Apri il menu principale

Venere Anadiomene (Ingres)

quadro di Jean-Auguste-Dominique Ingres
Venere Anadiomene
Ingres Venere Anadiomene.jpg
AutoreJean Auguste Dominique Ingres
Data(1808 - 1848)
Tecnicaolio su tela
Dimensioni163×92 cm
UbicazioneMuseo Condé, Chantilly

La Venere Anadiomene è un dipinto a olio che mostra l'episodio della nascita della Dea Venere nella sua tipologia di Venere Anadiomene, che sorge cioè fuori sospesa sull'acqua. Opera del pittore francese Jean-Auguste-Dominique Ingres, è stata composta tra il 1808 e il 1848; attualmente si trova esposta al Museo Condé a Chantilly.

Indice

StoriaModifica

Iniziato quando l'artista si trovava in soggiorno a Roma, residente all'Académie de France à Rome, il quadro è rimasto poi in fase di progetto per quasi quarant'anni; ripreso, è stato terminato nel 1848 a Parigi su esplicita richiesta del banchiere e botanico Benjamin Delessert il quale però finì con non l'apprezzare a sufficienza la tela in quanto non gli piacque il ginocchio, che trovava disegnato maldestramente.

Venduto quello stesso anno a Frédéric Reiset, allora conservatore dei disegni al museo del Louvre, viene poi presentato all'Expo parigino del 1855. È stato in seguito acquistato da Enrico d'Orléans (1822), uno dei Signori, conti e duchi di Aumale, con tutta la collezione Reiset nel 1879.

I primi disegni preparatori rappresentano Venere giacente in ginocchio, venne infine mostrata in piedi ma non in posizione di Venere pudica. La postura è ispirata dalla Nascita di Venere di Sandro Botticelli; Ingres potrebbe averlo veduto durante la sua visita compiuta a Firenze nel 1805 alla galleria degli Uffizi.

Un disegno datato 1806 rappresenta già la Dea con le bracca alzate mentre si tiene tra le mani i capelli; dopo la ripresa dell'opera il pittore porta profondi cambiamenti nella scelta dei colori rispetto a come erano stati ideati originariamente.

Secondo il poeta Charles Baudelaire, che ebbe modo di ammirare il dipinto durante il "World Expo", la testa è ispirata ai modelli antichi mentre le mani provengono dalle opere di Raffaello Sanzio ed il torso stretto dalla statuaria medioevale.

Fonte d'ispirazioneModifica

La tela di Ingres è stata presa a modello per molte altre rappresentazioni di Venere sorgente dal mare, compresa la Nascita di Venere di William-Adolphe Bouguereau del 1879, ma anche la precedente "Vénus marine" di Théodore Chassériau.

La stessa postura è stata utilizzata dall'autore anche per un altro suo nudo artistico, La sorgente, completato nel 1856. Una copia in versione ridotta si trova conservata al museo del Louvre[1], mentre i disegni preparatori si trovano oggi al Museo Ingres di Montauban[2][3][4].

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Nicole Garnier-Pelle, Chantilly, musée Condé. Peintures des xixe et xxe siècles, Paris, Réunion des musées nationaux, coll. « Inventaire des collections publiques françaises », 1997, 445 p. (ISBN 978-2-7118-3625-3),p. 215-219

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura