Apri il menu principale

Alessandro Baronciani (Pesaro, 10 maggio 1974) è un fumettista, illustratore e musicista italiano.

Oltre a collaborare con diverse case editrici, riviste musicali e agenzie di comunicazione, si dedica a una produzione sperimentale che comprende fumetti postali, concerti disegnati, reportage illustrati e libri destrutturati, come la sua ultima opera Come Svanire Completamente[1].

Indice

BiografiaModifica

Alessandro Baronciani frequenta l’Istituto Statale d’Arte “Scuola del Libro” di Urbino, dove consegue il diploma in disegno animato[2]. Trasferitosi a Milano, lavora nel campo pubblicitario in qualità di art director per Leo Burnett e Mc-Cann Erickson[3]. Negli stessi anni, disegna e autoproduce fumetti-postali basati su una corrispondenza attiva tra lettori e autore stesso. Piccolo caso nell’editoria DIY (Do It Yourself), i lettori diventano infatti parte delle storie che Baronciani illustra e che poi spedisce alla cerchia di abbonati. L’esperimento letterario dura per cinque anni e si formalizza nei libri Una storia a Fumetti[4] e Raccolta 1992/2012[5].

Nel 2011, realizza le graphic novel Quando tutto diventò blu[6] e Le ragazze nello studio di Munari[7], un libro a fumetti in cartotecnica dedicato a Bruno Munari. Nello stesso anno, l’opera gli fa ottenere il Premio del Giornale XL – La Repubblica, e il Premio Carlo Boscarato al Treviso Comic Book Festival[8]. Nel 2014 pubblica I quit girls[9], un libro che contiene una raccolta delle sue migliori illustrazioni. La sua produzione prosegue nel 2015 con La Distanza[10], un fumetto realizzato on the road insieme al cantante siciliano Colapesce, pseudonimo di Lorenzo Urciullo. Dal loro incontro artistico nasce anche il Concerto Disegnato[11], un tour che porta Baronciani ai disegni e Colapesce alla chitarra acustica in uno spettacolo fatto di proiezioni e live painting che tocca più di 50 città italiane. Nel 2016, illustra il libro per ragazzi Nello spazio con Samantha[12], scritto dall’astronauta Samantha Cristoforetti insieme al fisico Stefano Sandrelli ed edito da Feltrinelli, casa editrice con cui Baronciani ha spesso collaborato come disegnatore e grafico nella saggistica per ragazzi. Sempre nello stesso anno, pubblica Come Svanire Completamente, un’antologia di quaranta racconti sparsi e racchiusi in una scatola insieme a una serie di oggetti, cartoline, foto e mappe che servono al lettore per comporre la storia, a partire da un episodio casuale. Il libro è stato finanziato interamente da un’operazione di crowdfunding indetta dallo stesso autore e ha raggiunto nei primi due mesi 2.000 copie.

Baronciani è vicino a forme d’arte come il cinema e la musica, come dimostrano la sua partecipazione nel 2015 al Locarno Festival[13] come reporter-illustratore, e la realizzazione di manifesti per festival musicali come La Tempesta[14], MiAmi[15], Italian Party[16], Rock Contest[17] della fiorentina Controradio[18] e Lugano Buskers[19], o delle copertine di band come Baustelle[20], Tre Allegri Ragazzi Morti[21], Sick Tamburo[22], Perturbazione[23], I Camillas[24], Rulli Frulli[25] e Raein[26].

Suona la chitarra e canta nelle band Altro[27] e Tante Anna[28].

OpereModifica

FumettiModifica

Libri per ragazziModifica

CataloghiModifica

  • 2012 - Rewind. 50 Fender Italia
  • 2013 - Popism. Luca Beatrice
  • 2014 - I Quit Girls. ZOOO libri.Bologna
  • 2014 - Imago Mundi. Luciano Benetton Collection. Praestigium Italia
  • 2016 - La carta. I sogni. Mappa del '500. Biblioteca Oliveriana

Saggi e criticaModifica

  • 2012 Tirature 2012. Graphic novel. L'età adulta del fumetto. Il Saggiatore
  • 2013 Fumetto! 150 anni di fumetti italiani. AAVV Rizzoli
  • 2014 Il potere sovversivo della carta. Sara Pavan. Agenzia x

NoteModifica

  1. ^ Come svanire completamente, comesvanirecompletamente.it. URL consultato il 19 luglio 2017
  2. ^ Disegno animato e fumetto, scuolalibrourbino.it. URL consultato il 17 luglio 2017
  3. ^ Archivio, gramsci-fvg.it. URL consultato il 12 luglio 2017
  4. ^ Una storia a fumetti, lospaziobianco.it. URL consultato il 18 luglio 2017
  5. ^ Baronciani Raccolta 1992-2012, mangaforever.net. consultato il 18 luglio 2017
  6. ^ Quando Tutto Diventò Blu di Alessandro Baronciani, comicsblog.it. URL consultato il 18 luglio 2017
  7. ^ Baronciani tra le ragazze nello studio di Munari, lospaziobianco.it. URL consultato il 18 luglio 2017
  8. ^ Premio Carlo Boscarato 2011: i vincitori, mangaforever.net. URL consultato il 19 luglio 2017
  9. ^ La grazia delle donne di Alessandro Baronciani, rollingstone.it. URL consultato il 19 luglio 2017
  10. ^ Il fumetto on the road di Baronciani e Colapesce, fumettologica.it. URL consultato il 19 luglio 2017
  11. ^ Colapesce e Baronciani annunciano il tour Concerto Disegnato, rockit.it. URL consultato il 19 luglio 2017
  12. ^ Nello spazio con Samantha di Samantha Cristoforetti, Stefano Sandrelli, libriconsigliati.net. URL consultato il 19 luglio 2017
  13. ^ Il Festival disegnato, rsi.ch. URL consultato il 19 luglio 2017
  14. ^ Albori music festival 2017, rockon.it. URL consultato il 19 luglio 2017
  15. ^ Mi Ami 2014 – Decima Edizione, rockit.it. URL consultato il 19 luglio 2017
  16. ^ Italian Party 16, neuroni.blog. URL consultato il 19 luglio 2017
  17. ^ Parte il Rock Contest 2016, rockcontest.it. URL consultato il 19 luglio 2017
  18. ^ Rock Contest 2015, controradio.it. URL consultato il 19 luglio 2017
  19. ^ Busker Festival, longlake.ch. URL consultato il 19 luglio 2017
  20. ^ Baustelle, gibilterra.org. URL consultato il 19 luglio 2017
  21. ^ Tre allegri ragazzi morti - Nel giardino dei fantasmi, shop.latempesta.org. URL il 19 luglio 2017
  22. ^ Sick Tamburo, bigtimeweb.it. URL consultato il 19 luglio 2017
  23. ^ Anteprima: il video della Banda Rulli Frulli con Tommaso Cerasuolo dei Perturbazione, wired.it. URL consultato il 19 luglio 2017
  24. ^ I Camillas, rockit.it. URL consultato il 20 luglio 2017
  25. ^ Ascolta il mare dalla luna, il nuovo album di Banda Rulli Frulli. URL consultato il 20 luglio 2017
  26. ^ Raien[collegamento interrotto], shop.ilmucchio.it. URL consultato il 20 luglio 2017
  27. ^ Altro, rockit.it. URL consultato il 20 luglio 2017
  28. ^ Tante Anna, tanteanna.bandcamp.com. URL consultato il 20 luglio 2017
Controllo di autoritàSBN IT\ICCU\MODV\294041