Acid Bath

gruppo musicale statunitense
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'album degli Alien Sex Fiend, vedi Acid Bath (album).
Acid Bath
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereSludge metal
Doom metal
Periodo di attività musicale1991 – 1997
Album pubblicati3
Studio2
Live1
Raccolte0
Sito ufficiale

Gli Acid Bath sono stati una band sludge/doom metal originaria della Louisiana, USA, formata nel 1991 e sciolta nel 1997[1].

BiografiaModifica

Appena formati, gli Acid Bath pubblicarono vari demo (Golgotha nel 1991, Acid Bath Live nel 1992 e Hymns of the Needle Freak nel 1993) ottenendo così i primi sostegni del pubblico.

Nel 1994 gli Acid Bath pubblicarono il loro primo e più rinomato album, intitolato When the Kite String Pops[2]. Ad esso seguì, nel 1996, il disco Paegan Terrorism Tactics che assicurò al gruppo, grazie al buon numero di vendite e sonorità più melodiche, un tour con i Brutal Truth, i Pungent Stench e i DRI[3].

Dopo queste due pubblicazioni la band si sciolse nel 1997 in seguito alla morte del bassista del gruppo, Audie Pitre, e della sua famiglia in un incidente stradale. In seguito Dax Riggs e Mike Sanchez formarono gli Agents of Oblivion

StileModifica

Nonostante la loro breve carriera, gli Acid Bath hanno guadagnato col passare degli anni una discreta fama, ottenuta grazie ad un unico stile. La loro unione di influenze stoner, black e death metal fatte confluire in violente sonorità sludge sono rese ancora più uniche dal canto baritonale di Dax Riggs, autore dei testi del gruppo, incentrati su visioni psichedeliche e storie orrorifiche, intrisi da un'inquietante e oscura vena poetica.

FormazioneModifica

DiscografiaModifica

Album in studioModifica

Altre pubblicazioniModifica

  • 1991 - Golgotha (Demo)
  • 1992 - Acid Bath Live (Demo)
  • 1993 - Hymns of the Needle Freak (Demo)
  • 1994 - Radio Edits 1
  • 1994 - Radio Edits 2
  • 2005 - Demos: 1993 - 1996 (Compilation)

NoteModifica

  1. ^ Garry Sharpe-Young, New Wave of American Heavy Metal, New Plymount, Zonda Books Limited, 2005, ISBN 0-9582684-0-1.
  2. ^ Claudio Sorge, When the Kite String Pops (recensione), in #33 Rumore, novembre 1994.
  3. ^ Joel McIver, Extreme Metal II, Omnibus Press, 2010, ISBN 978-0-85712-224-7.

BibliografiaModifica

  • Joel McIver, Extreme Metal II, Omnibus Press, 2010, ISBN 978-0-85712-224-7.
  • Garry Sharpe-Young, New Wave of American Heavy Metal, New Plymount, Zonda Books Limited, 2005, ISBN 0-9582684-0-1.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Heavy metal