Apri il menu principale
Vedetta (F 597)
PC-1616
Zerai Deres
Corvetta “Vedetta” F 597.jpg
La nave nel 1966 dopo il passaggio alla Marina Militare
Descrizione generale
Naval Ensign of Germany.svg
War Ensign of Ethiopia (1955–1974).svg
Naval Ensign of Italy.svg
Tipocacciasommergibili
corvetta
ClasseClasse Le Fougueux
In servizio conNaval Ensign of Germany.svg Bundesmarine
War Ensign of Ethiopia (1955–1974).svg Marina militare etiope
Naval Ensign of Italy.svg Marina Militare
CostruttoriA. C. Dubigeon
CantiereBrest, Francia
Impostazione17 dicembre 1953
Varo30 settembre 1954
Radiazione1º maggio 1978
Destino finaleavviata alla demolizione
Caratteristiche generali
Dislocamentostandard: 325 t
a pieno carico: 400 t
Lunghezza51,8 m
Larghezzam
Pescaggiom
Propulsione4 motori diesel SEMT-Pielstick; 3.240 hp
Velocità19 nodi (35 km/h)
Equipaggio60
Armamento
Artiglieria2 cannoni da 40 mm
2 mitragliere da 20 mm
Altro1 impianto anti-sommergibli "Porcospino"
2 lanciatori per bombe di profondità

dati tratti da [1]

voci di navi presenti su Wikipedia

La Vedetta (distintivo ottico F 597) fu una corvetta anti-sommergibili della Marina Militare italiana, appartenente alla classe Le Fougueux e varata nel 1954.

Costruita in cantieri francesi per conto della Bundesmarine ed entrata in servizio con la designazione di PC-1616, nel 1957 fu consegnata all'Etiopia divenendo la prima unità navale della Marina militare etiope, assumendo il nome di Zerai Deres; la nave fu quindi trasferita all'Italia nel 1959, rimanendo in servizio fino alla radiazione nel 1978.

Indice

StoriaModifica

 
La Vedetta F 597 a Taranto nel 1966

La nave fu impostata il 17 dicembre 1953 nei cantieri della ditta A. C. Dubigeon di Brest, come parte del programma Mutual Defense Assistance Program della NATO; l'unità apparteneva alla classe Le Fougueux, una serie di unità cacciasommergibili (o escorteur côtier nella designazione francese) derivate dal progetto della classe PC-461 della United States Navy. La nave venne varata il 30 settembre 1954 con la designazione di PC-1616, per poi essere completata e consegnata alla Bundesmarine della Germania Ovest il 23 agosto 1955[1].

 
La nave nel 1969

Dopo un breve periodo di servizio con la Marina tedesca, la nave fu trasferita all'Etiopia e consegnata agli etiopi il 2 gennaio 1957 nel porto di Bremerhaven; con il nuovo nominativo di Zerai Deres[2][3] (in amarico: ዘርኣይ ደረስ; in alcuni testi a volte traslitterato erroneamente in Belay Deress), in onore dell'omonimo patriota, la nave divenne la prima unità operativa della Marina militare etiope, fondata quello stesso anno.[3] L'unità rimase in servizio con l'Etiopia per un breve periodo fino all'estate del 1957, quando tornò sotto il controllo delle autorità statunitensi; il 3 maggio 1959 il governo statunitense ne ritrasferì la proprietà all'Italia[1].

Dopo lavori di manutenzione e risistemazione condotti a La Spezia, la nave entrò in servizio in forza alla Marina Militare il 5 novembre 1959 sotto la denominazione di Vedetta; assegnata al Gruppo Navale di Scorta, la Vedetta fu dislocata a Messina per compiere missioni di addestramento e di vigilanza delle attività di pesca nella zona del Canale di Sicilia, operando poi successivamente anche nel bacino del mar Adriatico.

La nave fu infine radiata dal servizio il 1º maggio 1978 e avviata alla demolizione[4][5].

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) PC-1616, su navsource.org. URL consultato il 1º settembre 2017.
  2. ^ (EN) Februray 1, 1956, in Ethiopia Observer, 1956.
  3. ^ a b (EN) Addisalem Mulat, Ethiopia's Navy Founder, in The Ethiopian Herald, 11 dicembre 2016. citato in Allafrica.com
  4. ^ Vedetta - Corvetta antisom, su marina.difesa.it. URL consultato il 1º settembre 2017.
  5. ^ Michele Cosentino e Maurizio Brescia, La Marina italiana 1945-2015 - parte 1ª, in Storia Militare Dossier, nº 15, Edizioni Storia Militare, settembre-ottobre 2014, p. 78, ISSN 22796320 (WC · ACNP).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica