Apri il menu principale

BiografiaModifica

FormazioneModifica

Simon iniziò a prendere lezioni con David Saperton all'età di cinque anni. All'età di otto anni divenne allievo di Josef Hofmann in una classe del Curtis Institute of Music di Filadelfia nella quale c'erano fra gli altri anche Jorge Bolet e Sidney Foster.

Simon ha preso lezioni di musica anche da Leopold Godowsky[1] e Harold Bauer.

Poco dopo il diploma, debuttò come esecutore presso la Sala Municipale e la Carnegie Hall di New York. È stato il vincitore del Concorso pianistico internazionale di Naumburg del 1940.

CarrieraModifica

Simon è stato acclamato come supervirtuoso ed è riconosciuto come uno dei grandi maestri del pianoforte.

Il critico Richard Dyer del Boston Globe ha scritto: «il recital di Simon ha offerto più di uno sguardo all'epoca d'oro del mitico pianoforte ... Il suo virtuosismo è caratterizzato non solo dalla velocità, potenza, leggerezza e precisione, ma anche dalla complessa interazione di voci e lambenti colori».

Le sue registrazioni comprendono le opere complete per pianoforte di Rachmaninov, Ravel, Chopin, e la maggior parte delle opere di Brahms e Schumann per l'etichetta discografica Vox Records.

Ha effettuato tournée in Europa, Medio Oriente e nel Pacifico. Si è esibito con la New York Philharmonic, Boston Symphony, Chicago Symphony, Orchestra reale del Concertgebouw e London Symphony Orchestra.

Simon ha tenuto classi avanzate presso la Royal Academy of Music di Londra, Royal Conservatory de L'Aja, e il Conservatorio di Ginevra. Ha insegnato nelle facoltà di Indiana University, Manhattan School of Music, e alla Juilliard School of Music di New York City. I suoi allievi sono stati i pianisti Frederic Chiu, Karen Shaw, John Kamitsuka, Erika Nickrenz, Richard Dowling, Roger Wright, Andrew Cooperstock, David Korevaar, Terence Yung e Martha Argerich[2].

Simon siede da tempo come membro della giuria del Concorso pianistico internazionale Van Cliburn, del Concorso pianistico internazionale di Ginevra, del Concorso pianistico internazionale di Leeds, del Concorso pianistico internazionale di Sydney e del Concorso Pianistico Internazionale del Sud Africa.

Simon vive attualmente a Ginevra e Houston dove è attualmente docente di pianoforte presso la Scuola di Musica Moores. Prosegue anche la carriera concertistica che ha subito un'interruzione solo momentanea quando, all'inizio del 2016, ha subito la frattura del polso e di due dita in seguito ad un incidente d'auto avvenuto ad Houston[3][4].

Abbey Simon è un artista Yamaha.

Discografia parzialeModifica

  • Robert Schumann:
    • Variation ABEGG, Kreisleriana, Arabesque, Kindersenen, DANTE PSG 6949
    • Carnaval, Op. 9 & Fantasia in do magg., Op. 17, VOX ACD 8192
  • Franz Liszt:
    • Sei Grandi Studi di Paganini, VOX VU 9004
    • Studio in re bemolle maggiore (Un Sospiro) (HMV)
  • Johannes Brahms:
    • Concerto per pianoforte e orchestra No. 1 in re minore (vincitore del premio miglior performance live, Buenos-Aires, dir. Juan-Jose Castro)
    • Variazioni su un tema di Paganini, Op. 35, VOX VU 9004
    • Variazioni e fuga su un tema di Handel, Op. 24 & Variazioni su un tema di Paganini, PHILLIPS A 00195 L
    • Tre pezzi per pianoforte, HMV
    • Sonata in fa minore, Op. 5, HMV
    • Intermezzi, Capricci, Rapsodie e Fantasie, PHILLIPS
  • Maurice Ravel:
    • Concerto per pianoforte in sol maggiore, VOX CDX 5031
    • Orchestre de Radio-Luxembourg, Dir. Louis de Froment, Concerto per pianoforte e orchestra in re maggiore per la mano sinistra, VOX CDX 5032
    • Opere complete per pianoforte, VOX CDX 5012
  • Fryderyk Chopin:
    • I Quattro Scherzi, VOX VU 9030
    • Le Quattro Ballate, Improvvisi, e Berceuse, VOX VU 9031
    • Le Sonate e Barcarolle, VOX VU 9032
    • Studi Op.10 & 25, VU 9033 VOX
    • I Valzer completi, Fantasie & Variazioni Brillanti, VOX VU 9034
    • Notturni (completo), VOX CDX 5146
    • Preludi, VOX
    • Royal Philharmonic Orchestra, dir. Sir Eugene Goosens, I Concerti per pianoforte e orchestra, HMV, EMI D 13175Z
    • Hamburg Symphony Orchestra, dir. Heribert Beissel, Le opere complete per orchestra, VOX 5002
  • Edvard Grieg:
    • Concerto per pianoforte e orchestra in la minore, Op. 16, Phillips
  • Felix Mendelssohn:
    • 17 Variations Sérieuses, VOX TVS 34460
  • Sergej Rachmaninov:
  • Ernő Dohnányi:
    • Variations on a Nursery Song, UNESCO classics DCL707202
  • Isaac Albéniz-Leopol'd Godovskij:
    • Triana from "Iberia", DANACORD DACOCD 379
  • César Franck:
    • Preludio, Corale e Fuga, HMV
  • Ludwig van Beethoven:
    • Quintetto per pianoforte e strumenti a fiato, VOX-Turnabout TVC 37004
  • Altro:
    • Trascrizioni da Liszt, Rachmaninoff, Godowsky, Chasins, VOX 8204

NoteModifica

  1. ^ rev. di Nicolas Slonimsky, Baker's Biographical Dictionary of Musicians (New York, Schimer Books), Seventh Edition, 1984.
  2. ^ Donald Minaldi, Musician of the Year 2001 Martha Argerich, Musical America, 2001.
  3. ^ Slippedisc, Abbey Simon, 96, is ready for comeback after broken hand, in Slipped Disc. URL consultato il 22 luglio 2017.
  4. ^ (EN) TEGNA, Concert pianist, 97, returns to stage after suffering injuries in car crash, in KHOU. URL consultato il 25 settembre 2017.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN14959610 · ISNI (EN0000 0000 6308 8565 · LCCN (ENn81089381 · GND (DE134860608 · BNF (FRcb138997885 (data) · WorldCat Identities (ENn81-089381