Apri il menu principale
251ª Squadriglia
Canale S.Andrea -stazione Giuseppe Miraglia.jpeg
Canale S.Andrea, Venezia, Stazione idrovolanti Andrea Miraglia
Descrizione generale
Attivadall'aprile 1917
NazioneItalia Italia
ServizioRA-emblem.png Servizio Aeronautico
Lesser coat of arms of the Kingdom of Italy (1929-1943).svgRegia Marina
Regia Aeronautica
Stazione idrovolanti/AeroportoIsola di Sant'Andrea (Venezia)
Aeroporto di Palma di Maiorca
VelivoliFBA Type H
Macchi L.3
Macchi M.5
Macchi M.8
S.M.81
Battaglie/guerrePrima Guerra Mondiale
Guerra civile spagnola
Parte di
Comandanti
Degni di notaTenente di Vascello Luigi Bologna
Sottotenente di vascello Aimone di Savoia-Aosta (1900-1948)
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

La 251ª Squadriglia fu un reparto attivo nel Servizio Aeronautico della Regia Marina (Prima guerra mondiale).

StoriaModifica

Prima guerra mondialeModifica

La 251ª Squadriglia viene creata nell'aprile 1917 con personale e materiale della 1ª Squadriglia Idrovolanti della Stazione di Venezia sull'Isola di Sant'Andrea (Venezia) dotata di FBA Type H ma in corso di riequipaggiamento con i validi Macchi L.3 comandata dal Tenente di Vascello Luigi Bologna. Al 1º giugno vi sono 8 piloti e osservatori, 9 osservatori tra cui l'aspirante guardiamarina Umberto Calvello e 6 Macchi L.3. Dal mese di settembre arriva il primo validissimo Macchi M.5. Nell'ambito della Battaglia di Caporetto il 5 novembre un L.3 viene abbattuto dopo aver lanciato un messaggio a Portogruaro da 3 caccia ammarando a Porto Baseleghe di Bibione. I caccia probabilmente erano pilotati dagli assi Godwin Brumowski, Frank Linke-Crawford e Rudolf Szepessy-Sokoll.

Il 1º dicembre il comando del reparto passa al Ten. di vascello Amedeo Cencelli che il 1º gennaio 1918 dispone di 9 L.3 operativi, 3 inefficienti, altri 11 piloti e 5 osservatori. Il 22 gennaio Cencelli muore precipitando per un incidente ed il comando passa al Ten. di vascello Carlo Emanuele Giartosio. In primavera arrivano i primi Macchi M.8 ed il 22 aprile un idro Lohner R (variante del Lohner L) è abbattuto dagli M.5 della 260ª Squadriglia con il pilota Calvello, il 2º capo Andrea Rivieri ed il marinaio Giuseppe Pagliacci della 251ª in concorso con L.3 del 2° Capo torpediniere Achille Panichi della 251ª ed ex della 260ª.

Il 1º giugno il reparto dispone di 10 piloti tra cui il Sottotenente di vascello Aimone di Savoia-Aosta (1900-1948), Duca di Spoleto (fratello di Amedeo di Savoia-Aosta (1898-1942) futuro eroe della Seconda battaglia dell'Amba Alagi) ed il 2° capo cannoniere Pietro Sordi, 5 osservatori e 8 L.3. Il 14 giugno il comando passa ad Aimone che alla fine delle ostilità dispone di altri 6 piloti e di 6 osservatori.[1]

Guerra civile spagnolaModifica

Nel gennaio 1938 era nel XXV Gruppo da Bombardamento Notturno con 6 S.M.81 della Regia Aeronautica nell'Aviazione Legionaria all'Aeroporto di Palma di Maiorca.

NoteModifica

  1. ^ I Reparti dell'aviazione italiana nella Grande Guerra, AM Ufficio Storico - Roberto Gentilli e Paolo Varriale, 1999 pagg. 359-363

BibliografiaModifica

  • Franks, Norman; Guest, Russell; Alegi, Gregory. Above the War Fronts: The British Two-seater Bomber Pilot and Observer Aces, the British Two-seater Fighter Observer Aces, and the Belgian, Italian, Austro-Hungarian and Russian Fighter Aces, 1914–1918: Volume 4 of Fighting Airmen of WWI Series: Volume 4 of Air Aces of WWI. Grub Street, 1997. ISBN 1-898697-56-6, ISBN 978-1-898697-56-5.
  • I Reparti dell'aviazione italiana nella Grande Guerra, AM Ufficio Storico - Roberto Gentilli e Paolo Varriale, 1999.

Voci correlateModifica