Wigand di Marburgo

Wigand di Marburgo (in tedesco Wigand von Marburg; 13111394) è stato uno storico tedesco e araldo dei Cavalieri teutonici in Prussia e uno dei più noti cronisti del Medioevo.[1][2]

Wigand espande la precedente opera di Nikolaus von Jeroschin. La sua Chronica nova Prutenica (Nuova cronaca prussiana) è una delle principali fonti di informazioni usate per la storia dell'Antica Prussia e parte dell'adiacente Granducato di Lituania, che copre il periodo tra il 1293 e il 1394.[3] Originariamente scritta in lingua alto-tedesca media nella forma della prosa rimata, l'opera combina veri resoconti con leggende, storie popolari e miti. Dei 17000 versi originali che si stimano, sono sopravvissuti solo 500 circa. Tuttavia, nel 1464, il cronista polacco Jan Długosz ordinò una traduzione di quest'opera in latino, che è sopravvissuta fino ad oggi quasi interamente.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Malcolm Barber, Victor Mallia-Milanes e Helen J. Nicholson, The Military Orders: History and heritage, Ashgate Publishing, Ltd., 2008, p. 139, ISBN 978-07-54-66290-7.
  2. ^ Si tenga presente che von Marburg non è un vero cognome, ma piuttosto un titolo puramente descrittivo all'originale nome di Wigand da storici successivi. Inoltre, von non va confuso con la proposizione che nel futuro avrebbe indicato lo status di nobiltà.
  3. ^ Endre Bojtar, Foreword to the Past: A Cultural History of the Baltic People, Budapest, Central European University Press, 2000, p. 184, ISBN 963-9116-42-4.
Controllo di autoritàVIAF (EN77127763 · ISNI (EN0000 0001 0990 475X · Europeana agent/base/88248 · LCCN (ENn97057819 · GND (DE11953648X · BNF (FRcb16582134k (data) · CERL cnp00406611 · WorldCat Identities (ENlccn-n97057819
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie