Vittore di Capua

vescovo italiano
San Vittore di Capua

Vescovo

 
NascitaV secolo
Morte554
Venerato daTutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza2 aprile

Vittore di Capua (Capua, V secolo2 aprile 554) è stato vescovo di Capua ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica e dalle altre Chiese cristiane che ammettono il culto dei santi.

BiografiaModifica

Vittore fu vescovo di Capua, successore di un altro santo vescovo capuano, Germano di Capua, dal 23 febbraio 541 al 2 aprile 554. Si sa poco della sua vita: viene conservato un suo epitaffio (C.I.L., 4503). Dalla lapide apprendiamo che il suo episcopato finì nell'aprile del 554.

I suoi scritti originali giunti a noi in frammenti, ci mostrano un devoto studente e un uomo di vasta cultura. La sua opera più famosa è il Codex Fuldensis, uno dei più antichi manoscritti rimasti della Vulgata, redatto sotto la sua direzione e da lui stesso riveduto e corretto. La particolarità del codice è che presenta, al posto dei quattro Vangeli, un'armonizzazione degli stessi, come indicato nella prefazione, un Vangelo unico ricavato dai quattro canonici.

Altre opere di Vittore sono:

  • il De cyclo Paschali, dei commentari sul Vecchio e Nuovo Testamento, perduti di cui conosciamo un frammento da Beda;
  • Libelius reticulus seu de arca di Noe, contenente un ingegnoso calcolo per dimostrare che le misure dell'Arca di Noè non sono altro che un'allegoria degli anni della vita di Cristo;
  • Capitula de resurrectione Domini sulla genealogia di Gesù e sull'ora della sua morte.

CultoModifica

Secondo il Martirologio Romano il giorno dedicato al santo è il 2 aprile:

«A Capua in Campania, san Vittore, vescovo, insigne per dottrina e santità .»

(Martirologio Romano)

Il culto di san Vittore è testimoniato dalle tante chiese dedicate a Capua, a Caiazzo, a Sessa Aurunca, a Nola, a Giffoni e a Castro Serino. Le reliquie del santo sono state rinvenute a Montevergine il 27 luglio 1480 e nel 1967 sono state restituite alla cattedrale di Capua.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN254699840 · GND (DE118804391 · CERL cnp01114885 · WorldCat Identities (ENviaf-45098544