, e nel distretto di Anurādhapura, nella provincia Centro-Settentrionale.[1]

Un altro gruppo distinto, chiamato "Vedda della costa", si trova nella zona costiera orientale dello Sri Lanka, principalmente fra Batticaloa e Trincomalee. Questi Vedda parlano tamil.[2]

CulturaModifica

ReligioneModifica

I Vedda che vivono all'interno del paese seguono una forma di religione che mischia animismo e Buddismo nominale. Invece, i Vedda che abitano nella costa orientale mischiano l'animismo con una forma di Induismo nominale.

Una delle caratteristiche notevoli della religione dei Vedda è l'adorazione degli antenati morti, che sono chiamati Nae Yaku tra i Vedda che parlano singalese. Ci sono inoltre delle divinità peculiari dei Vedda, fra cui Kande Yakka.

Entrambe le due suddivisioni di Vedda, insieme con i Buddisti, Induisti e Musulmani dell'isola venerano il complesso del tempio situato a Kataragama, a dimostrazione di una forma di sincretismo che si è evoluta in circa 2000 anni di coesistenza. Secondo la tradizione, a Kataragama il dio induista Skanda (Murugan in tamil) sposò una ragazza di una tribù locale, Valli, che si dice fosse una Vedda.[3]

MatrimonioModifica

Tra i Vedda, il rituale matrimoniale è molto semplice. La donna annoda il polso dell'uomo con una corda ottenuta dalla corteccia degli alberi (in origine intrecciata dalla donna stessa): questo gesto costituisce l'essenza della cerimonia e la simbolica accettazione da parte della donna di quell'uomo quale suo compagno per la vita.

Nelle società Vedda il matrimonio è di regola monogamico, anche se il divorzio è conosciuto e praticato soprattutto nei primi tempi della convivenza coniugale: in origine tendenzialmente endogamico[4], si è modificato nel senso che recentemente meno di 1/6 dei matrimoni Vedda avviene tra primi cugini[5], e sono praticati anche matrimoni misti con le comunità limitrofe musulmane di etnia tamil ovvero singalesi.[6]

Culto dei mortiModifica

I Vedda credono nel culto dei morti. Essi adoravano il Nae Yakka (spirito parente), seguito da rituali chiamati Kiri Koraha, che sono ancora in voga fra i Vedda di Rathugala, Pollebedda Dambana e fra i Vedda Henanigala nella zona del Mahaweli.

LinguaModifica

I Vedda hanno adottato la lingua singalese, ma con l'uso di termini peculiari (specialmente in relazione alla foresta e al loro modo di vivere) che non sono di origine singalese e che probabilmente risalgono alla lingua originariamente parlata da loro.

Ad esempio, il termina Vedda per "amico" è ruhang, mentre in singalese si dice yaluwa (IPA [jaːluaː]). Sulla costa orientale ci sono comunità di Wanniyala-Aetto che parlano invece tamil.

NoteModifica

  1. ^ Brow, James (1978). Vedda Villages of Anuradhapura. University of Washington Press.
  2. ^ Sri Lanka's east coastal Vedda indigenous communities
  3. ^ Kataragama: The Kataragama-Skanda website
  4. ^ Vadda of Sri Lanka, ScenicSriLanka.com, 15 febbraio 2009. URL consultato il 10 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2009).
  5. ^ Marriage and family - Vedda, World Culture Encyclopedia - Advameg Inc.. URL consultato il 10 aprile 2016.
  6. ^ Atty. Lakshman Indranath Keerthisinghe, Veddas of Sri Lanka, The Sunday Leader, Leader Publications, Sri Lanka, 11 dicembre 2011. URL consultato il 10 arile 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85142472 · BNF (FRcb11962559m (data)
  Portale Antropologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antropologia