Apri il menu principale

Ahmed Zewail

chimico e fisico egiziano
Ahmed Zewail su un francobollo celebrativo egiziano
Premio Wolf Premio Wolf per la chimica 1993
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la chimica 1999

Ahmed Hassan Zewail (Damanhur, 26 febbraio 1946Pasadena, 2 agosto 2016[1]) è stato un chimico e fisico egiziano naturalizzato statunitense, vincitore del premio Nobel per la chimica nel 1999 «per i suoi studi sugli stati di transizione delle reazioni chimiche utilizzando uno spettroscopio al femtosecondo».[2]

Indice

BiografiaModifica

Zewail nasce a Damanhur (città a 60 chilometri da Alessandria) e cresce a Disuq. Si laurea presso l'Università di Alessandria e consegue il dottorato presso l'Università della Pennsylvania, negli Stati Uniti. Inoltre, è research fellow presso l'Università di Berkeley.

Dopo l'esperienza post-dottorato a Berkeley, ottiene una cattedra al Caltech nel 1976. Nel 1982 viene naturalizzato cittadino statunitense e, nel 1990, è il primo a ricoprire la cattedra di chimica fisica "Linus Pauling".

Zewail, con i suoi studi, è stato un pioniere della femtochimica, ovvero di quella branca della chimica fisica che studia le reazioni in intervalli di tempo nell'ordine dei femtosecondi (ovvero 10-15 secondi).

PremiModifica

Nel 1999, Zewail è il terzo egiziano a essere premiato con il Nobel, dopo Sadat (che aveva vinto il premio Nobel per la pace nel 1978) e lo scrittore Mahfouz (premiato nel campo della letteratura nel 1998).

Nel 1993 gli viene assegnato il Premio Wolf in chimica, mentre nel 1997 ottiene il Robert A. Welch Award. Nel 1999 riceve la più grande onorificenza egiziana, il Gran Collare del Nilo e nel 2011 la medaglia Priestley.

Vita privataModifica

Zewail era sposato con una dottoressa di nome Dema ed aveva quattro figli.

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Nobel Prize-winning Egyptian chemist Zewail dies (en) Reuters.com
  2. ^ (EN) Il premio Nobel per la chimica nel 1999, nobelprize.org. URL consultato il 5 ottobre 2008.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN95254701 · ISNI (EN0000 0003 7493 0318 · LCCN (ENn78020898 · GND (DE128714743 · BNF (FRcb12342471w (data)