Vjaz'

calligrafia del cirillico

Il vjaz' (in russo: вязь? che deriva da вязать, vjazat', a sua volta dall'antico slavo ecclesiastico вѩзати, vięzati "legare") è un tipo di scrittura decorata in alfabeto cirillico. Nasce intorno all'XI secolo nei codici bizantini, si diffonde intorno al XIV secolo in lingua russa nei codici Religiosi ortodossi.[1]

Porzione di scrittura vjaz' dall'intestazione di un sillabario
Vjaz' dal monaster di Ipatev
"Reumatismi" scritto in calligrafia vjaz'

È caratterizzata[2] da:

  • aste verticali allungate e spesse, molto ravvicinate tra di sé;
  • aste orizzontali brevi e sottili spesso incurvate e inclinate;
  • lettere deformate per essere incastrate nel corpo della scrittura;
  • numerosissime legature sia in tronco (aste in comune), sia con lettere piccole (spesso vocali) sovrapposte a lettere più grandi, o contenute in queste;
  • svolazzi e fioriture a riempire i vuoti.

L'effetto generale è una banda continua (simile a un codice a barre) dove l'estetica e l'ordine hanno il sopravvento sulla leggibilità.

NoteModifica

  1. ^ Vyaz’ - ParaType help & info
  2. ^ Religion and Language in Post-Soviet Russia Di Brian P. Bennett

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Esempi di vjaz' russo: [1], [2], [3][collegamento interrotto]