Apri il menu principale
L'imbarcazione tradizionale rabelo usata per trasportare il Vino Porto dalla valle del Douro a Porto
Regioni vinicole DOC e IPR in Portogallo

Il vino portoghese è il risultato di tradizioni introdotte nella regione da cività antiche, come i fenici, i cartaginesi, i greci ed infine i romani [1]. Il Portogallo ha iniziato a esportare i suoi vini a Roma durante l'Impero romano. Le esportazioni moderne si svilupparono con il commercio con l'Inghilterra dopo il 1703. Nel 1758 fu creata la regione Demarcarda do Douro una delle primi regioni produttrici di vini al mondo. Il Portogallo ha due regioni produttrici di vino protette dall'UNESCO come patrimonio dell'umanità: la valle del Douro e l'isola di Pico nelle Azzorre.

Indice

VitigniModifica

PortoModifica

Vini MoscatelModifica

EsportazioneModifica

I primi 10 paesi esportatori di vino nel 2011[2]
Classifica Paese Milioni di hl
1   Italia 24,287
2   Spagna 22,309
3   Francia 14,110
4   Australia 7,012
5   Cile 6,623
6   USA 4,210
7   Germania 4,128
8   Sudafrica 3,576
9   Argentina 3,112
10   Portogallo 2,960
 World 99,400
Valore di mercato (esportazione) nel 2013 [3]
Classifica Nazione Milioni di EUR
1   Francia 7.812,1
2   Italia 5.005,0
3   Spagna 2.466,9
4   Cile 1.409,2
5   Australia 1.337,2
6   USA 1.173,8
7   Germania 998,9
8   Nuova Zelanda 773,1
9   Portogallo 724,4
10   Argentina 657,7

NoteModifica

  1. ^ SILVA, A. J. M. (2014), (19) “Les vins au goût d’argile : anatomie d’une tradition plurimillénaire. Le cas d’étude portugais du vin de talha”, 138e Congrès des Sociétés Historiques et Scientifiques : Se nourrir, pratiques et stratégies alimentaires (Rennes, 22-26 april 2013), Éditions SHS, Rennes.
  2. ^ OIV (Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino), Statistical report on world vitiviniculture, 2012.
  3. ^ OIV (Organizzazione internazionale della Vigna e del Vino, The wine market: evolution and trend, maggio 2014, p. 9.

Collegamenti esterniModifica

  • (PT) Instituto da Vinha e do Vinho, su ivv.min-agricultura.pt. URL consultato il 23 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2005).
Controllo di autoritàLCCN (ENsh2010118615