Vincenzo Micheli

architetto italiano
Villa Mimbelli, a Livorno

Vincenzo Micheli (Modena, 183316 settembre 1905) è stato un architetto italiano particolarmente ispirato allo stile seicentesco delle architetture del Palladio e del Sansovino.

BiografiaModifica

Studiò all'Accademia fiorentina di Belle Arti e fu dapprima allievo e successivamente collaboratore di Emilio de Fabris, fino a divenire Direttore dell'istruzione nel 1894. In qualità di membro di diverse accademie e di Cavaliere del Regno, seguì i lavori delle commissioni per la Mole Antonelliana di Torino e per i concorsi per il Palazzo di Giustizia a Roma e per la facciata del Duomo di Arezzo.

Fu particolarmente attivo in Toscana; a Firenze realizzò ad esempio l'ingrandimento del Palazzo Corsini al Prato (1860), l'eclettica Sinagoga (1874-82, in collaborazione con Mariano Falcini e Marco Treves), il grande "Arcone" di matrice neoclassica ed i porticati di gusto cinquecentesco della risanata piazza della Repubblica, l'ampliamento dell'antico Ospedale di Santa Maria Nuova e la neogotica chiesa di San Francesco (1887).

Nel 1871 si occupò del piano regolatore di Pisa e successivamente del Teatro Guglielmi a Massa e della facciata neoclassica del Duomo di Pontremoli (1878-81).

Parallelamente ottenne diverse commissioni dal ricco mercante di marmi Bernardo Fabbricotti per la realizzazione delle proprie diverse dimore a Carrara (Villa Fabbricotti alla Padula, 1879), Livorno (Villa Fabbricotti, 1881) e nel 1864 a Firenze, allora capitale d'Italia, (Villa Fabbricotti in Firenze).

A Scandicci costruì il Teatro Alessandro Manzoni (oggi cinema Cabiria), in piazza Piave, che fu inaugurato nel 1878.[1]

Sempre a Livorno, tra il 1865 ed il 1875, edificò la Villa Mimbelli, mentre a Pisa lavorò alla chiesa di Santa Maria della Spina (quando fu deciso di ricostruirla per metterla al riparo dalle infiltrazioni del vicino fiume Arno) e al Ponte Solferino.

Suo figlio, Alberto Micheli Pellegrini, fu un apprezzato pittore ritrattista e paesaggista.

NoteModifica

  1. ^ Mila Guidi, Un Borgo alla periferia di Firenze, Casellina e Torri 1861-1913, a cura di Riccardo Borgioli, introduzione di A. Mirto CentroLibro, Scandicci 2006.

BibliografiaModifica

  • C. Cresti, L. Zangheri, Architetti e ingegneri nella Toscana dell'Ottocento, Firenze 1978.
  • M. Guidi, Un Borgo alla periferia di Firenze, Casellina e Torri 1861-1913, a cura di Riccardo Borgioli, introduzione di A. Mirto CentroLibro, Scandicci 2006. ISBN 88-86794-12-6
  • Ing. A. Raddi, Prof. Architetto Vincenzo Micheli, in L'Edilizia moderna, Anno XIV, fasc. IX, Milano, settembre 1905, pp. 52.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN65169046 · GND (DE132502062 · ULAN (EN500009156 · WorldCat Identities (ENviaf-65169046