ʿAbd al-Ilāh al-Bashīr

attivista siriano
ʿAbd al-Ilāh al-Bashīr

Capo del Consiglio Militare Supremo
Durata mandato 16 febbraio –
Ottobre 2014
Predecessore Salim Idris
Successore Albay Ahmed Berri

Dati generali
Professione Militare
ʿAbd al-Ilāh al-Bashīr
NascitaIdlib, intorno al 1960
Mortevivente
ReligioneMusulmana
Dati militari
Paese servitoSiria Siria (fino al 2012)
Flag of Syria 2011, observed.svg Coalizione nazionale siriana (dal 2012)
Forza armataFlag of Syria 2011, observed.svg Esercito siriano libero
GradoGenerale di brigata
GuerreGuerra civile siriana
CampagneOffensiva di Daraa del 2014
voci di militari presenti su Wikipedia

Il Brig. Gen. ʿAbd al-Ilāh al-Bashīr al-Nuʿaymī (in arabo: عبد الإله البشير النعيمي‎; Idlib, ...) comandante in capo del Consiglio Militare Supremo dell'Esercito siriano libero dal febbraio all'ottobre del 2014.

L'alto ufficiale proviene dalla grande tribù araba degli al-Nuʿaym, diffusa in tutto il Vicino Oriente,[1] soprattutto nei villaggi del Golan e nella campagna di Quneitra.[2] Prima della guerra civile siriana, Noeimi ha servito come ufficiale nell'esercito siriano dov'era generale di brigata.[1]

Guerra civile sirianaModifica

ʿAbd al-Ilāh al-Bashīr al-Nuʿaymī ha disertato dall'esercito siriano il 13 luglio 2012, insieme a diversi altri componenti della tribù al-Nuʿaym, tra cui ʿAdnān al-Rāfiʿ, Ṣāleḥ al-Ḥammāda al-Nuʿaymī e Ṣāleḥ Bashīr al-Nuʿaymī. In seguito è stato nominato capo del Consiglio militare FSA in Quneitra.[2]

ʿAbd al-Ilāh al-Bashīr al-Nuʿaymī ha chiesto il sostegno dell'Unione europea e gli Stati Uniti, sia per la fornitura di armi, sia per ottenere un intervento militare diretto. Il Brigadier Generale si è anche incontrato con i gruppi di opposizione iraniani, come il MEK, ed ha dato il suo appoggio per il rovesciamento del governo iraniano e l'abolizione del regime della velayat-e faqih gestito dagli Ayatollah.[2]

Suo figlio, Ṭalāl, è stato ucciso durante gli scontri con l'esercito regolare siriano, il 26 novembre 2013.[2]

ʿAbd al-Ilāh al-Bashīr al-Nuʿaymī è stato nominato Capo di Stato Maggiore il 16 febbraio 2014, prendendo il posto del Brigadiere generale Salīm Idrīs.[1][3][4] La sua nomina è stata ratificata dal FSA l'8 marzo 2014.[5] Il colonnello Haytham Afeysī, cofondatore del Fronte rivoluzionario siriano, è stato nominato vice di ʿAbd al-Ilāh al-Bashīr al-Nuʿaymī.[1][2]

NoteModifica

  1. ^ a b c d A Coup in the Supreme Military Council?, Carnegie Endowment, 17 gennaio 2014. URL consultato il 23 marzo 2015.
  2. ^ a b c d e Syria: FSA appoints new leader as it moves south[collegamento interrotto], Al Akhbar English, 17 gennaio 2014. URL consultato il 23 marzo 2015.
  3. ^ Free Syrian Army replaces leader, in BBC, 17 gennaio 2014. URL consultato il 23 marzo 2015.
  4. ^ (EN) Free Syrian Army fires military chief, in Al Jazeera, 18 febbraio 2014.
  5. ^ Free Syrian Army confirms new military chief, in Al Arabya, 8 marzo 2014. URL consultato il 23 marzo 2015.