Alea Iacta Est (videogioco)

videogioco del 2012
Alea Iacta Est
videogioco
PiattaformaMicrosoft Windows
Data di pubblicazioneMondo/non specificato 27 settembre 2012
GenereStrategia a turni
TemaAntica Roma
OrigineFrancia
SviluppoAGEOD
PubblicazioneAGEOD, FX Interactive (Italia e Spagna)
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di inputMouse, tastiera
SupportoDVD, download
Distribuzione digitaleSteam
Fascia di etàPEGI: 7
EspansioniParthian Wars
Birth of Rome
Hannibal Terror of Rome

Alea Iacta Est è un videogioco di strategia a turni ambientato ai tempi della Repubblica romana e dell'Impero romano. Sviluppato e distribuito dalla AGEOD, il gioco è stato pubblicato il 27 settembre 2012 per Windows.

Modalità di giocoModifica

In ogni nuova partita, il giocatore si ritrova di fronte ad un elenco di scenari che spazia da campagne relativamente corte ad altre più estese. Mentre gli scenari indipendenti sono limitati nel tempo e si giocano su mappa ridotta, le campagne complete (per esempio la guerra civile tra Cesare e Pompeo) coinvolgono invece teatri operativi molto vasti e centinaia di generali e unità.

Ogni scenario dispone di certi eventi che si attivano o quando una fazione raggiunge determinati requisiti o quando semplicemente si arriva ad un determinato turno. Spesso, tali eventi sono meramente informativi con funzione storica, ma esistono avvenimenti che hanno grande influenza sul gioco, come l'aggiunta o la sottrazione di truppe ad una fazione.

Condizioni di vittoriaModifica

Nel gioco, la vittoria viene determinata alla fine di ogni scenario confrontando i punti di Vittoria (PV) totali di ogni fazione, dove ovviamente vince quella con il maggior numero di tali punti. In alternativa, lo scenario può finire prematuramente se si soddisfano i prerequisiti di vittoria o sconfitta automatica o si verificano le condizioni di morte improvvisa.

I Punti Vittoria / PV si accumulano e si ottengono in base a quante città strategiche si controllano e a quante unità nemiche vengono distrutte. Ogni fazione inizia lo scenario col controllo di una o più città obiettivo, e le altre devono essere sottratte al nemico nel corso della partita. Premendo il tasto F7, si può vedere che ognuna di queste città obiettivo viene elencata accanto al suo valore in punti di Morale Nazionale (MN). L'ottenimento e la perdita di MN come risultato di un cambiamento di controllo di una città obiettivo viene calcolato una sola volta, alla fine del turno. In altre parole, per la conquista o la perdita di una città, si otterrà o si perderà MN solo una volta.

La volontà di lotta delle fazioni, sia in termini di popolazione che in quelli dell'esercito, sta proprio nel Morale Nazionale (MN). Una fazione con un morale nazionale elevato sarà più disposta a resistere allo sforzo sul campo di battaglia, mentre un morale nazionale basso denota stanchezza e sconfitta. Nel gioco si vince o si perde istantaneamente raggiungendo il limite massimo o minimo di MN; si ottengono questi punti catturando una città/regione obiettivo, vincendo battaglie, e resistendo per determinati turni di fronte a un attacco, mentre li si perdono perdendo posizioni importanti, perdendo una battaglia, o quando un generale muore o perde esperienza o quando le truppe si stancano. Tale morale è anche un modificatore di coesione massima della unità, produzione di forniture e accumulo di denaro. Vincere una campagna o uno scenario raggiungendo il limite massimo di MN sarà una vittoria totale, mentre farlo accumulando più PV del rivale sarà una vittoria minore. Secondo la regola base, ogni 10 punti MN l'efficienza dell'intera fazione cambia del 5%, sia positivo che negativo.

Gestione militareModifica

Il reclutamento delle unità ha dei criteri piuttosto complicati: esso presenta ad esempio dei limiti, anche perché non tutte le unità vanno addestrate nello stesso posto, o subito a causa delle risorse e della popolazione insufficienti, del limite massimo raggiunto in generale o nella regione, del controllo militare insufficiente, della scarsa lealtà, dell'assenza di una struttura specifica o dell'assenza di un porto nel caso di una nave. Logicamente, alcune unità sono esclusive in alcune zone del teatro operativo, o nella capitale.

Per ingaggiare battaglia basta spostare l'icona di un esercito a quella di un'armata avversaria. Esistono 4 atteggiamenti disponibili: Assalto, Offensivo, Difensivo e Passivo.

Le regole di scontro (RDS) variano in base all'atteggiamento assegnato alla forza: l'atteggiamento Assalto detiene quattro sotto-atteggiamenti chiamati Attacco totale, Attacco prolungato, Attacco conservatore e Attacco sonda, mentre gli altrettanti di quello Difensivo sono Tieni duro a tutti i costi, Difendi, Difendi e ritirati e Ritirati se ingaggiato.

Politica e diplomaziaModifica

Il controllo militare su una regione si esprime attraverso una percentuale. In una regione "contestata", il controllo è diviso tra entrambe le fazioni. Un giocatore avrà il controllo totale su una regione se la domina al 100%, e parziale se la controlla tra il 51% e il 100%. Tale controllo militare si ottiene mantenendo unità militari in una regione per un certo periodo di tempo, che dipende da diversi fattori, di cui la più importante è la dimensione dell'unità: maggiore è l'esercito, più rapidamente si ottiene il 100%. Inoltre, una fazione con un livello di lealtà di almeno 51% in una regione ne vedrà aumentare il controllo anche se priva di unità.

CampagneModifica

BaseModifica

  • Apprendistato - 50 a.C. - 5 turni
  • Marius contro Silla - 87 a.C. - 59 turni
  • La grande guerra Mitradica - 75 a.C. - 67 turni
  • La rivolta di Spartacus - 73 a.C. - 45 turni
  • La guerra civile romana - Pompeus contro Caesar - 50 a.C. - 121 turni
  • L'anno dei Quattro Imperatori - 68 d.C. - 25 turni
  • Septimus Severus - 193 d.C. - 49 turni
  • Le guerre cantabriche (DLC) - 29 BC

Espansione Parthian WarsModifica

  • La campagna di Carre - 53 a.C.
  • La vendetta di Cesare (scenario alternativo) - 44 a.C.
  • Marco Antonio - 40 a.C.
  • Traianus Imperatore - 114 d.C.
  • La rappresaglia di Severus - 197 d.C.

Espansione Birth of RomeModifica

  • La terza guerra sannitica - 298-291 a.C. - 84 turni
  • La guerra dei Senoni - 284-282 a.C.- - 24 turni
  • Le vittorie pirriche - 280-272 a.C. - 96 turni
  • La Prima Guerra Punica - 264-241 a.C. - 276 turni (ne esiste una più breve che inizia nel 256 a.C.)
  • La guerra dei mercenari (Cartagine, esausta, affronta i suoi mercenari ribelli) - 241-238 a.C. - 36 turni

Espansione Hannibal Terror of RomeModifica

  • La prima guerra illirica - 230-228 a.C. - 24 turni
  • La guerra cisalpina - 225-222 a.C. - 36 turni
  • La seconda guerra punica - 219-201 a.C. - 216 turni
  • Cannae - 216-201 a.C. - 180 turni
  • Scipione Africano - 211-201 a.C. - 120 turni

AccoglienzaModifica

Valutazioni professionali
Testata Giudizio
Destructoid 8/10[1]
Absolute Games 75%[2]
4Players.de 72/100

Destructoid lo ha votato con un 8/10, considerandolo degno del costo e del tempo spesi, e uno degli strategici ambientati nell'antica Roma più complessi e aderenti alla storia, pur richiedendo molta pazienza a causa dei numerosi contenuti e dell'enorme complessità.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Fraser Brown, Review: Alea Jacta Est, su Destructoid, 25 ottobre 2012. URL consultato il 28 luglio 2021.
  2. ^ (RU) Alea Jacta Est, su Absolute Games. URL consultato il 28 luglio 2021.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi