William Pope Duval

politico statunitense
(Reindirizzamento da William P. Duval)

William Pope Duval (Mount Comfort, 4 settembre 1784Washington, 19 marzo 1854) è stato un politico statunitense.[1] Fu il primo governatore civile del Territorio della Florida, succedendo ad Andrew Jackson, che ne era stato governatore militare.

William Pope Duval

Governatore del Territorio della Florida
Durata mandato17 aprile 1822 –
24 aprile 1834
Capo di StatoJames Monroe
John Quincy Adams
Andrew Jackson
PredecessoreAndrew Jackson (governatore militare)
SuccessoreJohn Eaton

Membro della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti per il Kentucky
Durata mandato4 marzo 1813 –
3 marzo 1815
Predecessorecarica istituita
SuccessoreBenjamin Hardin
Circoscrizione10

Dati generali
Partito politicoDemocratico-Repubblicano (1813-28)
Democratico (1828-34)
Whig (1834-44)
Democratico (1844-48)
ProfessioneAvvocato
FirmaFirma di William Pope Duval

Nel suo governatorato di dodici anni, dal 1822 al 1834, divise la Florida in quattro territori, istituì il sistema giudiziario locale e scelse Tallahassee come capitale del territorio a causa della sua posizione centrale. Dopo la carriera politica, esercitò la professione di avvocato e si trasferì in Texas con la famiglia nel 1848. La contea di Duval, dove si trova anche Duval Street a Jacksonville, e Duval Street a Tallahassee, sono state così denominate in suo onore.

Biografia

modifica

Origini

modifica

Nativo della Virginia, era figlio di un veterano della rivoluzione americana e benestante proprietario terriero. Lasciò giovanissimo la famiglia dopo un litigio col padre, che lo accusava di essere un buono a nulla, per stabilirsi sulla frontiera del Kentucky,[2] dove sposò Nancy Hynes, figlia del pioniere Andrew Hynes, dalla quale ebbe otto figli;[3] di questi, tre si distinsero in particolare: Burr H. Duval combatté nella rivoluzione texana e venne ucciso dai messicani nel massacro di Goliad, Thomas H. DuVal fu il primo giudice della Corte Suprema texana, mentre infine John C. Duval fu il primo letterato e poeta del Texas, tanto da essere definito come "il padre della letteratura texana".[4]

Divenuto avvocato, Duval partecipò alla guerra Creek del 1812 come capitano dei volontari, per poi essere eletto alla Camera dei Rappresentanti per il Kentucky per un mandato.[2][3][4][5] Poco prima della sua nomina a governatore della Florida tornò per la prima volta in Kentucky per una breve visita alla famiglia, portando con sé un ciocco di legna e ponendolo nel camino in memoria della discussione avuta col padre vent'anni prima.[2]

Governatore territoriale della Florida

modifica

Distintosi per le proprie capacità, il presidente degli Stati Uniti James Monroe lo nominò nel 1821 primo governatore territoriale della Florida in sostituzione del generale e futuro presidente Andrew Jackson.[5] Preso possesso della carica l'anno successivo, durante il suo lungo mandato si occupò di organizzare il futuro Stato,[3] stabilendone la capitale a Tallahassee e dividendolo in quattro zone amministrative[4] dopo aver sfidato con successo l'autorità del capo indiano Nemathla, ostile alla presenza degli statunitensi.[6]

Fu uno dei principali responsabili della sistematica rimozione dei Seminole dal territorio floridiano, inasprendo così le guerre seminole[3] nonostante generalmente tentasse di adottare metodi pacifici[4] e avesse per questo guadagnato il rispetto dei nativi.[2] Alla fine del suo mandato era riuscito con successo a rimuovere tutti i Seminole della Florida meridionale, mentre la resistenza dei nativi continuava nella parte centro-settentrionale.[4]

Ultimi anni

modifica

Dopo il termine del suo mandato nel 1834, per alcuni anni rimase in Florida continuando a partecipare alla politica locale, venendo eletto senatore statale.[4][5] All'ammissione della Florida negli Stati Uniti nel 1845 fu tra coloro che si occuparono di definirne i confini ufficiali.[4] Nel 1848 infine decise di seguire i figli emigrati in Texas,[5] aprendo uno studio legale ad Austin,[4] che annoverò tra i suoi assistiti Sam Houston.[3]

Nel 1854 si recò a Washington per una consulenza legale, venendo qui colto improvvisamente dalla morte il 19 marzo.[4] Venne quindi sepolto con tutti gli onori al Cimitero del Congresso.[3] Figura molto nota della politica statunitense, ispirò alcuni dei personaggi degli scrittori Washington Irving (suo personale conoscente)[2] e James Kirke Paulding.[5] Durante la seconda guerra mondiale venne varata in suo onore la nave trasporto di classe Liberty William P. Duval, in seguito l'italiana Vesuvio.[4]

  1. ^ (EN) William Pope Duval (1784–1854). URL consultato il 28 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 17 agosto 2004).
  2. ^ a b c d e (EN) Duval, William P., su fcit.usf.edu.
  3. ^ a b c d e f (EN) DUVAL, William Pope (1784-1854), su tshaonline.org.
  4. ^ a b c d e f g h i j (EN) John Griffith, Gov. William Pope Duval, su it.findagrave.com.
  5. ^ a b c d e (EN) DUVAL, William Pope, su bioguide.congress.gov.
  6. ^ (EN) Governor Duval and the Indians, su fcit.usf.edu.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN36807098 · ISNI (EN0000 0000 4890 1407 · CERL cnp02135796 · LCCN (ENnr95015234 · GND (DE1080795987 · J9U (ENHE987007383631405171