Apri il menu principale
Vilgot Sjöman nel 1987

David Harald Vilgot Sjöman (Stoccolma, 2 dicembre 1924Stoccolma, 9 aprile 2006) è stato un regista e sceneggiatore svedese.

I suoi film affrontano temi controversi relativi alle classi sociali, alla moralità e ai tabù sessuali, e uniscono i personaggi tormentati di Ingmar Bergman a uno stile d'avanguardia della Nouvelle Vague.[1] È noto soprattutto per aver diretto i film 490+1=491 (1964) e Io sono curiosa (1967), che tendono a far forza sui limiti di accettabilità di quanto possa essere mostrato in un film e trattano volutamente i loro soggetti in maniera provocatoria ed esplicita.[2]

Indice

FilmografiaModifica

Regista e sceneggiatoreModifica

Solo sceneggiatoreModifica

Solo registaModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Adam Bernstein, Vilgot Sjoman, 81; Explored Taboos in 'I Am Curious' Films, The Washington Post, 12 aprile 2006. URL consultato il 29 giugno 2013.
  2. ^ (SV) Anders Åberg, Tabu. Filmaren Vilgot Sjöman (PDF), Lund University, 2001. URL consultato il 29 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2006).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN29592890 · ISNI (EN0000 0001 1023 428X · LCCN (ENn79118033 · GND (DE120541688 · BNF (FRcb12270666t (data) · WorldCat Identities (ENn79-118033