Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati del termine Aita, vedi Aita (disambigua).
Busto di Ade, marmo, copia romana di un originale greco del V secolo a.C. (Roma, Museo nazionale romano).

Aita o Eita è il dio etrusco dell'oltretomba, assimilabile a Mantu e a Sur ("il Nero" secondo la tesi di Giovanni Colonna)[1] e consorte della dea Phersipnai. Corrisponde al dio greco Ade e al dio della mitologia romana Plutone.

AspettoModifica

Su un'urna di cenere appare Aita in forma umanizzata, Il suo aspetto da lupo è acuito dalla pelle di lupo che gli fa da mantello e da cappuccio come un veggente, in procinto di condurre nell'oltretomba l'uomo le cui ceneri erano custodite in una cassa, il cui spirito è visto dall'esterno mentre passa attraverso il portale verso un nuovo mondo.[2][3]

Aita viene raffigurato solo in pochi esemplari della scultura estrusca tombale,[4] come nelle Tombe Golini ad Orvieto e nella Tomba dell'Orco a Tarquinia.

Esso viene ritratto insieme alla moglie Persipnei, equivalente etrusca della dea greca Persefone.[5]

Nella cultura di massaModifica

Collegamenti esterniModifica

NoteModifica

  1. ^ Giovanni Colonna, L'Apollo di Pyrgi, Sur/Suri ("il Nero") e l'Apollo Sourios, in Studi Etruschi, LXXIII, pp. 101-126.
  2. ^ "Dizionario dei mostri", di Massimo Izzi, ediz. L'Airone, Roma, 1997, (alla pag.6 - voce "Aita")
  3. ^ Sybille Haynes, Etruscan Civilization. Los Angeles, The J. Paul Getty Museum, 2000, p. 342. Image of the urn Archived 2011-06-14 at the Wayback Machine..
  4. ^ Jean-René Jannot, L'aulos étrusque, in L'antiquité classique, vol. 43, nº 1, 1974, pp. 118–142, DOI:10.3406/antiq.1974.1734. URL consultato il 4 maggio 2019.
  5. ^ (EN) D. J. Conway, Maiden, Mother, Crone: The Myth and Reality of the Triple Goddess, Llewellyn Worldwide, 1994, ISBN 9780875421711. URL consultato il 4 maggio 2019.
  Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia