Apri il menu principale

Alberto Albertini (giornalista)

giornalista italiano
Da sinistra, Alberto e Luigi Albertini

Alberto Albertini (Ancona, 1879Napoli, 15 gennaio 1954) è stato un giornalista e scrittore italiano.

BiografiaModifica

 
Milano, via Solferino: la sede del Corriere della Sera

Dapprima redattore del Corriere della Sera, ne divenne condirettore insieme col fratello Luigi quando questi fu delegato a rappresentare il governo italiano alla conferenza per il disarmo navale a Washington nell'ottobre del 1921. Insieme al fratello lasciò la direzione nel 1925, non più compatibile con il fascismo ormai divenuto regime[1].

Negli anni del regime, i suoi palesi sentimenti antifascisti lo emarginarono dalla vita letteraria italiana.[2] Ebbe invece stimatori all'estero: Franz Werfel, autore del celebre I quaranta giorni del Mussa Dagh e Stefan Zweig, scrittore e poeta, autore di importanti biografie, ambedue avversati dal nazismo, apprezzarono il suo spirito liberale piegato dalle vicende italiane.[2]

Fra le sue opere di saggista e narratore si distinguono: Vita di Creso nella quale sono esaltate le qualità spirituali dell'individuo sulla mera ricchezza; Vita di Luigi Albertini biografia del fratello che ricostruisce puntualmente l'ambiente giornalistico nei primi anni del Novecento; il romanzo Senza fine in cui si descrive la crescita di una vocazione letteraria che emerge lentamente dalla solitudine, e la difesa dei valori autentici dalla volgarità e l'irrazionalismo dei nuovi tempi.[2]

Morì a Napoli a settantacinque anni nel 1954. Fu sepolto a Parella, nell'odierna città metropolitana di Torino, accanto al fratello Luigi e al suocero Giuseppe Giacosa.[3]

OpereModifica

  • Due anni, Verona, Officinae Bodoni, 1934.
  • Creso, Milano, A. Mondadori, 1937.
  • Vita di Luigi Albertini, Milano, A. Mondadori, 1945.
  • Senza fine, Milano, A. Mondadori, 1946.
  • La fede di un aspirante alla fede, Milano, Edizioni di comunità, 1950.
  • Tra epoche opposte. Diario caprese, 1943-1944, a cura di Franco Monteleone, Capri, La conchiglia, 2007. ISBN 978-88-6091-005-9.

NoteModifica

  1. ^ Alberto Albertini, su treccani.it. URL consultato il 21 giugno 2014.
  2. ^ a b c Dizionario della letteratura italiana contemporanea, vol.1, pp. 52-53, riferimenti in Bibliografia.
  3. ^ Articolo del quotidiano La Stampa, riferimenti e link in Collegamenti esterni.

BibliografiaModifica

  • Enzo Ronconi (a cura di), Dizionario della letteratura italiana contemporanea, vol. 1, Firenze, Vallecchi, 1973.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN76622048 · ISNI (EN0000 0000 7978 1727 · SBN IT\ICCU\MILV\138793 · LCCN (ENno2007062061 · GND (DE133340090 · BNF (FRcb15511784z (data) · NLA (EN35708093 · WorldCat Identities (ENno2007-062061