Yebira

faretra tradizionale giapponese

Yebira è la faretra tradizionale giapponese, contraddistinta dal non essere un contenitore chiuso ermeticamente bensì composta da una base di alloggio per la punta della freccia (Ya, 矢) e da un corpo aperto con semplice funzione di dorso d'appoggio per la sommità richiudibile della faretra, i cui lembi intrecciati mantengono le frecce in posizione. La yebira era solitamente realizzata in legno e cuoio/stoffa e veniva portata dal samurai alla cintura, sul dorso o assicurata alla sella del cavallo, sia durante la guerra sia durante le battute di caccia. La superficie del contenitore poteva essere variamente decorata, anche con la sovrapposizione di pelliccia (sakatsura yebira).

Fujiwara no Hidesato - Tsukioka Yoshitoshi (1890) - il disegno ritrae un arciere giapponese con arco yumi e faretra yebira tipo kari.

Le principali tipologie di yebira erano:

  • Kari
  • Shiko
  • Utsubo
  • Yazutsu - faretra a corpo chiuso, cilindrico, lungo e stretto, solitamente utilizzata nella pratica del Kyudo.

NoteModifica


BibliografiaModifica

  • DeProspero, Dan [e] Jackie (1993), Kyudo: The Essence and Practice of Japanese Archery, Kodansha International, ISBN 4-7700-1734-0.
  • Herrigel, Eugen (1953), Zen in the Art of Archery, Pantheon.
  • Hoff, Feliks (2002), Kyudo: The Way of the Bow, Shambhala Publications, ISBN 1-57062-852-1.
  • Selby, Stephen (2003), Archery Traditions of Asia, Hong Kong, ISBN 9627039470.
  • Sinclaire, Clive (2004), Samurai: The Weapons and Spirit of the Japanese Warrior, Publisher Globe Pequot, ISBN 1-59228-720-4
  • Stevens, John (2011), Lo zen, l'arco, la freccia, Edizioni Mediterranee, ISBN 978-88-272-2148-8.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica