Apri il menu principale

Vlada Rosljakova

modella russa
(Reindirizzamento da Vlada Roslyakova)
Vlada Rosljakova
Vlada Roslyakova 2.jpg
Altezza178[1] cm
Misure79-58-86[1]
Taglia34 (UE) - 2[1] (US)
Scarpe38 (UE) - 7[1] (US)
Occhiblu
Capellibiondi

Vlada Rosljakova (in russo: Влада Рослякова?), all'anagrafe Elena Vladimirovna Rosljakova (in russo: Еле́на Влади́мировна Росляко́ва?; Omsk, 8 luglio 1987) è una modella russa.

BiografiaModifica

 
Vlada Rosljakova mentre sfila a New York l'otto settembre 2008 per la collezione primavera/estate 2009 di Marc Jacobs

Quando comincia la carriera di modella, decide di cambiare il suo nome di battesimo, Elena, per non rischiare di venire confusa con la modella russa Elena Rosenkova scegliendo appunto "Vlada" che ricorda il nome del padre naturale Vladimir. Comincia la propria carriera nella moda all'età di 17 anni sotto contratto con l'agenzia di moda Ceca Bohemia Model Management di Praga nel febbraio 2004, anno in cui debutta a Parigi nella sfilata di Yohji Yamamoto pret-a-porter primavera/estate 2005.

Firma il contratto con l'agenzia internazionale Women Model Management e nella primavera del 2005 debutta anche nell'Alta Moda per le griffe di Givenchy e Jean Paul Gaultier per le collezioni autunno/inverno 2005. Nello stesso anno è testimonial nelle campagne pubblicitarie di Moschino Cheap and Chic e Dolce & Gabbana.

Rientra nel gruppo delle modelle dell'Est di "seconda generazione" nate negli anni ottanta, principalmente russe, bielorusse, ucraine e rumene dopo quelle "apripista" di "prima generazione" nate dal '65 all'80 e per lo più slovacche, ceche ed estoni.

Ha partecipato ad oltre 450 sfilate ed è apparsa per 7 volte sulla copertina di Vogue nel mondo.

Vlada Rosljakova insieme a Jessica Stam, Heather Marks, Lisa Cant, Sasha Pivovarova e Lily Cole ha rappresentato negli anni 2000 il gruppo delle top model soprannominato "Doll-Face" (viso da bambola).

NoteModifica

  1. ^ a b c d Vlada Rosljakova Archiviato il 13 febbraio 2009 in Internet Archive. Models 1. Controllato il 23 giugno 2010.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica