Willy Signori e vengo da lontano

film del 1989 diretto da Francesco Nuti

Willy Signori e vengo da lontano è un film del 1989 diretto da Francesco Nuti.

Willy Signori e vengo da lontano
Francesco Nuti e Alessandro Haber in una scena del film
Paese di produzioneItalia
Anno1989
Durata105 min
Rapporto1,66:1
Generecommedia
RegiaFrancesco Nuti
SoggettoFrancesco Nuti, Giovanni Veronesi
SceneggiaturaGiovanni Veronesi, Francesco Nuti, Ugo Chiti
ProduttoreGianfranco Piccioli, Mario Cecchi Gori, Vittorio Cecchi Gori
Casa di produzioneUnion P.N e Cecchi Gori Group
Distribuzione in italianoCecchi Gori Group Tiger Cinematografica
FotografiaGianlorenzo Battaglia
MontaggioSergio Montanari
MusicheGiovanni Nuti
ScenografiaVirginia Vianello
CostumiMaurizio Millenotti
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il film è uscito nelle sale italiane il 20 dicembre 1989.

Trama modifica

Willy Signori è un giornalista di cronaca nera, fidanzato con una donna bella ma arcigna e legato a un gruppo di amici ben solido; egli ha inoltre un fratello (Ugo) bloccato sulla sedia a rotelle, che gioca spesso e volentieri a fare la vittima, provocando litigi furiosi. Una sera, al volante della propria macchina, Willy si scontra frontalmente contro un'altra vettura che viaggia contromano il cui conducente, in stato di ubriachezza, muore.

Dai medici dell'ospedale viene a sapere che la vittima aveva una giovane compagna incinta: questa si presenta al giornale in cui Willy lavora accusandolo di essere l'assassino del compagno e lui, sentendosi moralmente responsabile dell'accaduto, la va a trovare promettendole aiuto, ma lei non vuole ascoltarlo e lo sbeffeggia facendo l'esatto contrario di ciò che le chiede.

Nonostante tutto, Willy continua a prendersi cura della giovane, trascurando lavoro e affetti facendo nascere in lei un sentimento, ma scatenando così la reazione della fidanzata, che va a parlare con Lucia e la convince a sparire, ricompensandola con un assegno da 40 milioni di Lire, che però la ragazza, sdegnata, getta nel wc.

Willy, dopo averla cercata invano, trova l'assegno nel bagno e capisce tutto. Pianta la fidanzata e parte col fratello per un viaggio in Nordafrica (Ouarzazate in Marocco). Qui, sotto un sole implacabile, ritrova la ragazza con cui fa appena a tempo a dichiararsi, prima che le doglie la costringano in ospedale.

Accoglienza modifica

Il film si è classificato al 6º posto tra i primi 100 film di maggior incasso della stagione cinematografica italiana 1989-1990.[1]

Riconoscimenti modifica

Note modifica

  1. ^ Stagione 1989-90: i 100 film di maggior incasso, su hitparadeitalia.it. URL consultato il 14 ottobre 2015.

Collegamenti esterni modifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema