Accordo di Pittsburgh

accordo per l'unificazione della Cecoslovacchia

L'accordo di Pittsburgh è stato un memorandum d'intesa completato il 31 maggio 1918 tra i membri delle comunità di espatriati cechi e slovacchi negli Stati Uniti d'America. Prende il nome dalla città di Pittsburgh, in Pennsylvania, dove è stato stipulato l'accordo, che prescriveva l'intento dei cofirmatari di creare una Cecoslovacchia indipendente.[1] Ciò fu raggiunto il 18 ottobre 1918, quando il principale autore dell'accordo, Tomáš Garrigue Masaryk, dichiarò l'indipendenza della Cecoslovacchia. Masaryk fu eletto primo presidente della Cecoslovacchia nel novembre 1918.

Targa commemorativa dell'accordo di Pittsburgh

ScenarioModifica

L'ambientazione storica dell'accordo di Pittsburgh fu l'imminente dissoluzione dell'Impero austro-ungarico nei mesi precedenti la fine della prima guerra mondiale. Nel settembre 1918 era evidente che le forze della monarchia asburgica, i governanti dell'Austria-Ungheria, sarebbero stati sconfitti dagli Alleati: Gran Bretagna, Francia e Russia.[2] Tra il 1860 e il 1918, quasi un milione di persone di etnia slovacca e ceca emigrarono negli Stati Uniti e in altre nazioni. All'epoca, questi immigrati erano ufficialmente registrati come austriaci o ungheresi (magiari), il che non rifletteva la loro origine etnica.[3] Gli Stati Uniti consentirono ai gruppi nazionalisti cechi e slovacchi di formarsi e operare.[4] Il 22 ottobre 1915, alla Bohemian National Hall di Broadway, Cleveland, Ohio, la Slovak League of America e la Bohemian (Czech) National Alliance firmarono l'Accordo di Cleveland. Con questo, i due gruppi avevano deciso di lavorare insieme verso uno stato unito e indipendente per cechi e slovacchi. L'unione dei gruppi di popolazione ceca e slovacca aiutò gli slovacchi a staccarsi dallo stato ungherese dell'impero austro-ungarico e a creare uno stato con una chiara maggioranza slava per superare la grande popolazione di lingua tedesca della Boemia.

RiunioneModifica

Venerdì 31 maggio 1918, fu convocata una riunione del Consiglio nazionale ceco-slovacco sotto la presidenza di Tomáš Garrigue Masaryk, presso il Loyal Order of Moose Building, 628-634 Penn Avenue, Pittsburgh, Contea di Allegheny, Pennsylvania, Stati Uniti d'America. Erano presenti rappresentanti di organizzazioni fraterne tra cui la Slovak League of America;[5] la Federazione nazionale ceca, la Prima Lega evangelica slovacca e l'Associazione dei cattolici cechi.[6] Queste associazioni rappresentavano gli immigrati in America dalla Boemia, dalla Moravia, dalla Slovacchia e dalla Slesia ceca.[7] Giovedì 30 maggio 1918, il giorno festivo del Memorial Day vide molti residenti cechi e slovacchi di Pittsburgh andare in centro per festeggiare l'arrivo di Masaryk).[1]

Il documento firmato riportava la data del 30 maggio 1918.[8]

AccordoModifica

Venne redatto un accordo che recitava:

"1. Approviamo (sanzioniamo) il programma politico, che si sforza di realizzare un'Unione dei cechi e degli slovacchi in uno stato indipendente comprendente le terre ceche (le terre della corona boema) e la Slovacchia.
2. La Slovacchia avrà la sua amministrazione, il suo parlamento e i suoi tribunali".
3. La lingua slovacca sarà la lingua ufficiale nelle scuole e nella vita pubblica in generale (in Slovacchia).
4. Lo Stato cecoslovacco sarà una repubblica, la sua Costituzione sarà democratica.
5. L'organizzazione della collaborazione dei cechi e degli slovacchi negli Stati Uniti sarà ampliata e adattata in base alle esigenze e all'evolversi della situazione, di comune accordo.
6. Le regole dettagliate relative all'organizzazione dello Stato ceco-slovacco sono lasciate ai cechi e agli slovacchi liberati e ai loro rappresentanti legali (da stabilire)."[6]

FirmatariModifica

SlovacchiModifica

Ivan Bielek (1886-1941)Modifica

Bielek, nato in Slovacchia, è stato vicepresidente e direttore della Czecho Slovak Commercial Corp. of America, una società di importazione fondata nel 1918.

Michal Bosak (1869-1937)Modifica

Bosák, nato a Okruhle, in Slovacchia, era un banchiere e un agente marittimo che, durante la prima guerra mondiale, raccolse fondi per la campagna per una nazione slovacca indipendente.[9]

Ivan Daxner (1860-1938)Modifica

Daxner era nato a Nagykallo, figlio dell'attivista politico Stefan Marko Daxner.[4] Divenne banchiere e continuò questa professione emigrando negli Stati Uniti.[10] Divenne segretario esecutivo della Slovak League of America. Egli disse:

"Lontano dai magiari, ma non nella sottomissione ceca; vogliamo unirci ai cechi alla pari".[11]

Ján Adolf Ferienčík (1863-1925)Modifica

Ferienčík era l'editore di Slovenský hlásnik (Slovak Herald), la pubblicazione settimanale dell'Unione evangelica slava d'America.[12]

Matúš GazdikModifica

Ignac Gessay (1874-1928)Modifica

Gessay, nato nella regione di Orava, in Slovacchia, da una famiglia di contadini, era diventato un insegnante di scuola prima di emigrare negli Stati Uniti. Negli Stati Uniti ha lavorato come giornalista con Ján Pankúch.

Milan Alexander Getting (1878-1951)Modifica

Milan Getting era un giornalista e politico slovacco e in seguito un diplomatico. Emigrò negli Stati Uniti nel 1902. Era un editore del quotidiano slovacco Sokol.

Jozef Hušek (1880-1947)Modifica

Husek era nato a Okolicne, in Slovacchia, cattolico. Emigrò negli Stati Uniti nel 1903 e lavorò nel giornalismo e nella Slovak League of America.

Ján Janček Jr. (1881–1933)Modifica

Janček, nato a Ruzomberok, in Slovacchia, era uno scrittore e redattore di notizie e in seguito un politico e sindaco di Ruzomberok.

L. Jozef Karlovský (1887–1964)Modifica

Ján Kubašek (1885-1950)Modifica

Il rev. Kubašek emigrò dalla Slovacchia a Yonkers, negli Stati Uniti nel 1902 e fu ordinato sacerdote nel 1914. Divenne presidente dell'Associazione dei cattolici slovacchi.

Albert Mamatey (1870-1923)Modifica

Mamatey, nato a Kláštor pod Znievom, in Slovacchia, è stato il presidente della National Slovak Society e della Slovak League of America.[13] Ha sostenuto la conservazione della cultura slovacca mentre aiutava anche gli immigrati slovacchi ad essere ben considerati nella loro nuova terra.[14]

Gejza H. MikaModifica

Jozef Murgaš (1864-1929)Modifica

Il rev. Murgaš era un prete cattolico nato a Tajov, in Slovacchia. Nel 1896 emigrò negli Stati Uniti in una parrocchia slovacca a Wilkes-Barre, in Pennsylvania. È stato uno dei membri fondatori della Slovak League of America.

Ján Pankuch (1869–1951)Modifica

Pankúch emigrò dalla Slovacchia negli Stati Uniti nel 1885 e lavorò per la Slovak League of America. Era un giornalista a Cleveland, Ohio.

Andrej SchustekModifica

Schustek era presidente del primo distretto della Slovak League of America. A Chicago, in occasione del secondo anniversario dell'indipendenza della Cecoslovacchia, disse:

"Ci hanno assicurato, i boemi, che ogni slovacco è un nostro fratello sincero, figlio di una madre: la Slovacchia. Hanno fatto riferimento al fatto, spesso trascurato, che fino a poco tempo fa gli slovacchi non avevano le proprie scuole, che fin dall'infanzia sono stati educati ad odiare i boemi e tutto ciò che è slavo. Pertanto, non sorprende che molti di loro siano ancora oggi contro di noi, specialmente quando sono continuamente istigati da agenti assunti o volontari."[15]

Pavel ŠiškaModifica

Il rev. Šiška era il segretario finanziario della Slovak League of America.[16]

CechiModifica

Vojta Beneš (1878–1951)Modifica

Beneš era nato a Kožlany, fratello di Edvard Beneš. Vojta Beneš era un organizzatore della Bohemian National Alliance of America. Nel 1917 pubblicò How Bohemians Organized, riflettendo il movimento nazionalista.[17]

Hynek Dostál (1871-1943)Modifica

Dostál era l'editore del giornale Hlas di Saint Louis[18] e l'editore del giornale della Cappella di San Giovanni Nepomuceno, il primo giornale cattolico ceco negli Stati Uniti.[19]

Ludvik Fisher (1880-1945)Modifica

Fisher era presidente dell'Alleanza nazionale ceca.

Innocent KestlModifica

Il rev. Kestl era un prete cattolico ceco che divenne vicepresidente del Consiglio nazionale cecoslovacco.[20]

Josef Martínek (1889-1980)Modifica

Martinek, nato vicino a Praga, emigrò a Cleveland, Ohio, come operaio metalmeccanico. Divenne redattore di giornali, socialista e nazionalista ceco.[21][22]

Tomáš Garrigue Masaryk (1850-1937)Modifica

Masaryk era un membro del governo austriaco e un filosofo all'Università di Praga. Fu fondamentale per garantire l'indipendenza del popolo ceco e divenne presidente della Cecoslovacchia.[23]

Joseph P. PeciválModifica

Karel Pergler (1882-1954)Modifica

Pergler, nato a Liblin, in Boemia, emigrò negli Stati Uniti durante l'infanzia. Divenne avvocato e giornalista. Pergler era a capo dell'Ufficio stampa slavo (fondato nel maggio 1918) e faceva parte dell'Alleanza nazionale boema e del capitolo boemo del Partito socialista d'America. In seguito divenne ambasciatore cecoslovacco negli Stati Uniti.

B. SimekModifica

Jan StrakaModifica

Oldřich Zlámal (1879–1955)Modifica

Il rev. Zlámal era nato a Korkory, Moravia. Fu ordinato nella Chiesa cattolica a Cleveland, Ohio nel 1904.[24]

Jaroslav Joseph Zmrhal (1878–1951)Modifica

Zmrhal era preside e sovrintendente nel sistema delle scuole pubbliche di Chicago.[25][26]

RisultatoModifica

Il 18 ottobre 1918, un governo provvisorio ceco a Parigi annunciò la Dichiarazione di indipendenza cecoslovacca.

ArchivioModifica

Dopo l'incontro è stata firmata una litografia calligrafica dell'accordo. Il 9 settembre 2007, l'oggetto è stato donato al John Heinz History Center di Pittsburgh.[1] Altre copie sono archiviate altrove in tutto il mondo.

NoteModifica

  1. ^ a b c Votruba M. "Pittsburgh Agreement" University of Pittsburgh, Slovak Studies Program. Accessed 28 October 2013.
  2. ^ Stevenson, D. "Cataclysm: The First World War As Political Tragedy", New York: Basic Books (2004) p 380, ISBN 0-465-08184-3, OCLC 54001282
  3. ^ Sabo G. "Slovaks - The Encyclopedia of Cleveland History" Case Western Reserve University. Accesso 3 novembre 2013.
  4. ^ a b Mahoney, W. "The history of the Czech Republic and Slovakia." The Greenwood Histories of the Modern Nations. 2011. Google Books. In inglese. Accesso 30 ottobre 2013
  5. ^ "Slovak League of America Collection" University of Illinois at Chicago, Special Collections. Accesso 28 ottobre 2013.
  6. ^ a b Grinnel D. "The Pittsburgh Agreement" Archiviato il 2 novembre 2013 in Internet Archive. Penn State University. Western Pennsylvania History. Accesso 28 ottobre 2013
  7. ^ "The Pittsburgh Agreement" Brookline local history website. Accesso 28 ottobre 2013
  8. ^ PRECLÍK, Vratislav. Masaryk a legie (Masaryk and legions), váz. kniha, 219 str., vydalo nakladatelství Paris Karviná, Žižkova 2379 (734 01 Karviná, CZ) ve spolupráci s Masarykovým demokratickým hnutím (Masaryk Democratic Movement, Prague), 2019, ISBN 978-80-87173-47-3, pp.33 - 45, 70 – 96, 110- 157, 159 – 185, 187 - 199
  9. ^ Bosak R. and M. "Michael Bosak, an American banker from Saris." The Michael Bosnak Society. In inglese. Accesso 30 ottobre 2013.
  10. ^ "Ivan Daxner" Narodna Banka Slovenska. Archive website. In sloveno. Accesso 30 ottobre 2013.
  11. ^ Špiesz A. and Čaplovič D. "Illustrated Slovak history: A struggle for sovereignty in central Europe" Bolchazy-Carducci Publishers, 2006, p 286. Google Books. In inglese. Accesso 30 ottobre 2013.
  12. ^ "N. W. Ayer & Son's American Newspaper Annual: containing a catalogue of American newspapers, a list of all newspapers of the United States and Canada." 1909, volume 2, p746. University of North Texas digital library. Accesso 30 ottobre 2013.
  13. ^ Mamatey, A. "The Situation in Austria-Hungary" J. Race Dev. Vol 6 p203. Accesso 29 ottobre 2013.
  14. ^ Alexander, J. "Ethnic Pride, American Patriotism." Temple University Press. 2008. p57. Accesso 29 ottobre 2013.
  15. ^ Hlasatel, D. "Yesterday's celebration of the twenty-eighth of October festivals arranged to celebrate second anniversary of Czechoslovak Independence, in Sokol Chicago Hall" 29 ottobre 1920. The Newberry, Foreign Language Press Survey. Accesso 29 ottobre 2013.
  16. ^ Ference G.C. "Sixteen months of indecision: Slovak American viewpoints toward compatriots and the homeland from 1914 to 1915 as viewed by the Slovak Language Press in Pennsylvania." Susquehanna University Press, 1995. p125. Accesso 30 ottobre 2013.
  17. ^ Beneš V. "How Bohemians Organised." The Bohemian Review. September, 1917. World War I centennial gallery website: the great war as interpreted in magazine writings. MacDonald J.F. In English. Accesso 2 novembre 2013.
  18. ^ Williams C. "Hlas interviews." Meet Charles website. Accesso 31 ottobre 2013.
  19. ^ Sommer J. "Meet me In historic St. Louis tour - Oct. 2011" Czechoslovak Genealogical Society International sito web. In inglese. Accesso 31 ottobre 2013.
  20. ^ Kestl I. and Kraman F. M. "Památník oslavy 25-letého trvání osady Blahoslavené Anežky České v Chicagu, Ill., 1904-1929" (1929).
  21. ^ "Martinek, Joseph - Encyclopaedia of Cleveland History." Case Western Reserve University. 2010. Accesso 31 ottobre 2013.
  22. ^ "Joseph Martinek." Ohio History Central. Accesso 31 ottobre 2013.
  23. ^ Ford N. G. "Americans All!: Foreign-Born Soldiers in World War I." Texas A & M University Press. 5 gennaio 2001. In inglese. Accesso 31 ottobre 2013.
  24. ^ "Zlamal, Oldrich - Encyclopaedia of Cleveland History." Case Western Reserve University. 2010. Accesso 1 novembre 2013.
  25. ^ Kugler J. "Immigrants take over schools: an historical study of minorities influencing educational policy." ProQuest, 2008. p91. Accesso 31 ottobre 2013.
  26. ^ Zmrhal J. J. "Bohemia. A brief evaluation of Bohemia's contribution to civilisation" Bohemian National Alliance. Chicago, Illinois. 1917. Accesso 2 novembre 2013.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica